Olimpiadi Tokyo 2020, quanti soldi vale una medaglia d’oro per gli italiani

Olimpiadi Tokyo 2020
Il presidente del Coni Giovanni Malagò (Foto: IL Veggente.it)

Olimpiadi Tokyo 2020, ecco quanto guadagneranno gli azzurri in caso di vittoria di una medaglia. Premi superiori del 20%

Ma quanto vale una medaglia azzurra alle Olimpiadi di Tokyo 2020? Ecco, se vi siete fatti questa domanda, abbiamo pronta per voi la risposta. Intanto partiamo da un fatto: Giovanni Malagò, presidente del Coni, ha deciso di aumentare del 20% il premio per i nostri atleti vincenti. Una dimostrazione importante dopo un anno di sacrifici per tutti: anche per loro, costretti ad abbandonare ogni attività.

E allora, nel dettaglio, ecco a quanto ammonta il montepremi: chi riuscirà a salire sul gradino più alto del podio porterà a casa 180mila euro. La medaglia d’argento ha un valore di 90mila euro. Mentre quella di bronzo avrà un riconoscimento economico di 60mila euro. A questi premi, che sono al lordo, dovranno essere tolte le tasse che ogni atleta dovrà andare a pagarci sopra. In ogni caso è un montepremi importante, che stimola ancora di più (anche se, vista la manifestazione, non ce n’è bisogno) a fare meglio.

LEGGI ANCHE: Francia-Sudafrica, Giochi Olimpici: pronostici, formazioni, streaming

LEGGI ANCHE: Jessica Rossi, in coppia per vincere a Tokyo 2020 nonostante il divorzio

Olimpiadi Tokyo 2020, la situazione negli altri Stati

Jessica Rossi
Jessica Rossi con Elia Viviani, hanno ampie possibilità di portare a casa una medaglia (Foto: Il Veggente)

Ogni Paese ovviamente decide per sé. I vicini francesi premiamo una medaglia d’oro con 50mila euro. In Germania invece non si superano i 20mila. Una delle Nazioni che offre di meno è il Canada: il gradino più alto del podio ha un valore di 13mila euro. Gli Stati Uniti d’America invece offrono come ricompensa economico poco più di 30 mila euro. Mentre non è previsto nessun ritorno economico per i partecipanti del Regno Unito.

La stessa identica cosa avviene anche per i Paesi Scandinavi: le due Nazioni però sono unite dal fatto che chi vince ha la facoltà di stabilire direttamente tutti i prossimi contratti pubblicitari e di sponsorizzazione. E questo potrebbe portare comunque ad un enorme introito economico.