DAZN, nuovo colpo di scena | Il comunicato ufficiale

©️Getty Images

DAZN, ecco la nota ufficiale della tv in streaming che chiarisce il discorso relativo alla visione in contemporanea su due device.

Per questa stagione siamo “salvi”: Dazn non ha alcuna intenzione di mettere mano alle regole di utilizzo della piattaforma e alle condizioni contrattuali. Questo non significa che una cosa, per fortuna. E cioè che, almeno per il momento, sarà possibile continuare a vedere i contenuti offerti dalla tv in streaming su due device contemporaneamente.

Leggi anche: Dazn, tutta la Serie A in cambio di pochi spiccioli: cosa succede su Telegram

La smentita tanto attesa, dunque, è ufficialmente arrivata, a meno di 48 ore di distanza dalla fuga di notizie che tanto aveva allarmato gli utenti. Pertanto, sebbene siano state riscontrate alcune irregolarità nelle modalità d’uso delle credenziali da parte degli abbonati, nulla di quanto paventato bolle, ad oggi, in pentola.

Questo per quanto riguarda la stagione sportiva ancora in corso. Non è detto, infatti, che questa variazione non entri in vigore a partire dal prossimo campionato. È troppo presto, ad ogni modo, per fare congetture su quello che potrà accadere da qui a qualche mese. Meglio godersi il momento, dacché il rischio è ormai scongiurato.

DAZN, per il momento resta tutto come prima

Serie A
©Getty Images

La smentita è ufficiale ed è contenuta in una nota stampa diramata proprio dalla tv in streaming. “Nelle condizioni di utilizzo – recita quest’ultima – consultabili al link https://www.dazn.com/it-IT/help/articles/terms-it, attualmente in vigore, è chiaramente indicato che il servizio DAZN e tutti i contenuti visualizzati attraverso lo stesso, sono ad esclusivo uso personale e non commerciale”.

Poi, spazio a quello che ha tutta l’aria di essere un avvertimento. “La password deve essere mantenuta al sicuro, i codici di accesso non devono essere condivisi con nessuno o essere in altro modo resi accessibili ad altri. E ancora, l’abbonamento dà diritto all’utilizzo del servizio su un massimo di due dispositivi contemporaneamente. L’utente accetta che i dati di login siano unici per lo stesso e non possano essere condivisi con altri”.

“Fin dall’inizio del campionato di calcio di Serie A – si legge ancora – abbiamo constatato un considerevole incremento di comportamenti non corretti che non può essere ignorato. Tuttavia, nel rispetto di coloro che usano in modo corretto la condivisione e con l’obiettivo di tutelare l’interesse dei nostri abbonati, nessun cambio verrà introdotto nella stagione in corso”.

Per concludere, un’immancabile stoccata: “Auspichiamo che l’attenzione sollevata dalle indiscrezioni circolate, porti ad una riflessione seria e concreta sul tema degli abusi contrattuali e della pirateria, aspetti che riguardano tutto il mondo delle OTT e non solo Dazn”. ” Approfondiremo questo discorso – conclude la nota – nel corso dell’incontro di martedì 16 novembre con il Ministro Giorgetti, durante il quale illustreremo anche le proposte di rimodulazione e ampliamento delle nostre offerte con l’obiettivo di mettere al centro i consumatori”.