WhatsApp, non solo iOS: c’è una sorpresa anche per Android

WhatsApp, grosse novità in arrivo sia per iOS che per Android: tutto quello che c’è da sapere sul prossimo aggiornamento. 

Il timore era che la nuova feature di WhatsApp potesse riguardare una platea assai ristretta. Ma le immagini divulgate da WABetaInfo ci rivelano, per fortuna, che non sarà così. Che la novità più attesa dell’anno sarà introdotta sia su iOS che su Android, con buona pace di chi aveva paura di essere escluso.

Leggi anche: Criptovalute, a volte ritornano: il futuro sorride a questa moneta

Era difatti sembrato, quanto meno in un primo momento, che fosse destinata solo ed esclusivamente ai device di casa Apple. E invece pare proprio che la stessa novità sia presente anche nella beta in via di sviluppo per i dispositivi che supportano il sistema operativo “avversario”.

Le immagini pubblicate dal celebre sito, che quando si parla di WhatsApp è sempre un passo avanti a tutti, mostrano chiaramente che anche gli utenti Android avranno presto la possibilità di reagire ai messaggi ricevuti attraverso la nota app di messaggistica istantanea.

WhatsApp, reazioni ai messaggi in arrivo per tutti

Whatsapp
©Getty Images

La novità è piuttosto consistente: rivoluzionerà del tutto, come si può facilmente intuire, il nostro modo di comunicare. Il perché è presto detto. Le chat diverranno presumibilmente molto più essenziali, dal momento che non sarà più necessario rispondere a determinati messaggi.

Per molti di essi sarà sufficiente aggiungere una reazione, ovviamente collegata al nostro stato d’animo e al sentimento che ha scaturito in noi quel messaggio. Che si tratti di rabbia, di gioia, di lacrime o di qualunque altra cosa, un’emoticon saprà esprimere alla perfezione ciò che stiamo pensando.

Ma quand’è che le reazioni ai messaggi WhatsApp saranno finalmente disponibili su iOS e Android? Questo non lo sappiamo. La feature è ancora in via di sviluppo, ma dalle informazioni raccolte da WABetaInfo pare che il progetto stia facendo passi da gigante e che la funzionalità abbia contorni sempre più definiti. Dovrebbe essere, quindi, solo questione di tempo.