Green Pass e scommesse, altra novità dal governo: la circolare integrale

Green pass
Instagram

Green Pass, c’è una novità sul fronte delle sale scommesse, sale giochi, bingo e casinò: ecco cosa dice la nuova circolare.

Che le sale scommesse, le sale giochi, i bingo e i casinò siano “osservati speciali” è ormai assodato. I controlli sul territorio, com’è giusto che sia, procedono a spron battuto in attività di questo tipo. E se già erano stati intensificati, la nuova circolare del governo sembra annunciare che nessuno farà eccezioni.

Leggi anche: In sala scommesse senza mascherine e green pass: forze dell’ordine in azione

Ma riavvolgiamo il bandolo della matassa, prima di scoprire quali ulteriori novità abbiano deciso di introdurre il premier Mario Draghi e i ministri che compongono la sua squadra. Cominciamo col ricordare, quindi, che il Green pass è obbligatorio in alcune attività al chiuso, tra cui, appunto, le sale scommesse.

L’ingresso in queste strutture, così come quello nelle sale giochi, nei bingo e nei casinò, è subordinato all’esibizione della certificazione verde che attesti la vaccinazione, la guarigione dal Covid o la negatività ad un tampone effettuato da non più di 48 ore. Dove sta, allora, la novità?

Gioco e scommesse, ora il Green pass serve anche qui

Green pass
Pixabay

La circolare che nelle ore scorse è stata inviata alle associazioni di categoria del settore mescola nuovamente le carte in tavola. Il Green pass continua ad essere obbligatorio nelle attività che abbiamo citato in precedenza, ma non solo.

Nel testo integrale del provvedimento si legge chiaramente che, da questo momento in poi, il certificato in questione venga richiesto anche in altri locali. In quegli esercizi commerciali, vale a dire, che pur non essendo classificati come sale scommesse, sale giochi, bingo e casinò offrono, comunque, attività legate al gioco.

Il che lascia presagire, naturalmente, che nulla sarà lasciato al caso. Se già nei giorni scorsi i controlli erano stati rigidissimi, al punto tale che diverse attività sono state multate o addirittura chiuse per reiterata violazione delle norme, sembra evidente che il governo stia chiedendo uno sforzo in più.