Calciomercato Juventus, ufficiale: doppio affare in Serie A

cALCIOMERCATO JUVENTUS
Andrea Agnelli, presidente della Juventus, insieme a Elkann ©️Getty Images

Calciomercato Juventus, ufficiale: doppio affare in Serie A per i bianconeri. Entrambi con la formula del prestito secco

Facciamo un piccolo riepilogo di quello che sta succedendo alla Juventus nell’ultimo giorno di mercato: sono arrivate diverse ufficialità, soprattutto per quanto riguarda dei movimenti in uscita. Bene, l’unico arrivo è quello di Kean dall’Everton. Poi, hanno salutato Cristiano Ronaldo, i giovani Delli Carri, Fagioli e Ranocchia e infine, questione di pochi minuti, anche il difensore Dragusin e l’esterno offensivo, prelevato dal Psv, e del quale si dice un gran bene, Ihattaren.

Questi due sono gli ultimi movimenti che la Vecchia Signora, in maniera ufficiale, ha comunicato: i contratti sono già stati depositati in Lega. Partono entrambi in prestito secco, perché nella prossima stagione, con molta probabilità, faranno parte della prima squadra bianconera. Che ha deciso di mandarli via per farli giocare, affinché possano acquisire quell’esperienza che serve nel massimo campionato italiano.

LEGGI ANCHE: Calciomercato Roma, colpo last minute | Firma in arrivo

LEGGI ANCHE: Calciomercato Serie A, tutti i colpi ufficiali del 31 agosto | LIVE

Calciomercato Juventus, non arriva più nessuno

Ihattaren, dalla Juve alla Samp ©️Getty Images

Non ci saranno, comunque, altri arrivi. La società bianconera ha deciso di mettere alla fine al proprio mercato in entrata. Non verrà fatto né un ultimo tentativo per Pjanic – destinato così a rimanere al Barcellona – e né per Icardi: l’argentino non saluterà il Psg nonostante la permanenza di Mbappé. Sarà un compito arduo quindi quello per Allegri, chiamato di nuovo in sella dai bianconeri, per cercare di rivincere lo scudetto dopo che l’anno scorso è stato strappato dall’Inter.

La sensazione netta è che quella appena iniziata per la Juventus sarà un’annata di transizione. Anche gli acquisti indicano questa direzione. Sono arrivati dei giovani, alcuni nemmeno ancora pronti. E che di conseguenza sono stati mandati via. Il caso più emblematico è quello di Ihattaren: classe 2002, del quale si dice un gran bene, che è gestito da Mino Raiola. Ma ancora troppo acerbo per rimanere nel gruppo di Massimiliano Allegri.