Criptovalute, Tim Cook come Elon Musk: Apple sulle orme di Tesla?

©Getty Images

Criptovalute, ora anche Tim Cook fa parte della platea degli investitori. Ecco il suo parere su questo mercato in espansione.

Elon Musk non è il solo imprenditore ad essersi interessato al mondo delle criptovalute. C’è qualcun altro che, come lui, avrebbe scorto in esse un enorme potenziale. Nella convinzione, evidentemente, che le valute digitali rappresentino il futuro e che sia meglio portarsi avanti.

Leggi anche: Cashback? Amazon fa di meglio: ottieni fino al 15% di sconto immediato

Stiamo parlando di Tim Cook, amministratore delegato di Apple. Intervistato dal New York Times, ha ammesso di aver investito parte del suo capitale in criptovalute. E di averlo fatto per una ragione precisa. “Penso sia ragionevole possederne – ha spiegato alla testata – per diversificare il proprio portafoglio“.

Non si comporterà allo stesso modo di Elon Musk e lo chiarisce subito. Non si preoccuperà, quindi, di sponsorizzare le coin sui social network, come fa il numero uno di Tesla e di SpaceX. Ma ciò non toglie che la sua opinione in merito contribuirà comunque a dare una bella spinta a questo mercato in continua evoluzione.

Criptovalute, Tim Cook investe ma è cauto

Criptovalute
©Getty Images

Ma cosa avrebbe spinto Tim Cook ad interessarsi a Bitcoin, Dogecoin, Ethereum e così via? La risposta è semplicissima e logica: trova che si tratti di un tema interessante che merita, in quanto tale, di essere approfondito.

Ciò nonostante, quando il New York Times gli chiede di dispensare qualche consiglio in merito, non si lancia come fa invece Elon Musk. Risponde, bensì, di non avere alcuna dritta da fare ai suoi fan o ai potenziali investitori. Preferisce andarci cauto, insomma, ritenendo di non essere ancora troppo ferrato in materia.

Non si è sbilanciato neanche a proposito dell’eventuale rapporto tra Apple e criptovalute. Non c’è all’orizzonte, dunque, l’intenzione di dare ai clienti la possibilità di pagare i prodotti con le coin digitali, così come ha fatto Musk con la sua Tesla. Almeno per il momento. Perché quando si parla di Bitcoin e company, si sa, tutto può cambiare in un attimo.