Cashback, il tempo sta per scadere e questo trucchetto sta impazzando ovunque

Cashback
(Getty Images)

Cashback, il 30 giugno prossimo il semestre si concluderà: nel frattempo in Italia impazza la mania del rimborso. 

Tra due settimane sarà tempo, finalmente, di tirare le somme e di scoprire, dopo sei lunghissimi mesi, se il tanto agognato rimborso sarà nostro o meno. E, perché no, se saremo stati così bravi da accaparrarci anche il golosissimo Super Cashback destinato gli utenti più “attivi”.

Leggi anche: Sale scommesse, giochi e bingo, da oggi si riapre in queste sei regioni: il calendario

Stiamo parlando, ovviamente, dell’iniziativa del Cashback di Stato, che tanto è piaciuta agli italiani. Anche troppo, ad alcuni, dal momento che pare sia “esplosa”, in tal senso, una vera e propria epidemia. Wired racconta, a riprova che quello che stiamo dicendo è vero, che su Facebook e Telegram esistono ormai dei gruppi ad hoc.

Dei gruppi in cui si concentrano gli utenti che hanno la mania del rimborso e che sarebbero disposti a tutto, pur di mettere le mani sui 1500 euro extra in palio. C’è chi racconta di aver stravolto le proprie abitudini solo ed esclusivamente per poter pagare elettronicamente qualunque cosa, dal caffè alla spesa, naturalmente in più tranche.

Cashback mania, ti conviene non fare questo

Cashback
Le carte di debito usa e getta si possono acquistare al supermercato (Getty Images)

E poi c’è chi ne è talmente “ossessionato” da mettere in atto un trucchetto ormai ampiamente consolidato, al quale il governo sta cercando in tutti i modi di opporsi. Proprio ieri, è stato scoperto che un uomo avrebbe fatto 886 transazioni del valore di 0,17 centesimi l’una per mettere il carburante all’auto.

Il tutto, s’intende, per scalare la classifica e per assicurarsi, come dicevamo prima, il Super Cashback cui l’iniziativa va diritto. Molto probabilmente, alle luci delle novità introdotte, queste operazioni non saranno ritenute valide.

La stretta anti-furbetti pensata dal governo, infatti, prevede controlli serratissimi per evitare, appunto, che qualcuno se ne approfitti e decida di barare spudoratamente. Per chi “gioca” onestamente, invece, c’è tempo fino al 30 giugno prossimo per far cassa e per cumulare transazioni valide ai fini del premio extra.