Maradona, la statua e il piede sbagliato: la verità è un’altra

Maradona
Maradona ©️LaPresse

Maradona, la statua e il piede sbagliato fanno subito partire le polemiche. Ma la verità è davvero un’altra: la spiegazione

Nemmeno è stata inaugurata che già sono partite le polemiche. Ma quando si parla di Maradona, ovviamente, tutto può essere frainteso. Soprattutto in questo momento, a un anno dalla morte di uno dei più forti di tutti i tempi, se non il più forte.

A Napoli, davanti allo stadio a lui intitolato, verrà posizionata una statua del Pibe De Oro. Un ricordo che ci sta, visto quello che è stato l’argentino per la città di Napoli e per i suoi tifosi. Si è parlato di un presunto errore nel posizionare il pallone. E cioè il piede destro e non il sinistro. Ma prima della verità, esposta dall’autore dell’opera, Domenico Sepe, la domanda da fare è un’altra: davvero per il più grande si può parlare di errore? Lui, con i piedi, faceva quello che voleva, sinistro o destro in maniera indifferente. Quindi, a prescindere, è una polemica inutile.

LEGGI ANCHE: Cagliari-Salernitana, Serie A: streaming, probabili formazioni, pronostici

Maradona, la spiegazione di Sepe

Pelé
Diego Armando Maradona (Getty Images)

“L’opera rispecchia il modello in argilla originale che non prevedeva il pallone – ha spiegato Sepe- Il pallone l’ho fatto perché Maradona è un calciatore e nell’installazione definitiva allo stadio avrà una posizione neutrale. Sarà lì come elemento che va a completare l’opera, tutto qui”. Bene, polemiche morte nella culla, si spera. Perché si sa che quando c’è di mezzo Maradona, può sempre scoppiare qualcosa. Così come è successo nei giorni e nei mesi successivi alla sua morte, che ha distrutto non solo il mondo del calcio e quello sportivo, ma in generale tutti quelli che ne hanno sentito parlare. E sono nel Mondo onestamente pochi quelli che non lo hanno mai nominato.

Insomma, le critiche, che ci saranno sempre, questa volta sono state rispedite al mittente in maniera veloce. E anche corretta. Poi, nel futuro, si vedrà.