Spareggi Qatar 2022, quale sarà la prima avversaria dell’Italia

Spareggi Qatar 2022
Roberto Mancini ©️LaPresse

Spareggi Qatar 2022, domani si scoprirà quale sarà la prima (si spera) avversaria della squadra di Mancini. Ecco le più probabili

La data è segnata in rosso sul calendario sin dal momento in cui abbiamo capito che non ci sarebbe più stata la possibilità di prendersi il Mondiale senza passare dagli spareggi. E quella data è arrivata. Domani infatti l’urna di Zurigo deciderà quale sarà la prima – si spera anche nella seconda, dopo – avversaria degli azzurri in vista dell’ultima occasione per poter volare in Qatar.

Nella mente di Mancini, come di noi tutti, non c’è posto per la paura. Non ci deve essere. Perché non riuscire a giocare la manifestazione più importante di tutte per il calcio, per la seconda volta consecutiva, non è immaginabile per l’Italia. Ma questo rischio è evidente che c’è, anche perché il sorteggio potrebbe regalarci un girone di fuoco.

LEGGI ANCHE: Usa-Italia, Coppa Davis: pronostici | Il ruolo di Sinner

Spareggi Qatar 2022, la prima avversaria dell’Italia

Petrakov ©️LaPresse

Secondo i bookmaker ci sono infatti delle “favorite”. L’Ucraina infatti, squadra allenata da Oleksandr Petrakov, è quella che gli azzurri potrebbero affrontare nella semifinale che, essendo una delle teste di serie, giocherà in casa. Turchia e Austria invece, già fatte fuori durante l’Europeo, sono quelle che seguono a ruota. Stessa quota anche per la Macedonia del Nord del napoletano Elmas.

Ed è sempre uguale anche quella che vede protagoniste Repubblica Ceca e, soprattutto, Polonia. Perché poi è la squadra di Lewandowski, Zielinski, Milik – tra gli altri – quella che fa più paura in questo momento. Sarebbe un turno durissimo. Una semifinale più difficile forse di quelle partite dell’Europeo quando un’Italia, senza grossi problemi mentali, è riuscita ad arrivare in fondo e a prendersi la Coppa. Ma il momento adesso è cambiato. E la paura c’è, nonostante Mancini sin dai momenti successivi della gara in Irlanda, ha cercato di scacciare. Ma la Svezia è un ricordo tornato prepotente.