Ceferin Out, tutti contro l’UEFA: social scatenati, cosa sta succedendo

Ceferin Out
Ceferin ©Getty Images

Ceferin Out, di nuovo in tendenza sui social: ecco cosa sta succedendo e soprattutto perché è nel mirino il presidente della Uefa

Non è un momento facile per il presidente della Uefa Ceferin. Non per i social, ovviamente: le polemiche ci sono sempre state e sempre ci saranno e non intaccano minimamente lo sloveno a capo del calcio europeo. Ma tra Variante Delta che spopola in Inghilterra adesso, e SuperLega prima, Aleksander, sicuramente, avrebbe bisogno di una vacanza a breve.

Adesso è finito nuovamente nell’occhio del ciclone per diversi motivi. Il primo: questione Wembley per la final four dell’Europeo. Non ci sono passi indietro, si giocherà in Inghilterra nonostante l’esplosione dei contagi. Una decisione che non è andata giù a Burioni.  Che ha preso la questione “di petto”

LEGGI ANCHE: Belgio-Italia, quando l’arbitro Vincic venne arrestato per droga e armi

LEGGI ANCHE: Wimbledon, secondo turno: pronostici e possibili sorprese giovedì 1 luglio

Ceferin Out, il tweet di Burioni e le altre polemiche

Ecco, intanto, le parole di Burioni nel suo tweet.

Poi ci ha pensato anche il governo tedesco a dare dell’irresponsabile a Ceferin, confermando quanto scritto nei giorni scorsi. Peccato però che la Germania è fuori e la cosa possa influire un po’ di meno. Ma certo, le parole non sono passate inosservate: “Ho il sospetto che gli interessi commerciali valgano più di quelli della salute” il commento del ministro all’interno tedesco.

Italia-Belgio, stavolta è Rosetti nel mirino

E continuando sulla scia della gara contro l’Austria, quando il Corriere dello Sport aveva criticato la scelta di un arbitro inglese, lo stesso quotidiano si lancia contro Rosetti, designatore Uefa, per aver mandato un arbitro sloveno a dirigere il quarto di finale contro il Belgio. “Perché mandare un connazionale di Ceferin che è in guerra con i potenti del calcio italiano?”. Difficilmente si avrà una risposta a questa domanda. E noi tutti speriamo che queste polemiche finiscano come quelle prima della gara che ci ha permesso di raggiungere questa gara di Euro 2020.