Mediaset taglia lo sport: addio a una trasmissione storica

Mediaset
©Getty Images

Mediaset, c’è anche una trasmissione sportiva tra le tre che chiuderanno i battenti a fine mese: ecco di quali si tratta.

La scure della crisi si è abbattuta, in maniera del tutto inaspettata, su tre trasmissioni storiche della televisione italiana, una delle quali interamente dedicata al mondo dello sport. Gli ascolti sempre più bassi, uniti naturalmente ad altre variabili, hanno così costretto Mediaset ad optare per un taglio drastico di risorse e di produzione giornalistica.

Leggi anche: Amazon premia la tua fede calcistica: basta un click per vincerne una

A partire da fine novembre, come anticipa Fanpage.it, chiuderanno bottega il Tg4, StudioAperto e SportMediaset. Resiste alla bufera, almeno per il momento, il Tg5. Sarà TgCom24, da questo momento in poi, ad occuparsi di tutte le notizie dell’azienda, fatta eccezione naturalmente per quelle che saranno lanciate durante il telegiornale della rete ammiraglia.

La notizia peggiore, tuttavia, è che questo non è che l’inizio. Preludio, cioè, di un ridimensionamento che, come riferisce Fanpage.it, porterà ad un progressivo addio allo sport da parte di Mediaset.

Mediaset fa i conti con la crisi

Mediaset
©Getty Images

Il problema, dicevamo, non è solo lo share, sebbene resti inteso che il calo di ascolti pesi in maniera determinante su questa decisione. È che i vertici del colosso italiano si sono visti costretti, per forza di cose, a razionalizzare le risorse anche alla luce di questi numeri, sempre più preoccupanti, e delle entrate costantemente in calo.

Va da sé che la chiusura di Tg4, StudioAperto e SportMediaset non comporterà un “danno” solo per i telespettatori. Secondo alcune indiscrezioni, anche molti dipendenti potrebbero essere costretti a sgomberare le proprie scrivanie e ad andare in cerca di nuove avventure professionali.

Pare che in 45, nel corso dell’ultimo triennio, abbiano già lasciato la sede di Cologno Monzese. A riprova del fatto che la crisi “mangia” anche i più grandi e che la copertura televisiva necessita, per forza di cose, di un drastico ridimensionamento.