Emma Raducanu e Leylah Fernandez ancora rivali: chi ha vinto sul red carpet

Emma Raducanu
©Getty Images

Emma Raducanu e la sua avversaria agli Us Open, Leylah Fernandez, si sfidano di nuovo sul red carpet del Met Gala. 

Balze, borchie, piume e glitter a go-go. Definire esuberanti i look che sono stati sfoggiati ieri sera a New York, in occasione del Met Gala, sarebbe davvero un eufemismo. Le celebrities di Hollywood non hanno badato a spese, ma neanche le star del momento della WTA, per la verità, ci sono andate giù leggere.

Leggi anche: Berrettini, Ajla Tomljanovic resta a guardare: il silenzio della tennista

Le tenniste che hanno preso parte all’evento hanno evidentemente voluto osare. Abituati come siamo a vederle in sneakers e gonnella, le immagini che le ritraggono agghindate da gran soirée fanno davvero un certo effetto. Una sfida a suon di colpi di spazzola – e di scena – e non all’ultimo rovescio, una volta tanto.

La cosa più strana, ad ogni modo, è stata rivedere, a qualche giorno di distanza dalla finale degli Us Open, Emma Raducanu e Leylah Fernandez. Che, stavolta, anziché sul cemento del Flushing Meadows, si sono “date battaglia” in un contesto completamente diverso: sul red carpet del Met Gala, per l’appunto.

Emma Raducanu, l’outfit più cool è il suo

Leylah Fernandez ©Getty Images

Le due rivali hanno sfoggiato due outfit completamente diversi. La numero due degli Us Open ha sfilato sul tappeto rosso con un look tutto sommato sobrio, da brava ragazza della porta accanto al suo primo Prom ufficiale. Un abito semplice, senza fronzoli, perfetto per la sua giovane età e per la sua personalità discreta.

Ha osato molto di più, di contro, la vincitrice del torneo, la giovanissima Emma Raducanu. Il suo outfit, così straordinariamente diverso da quelli generalmente indossati sul red carpet, ha fatto faville. Il perché è presto detto: dentro c’era tutto il suo scoppiettante e vivace modo di essere.

Emma Raducanu
Emma Raducanu ©Getty Images

C’era un po’ d’Oriente e delle sue origini cinesi, tanto per cominciare, ma c’era anche la freschezza della sua giovanissima età. E poi, la voglia di farsi notare, di rompere gli schemi e di essere unconventional. Per noi, insomma, ha vinto di nuovo lei: promossa a pieni voti e, concedetecelo, con tanto di lode.