Gp d’Ungheria, finale incredibile: l’ordine d’arrivo, beffa Ferrari

Gp d'Ungheria
L'incidente al via ©️Getty Images

Gp d’Ungheria, finale incredibile: l’ordine d’arrivo di una gara condizionata dall’incidente in partenza causato da Bottas.

Colpi di scena a ripetizione nel Gran Premio d’Ungheria di Formula Uno. La pioggia prima della partenza sorprende tutti e alla partenza è un casino incredibile. Sull’asfalto reso viscido dalla pioggia, con le monoposto schierate con gomme intermedie, Lewis Hamilton brucia il compagno Bottas che sbaglia del tutto la partenza. Per provare a rimediare al pasticcio, il finlandese della Mercedes compie un altro errore clamoroso: tira la frenata troppo tardi, perdendo il controllo e dando vita a un incidente.

Bottas tampona Norris, che a sua volta va contro Verstappen che continua la gara ma con la vettura danneggiata. Il finlandese continua la sua scivolata e va a sbattere contro Sergio Perez, subito fuori dai giochi. Anche Lance Stroll parte malissimo e per provare a recuperare va lunghissimo alla prima curva andando a sbattere contro Lecler, subito eliminato dalla corsa.

Per l’errore Bottas è stato penalizzato di due punti dalla patente e nel prossimo Gran Premio verrà penalizzato di cinque posizioni.

“Sono davvero frustrato. Sapevamo di avere l’opportunità di far bene, perciò sono stato molto cauto in partenza. E’ stata una partita di bowling in una domenica prima delle vacanze”. “Anch’io a volte cerco di partire forte, ma questa volta Stroll ha esagerato – ha aggiunto Charles -. Era tante posizioni indietro ed ha guadagnato cinque posizioni in una curva: è un qualcosa di irrealistico. Sanzioni? Non sono la persona giusta per parlarne, I commissari di gara faranno il loro lavoro, ma quello che è successo è ovvio”.

Gp d’Ungheria, l’ordine d’arrivo

F1 2021
Charles Leclerc (Getty Images)

Un Gran Premio che dopo la bagarre alla partenza diventa così imprevedibile. Ad approfittarne più di tutti gli altri è Esteban Ocon che si porta in prima posizione e tiene a bada Sebastian Vellet, su di giri in questa corsa e tornato improvvisamente ai livelli del passato. Sainz dopo il disastro delle qualifiche azzecca una partenza straordinaria e lotta per il podio fino alla fine.

Hamilton pur sbagliando strategia alla ripartenza dopo la bandiera rossa riesce a limitare i danni e non solo, guadagnando punti preziosi e superando nella classifica generale Max Verstappen. Beffa finale per la Ferrari che perde il podio agli ultimi giri, con Sainz che si fa superare da Hamilton.

Questo l’ordine di arrivo finale:

1) Ocon 2) Vettel 3) Hamilton 4) Sainz 5) Alonso 6) Gasly 7) Tsunoda 8) Latifi 9) Russel 10) Verstappen