Svezia-Slovacchia: formazioni ufficiali, pronostico marcatori, falli, tiri

Svezia-Slovacchia
I giocatori svedesi durante una sostituzione (Getty Images)

Svezia-Slovacchia è una partita della fase a gironi di Euro 2020 e si gioca venerdì alle ore 15:00 alla Gazprom Arena di San Pietroburgo, in Russia: formazioni ufficiali, diretta tv e streaming, pronostico marcatore, falli, tiri.

Le formazioni ufficiali
SVEZIA (4-4-2): Olsen; Lustig, Lindelöf, Danielson, Augustinsson; S. Larsson, Ekdal, Olsson, Forsberg; Isak, Berg.
SLOVACCHIA (4-2-3-1): Dúbravka; Pekarík, Šatka, Škriniar, Hubočan; Kucka, Hrošovský; Koscelník, Hamšík, Mak; Duda.

In un raggruppamento dove Spagna e Polonia avrebbero dovuto farla da padrone, al momento in cima alla classifica c’è la Slovacchia di Skriniar e Hamsik. Seguita a ruota dalla Svezia, uscita indenne dall’incontro di Siviglia con la Roja grazie ad un’eroica prestazione difensiva. Dopo i primi 90 minuti, il girone E è forse quello che promette maggiori colpi di scena. Sia per gli svedesi che per gli slovacchi, tuttavia, adesso arriva il difficile: confermarsi. Dovranno farlo in questo importante scontro diretto, che potrebbe scombinare nuovamente gli equilibri. La Slovacchia per collezionare altri punti e ipotecare la qualificazione. La Svezia, invece, per conquistare la prima vittoria e dimostrare che oltre alla difesa c’è di più.

Svezia-Slovacchia
Stefan Tarkovic (Getty Images)

Come vedere Svezia-Slovacchia in diretta tv e streaming

Svezia-Slovacchia è in programma venerdì alle 15:00 alla Gazprom Arena di San Pietroburgo, in Russia. Sarà visibile esclusivamente per gli abbonati Sky su Sky Sport Uno (canale 201), su Sky Sport Football (canale 203) e su Sky Sport Hd (canale 251). La stessa trasmissione sarà disponibile in diretta streaming tramite Sky Go, il servizio per dispositivi mobili. Infine è disponibile anche la diretta streaming su NOW, la piattaforma live e on demand di Sky.

I pronostici su marcatori, falli, tiri in porta

Contro la Spagna i giocatori svedesi hanno alzato un muro. Non affacciandosi quasi mai dalle parti di Unai Simon. Solamente un tiro in porta per la nazionale guidata dal c.t. Jan Andersson, costantemente rintanata nella propria metà campo difensiva, con percentuali irrisorie di possesso palla. Un atteggiamento difficilmente replicabile contro un avversario molto meno tecnico come quello slovacco.

Match in cui dovrebbe arrivare il primo gol da parte degli scandinavi nella competizione. Il principale indiziato resta Isak, centravanti esploso quest’anno nella Real Sociedad, fra i più ispirati nella notte di Siviglia.

Per la Slovacchia i pericoli arriveranno probabilmente anche dalla fascia sinistra, dove sarà chiamato a spingersi più in avanti l’esterno Sebastian Larsson. Dall’altra parte, invece, può scoccare l’ora di capitan Hamsik, a secco nella prima giornata: da lontano l’ex Napoli è in grado di fare male. Ma occhio pure agli inserimenti di Mak, schierato sull’out sinistro da Tarkovic, ed al solito Kucka dalla distanza. Il centrocampista del Parma “vanta” anche un’altra candidatura: quella per le probabili ammonizioni. Gli farà probabilmente compagnia, sponda Svezia, il doriano Ekdal.