Italia-Turchia, le ultime sulle probabili formazioni: come gioca la squadra di Gunes

Hakan Calhanoglu (Getty Images)

Italia-Turchia aprirà la sedicesima edizione dei Campionati Europei di calcio. Conosciamo meglio i primi avversari della nostra nazionale.

L’attesa sta per terminare. Italia-Turchia, in programma venerdì 11 giugno alle ore 21, aprirà la sedicesima edizione dei Campionati Europei di calcio. Il match andrà in scena allo Stadio Olimpico di Roma, impianto che ospiterà anche gli altri due incontri della nazionale di Roberto Mancini nella fase a gironi, nonché un quarto di finale.

Nella sfida inaugurale, Mancini si affiderà all’ormai collaudato 4-3-3. Davanti a Gianluigi Donnarumma, la difesa sarà verosimilmente formata da Alessandro Florenzi, Leonardo Bonucci, Giorgio Chiellini e Leonardo Spinazzola, favorito su Emerson Palmieri. A centrocampo, l’acciaccato Marco Verratti verrà rimpiazzato con Manuel Locatelli, pronto ad affiancare Nicolò Barella e Jorginho. In attacco, Domenico Berardi è in vantaggio su Federico Chiesa per giocare accanto a Ciro Immobile e a Lorenzo Insigne.

Lorenzo Pellegrini, a causa del riacutizzarsi di un problema muscolare già accusato alla fine del campionato con la Roma, non prenderà parte agli Europei: inviata la richiesta di sostituirlo con Castrovilli.

Come gioca la Turchia

Il commissario tecnico della Turchia è il sessantanovenne Senol Gunes. È tornato nel 2019, dopo aver già guidato questa nazionale tra il 2000 e il 2004: nel 2002, in particolare, la condusse verso un clamoroso terzo posto ai Mondiali.

Gunes punta spesso su un 4-1-4-1, sistema di gioco in cui c’è spazio per la creatività dei centrocampisti offensivi. Hakan Calhanoglu e Yusuf Yazici sono i più pericolosi: il primo gioca nel Milan e non ha bisogno di troppe presentazioni, mentre il secondo milita nel Lille ed è reduce da un’ottima annata, nel corso della quale ha conquistato la Ligue 1 con il proprio club ed è stato capace di realizzare quattordici reti in match ufficiali, comprese due triplette in Europa League. Cengiz Under, Ozan Tufan e Kenan Karaman sono ulteriori valide opzioni sulla trequarti.

Un altro calciatore molto interessante è Caglar Soyuncu, difensore centrale del Leicester. Al suo fianco, Merih Demiral e Ozan Kabak si contendono un posto da titolare.

Umut Meras e l’emergente Ridvan Yilmaz sono in ballottaggio per il ruolo di terzino sinistro, mentre in porta c’è Ugurcan Cakir, apparso recentemente molto carico in conferenza stampa. Okay Yokuslu si piazza davanti alla difesa ed è preziosissimo in fase di interdizione.

Leggi anche: Euro 2020, capocannoniere squadra per squadra: i pronostici sui gruppi C e D

La forte rappresentanza del Lille nella Turchia

Zeki Celik (Getty Images)

Nella nazionale turca, la rappresentanza del Lille è davvero forte. Oltre al sopracitato Yazici, infatti, ci sono Burak Yilmaz e Zeki Celik, anch’essi protagonisti dello strepitoso cammino che ha consentito alla formazione guidata in panchina da Christophe Galtier di centrare il titolo nazionale.

Yilmaz è il centravanti e il capitano della Turchia. Classe 1985, ha un forte carisma, può contare su un’enorme esperienza, è stato sempre in grado di segnare con continuità e dispone di buoni mezzi fisici.

Celik agisce da terzino destro, si trova nel pieno della propria carriera ed è in costante ascesa. Garantisce una spinta importante sulla fascia, crossa bene, fornisce tanti assist e riesce saltuariamente a entrare nel tabellino dei marcatori.

Per l’Italia, insomma, i pericoli non mancheranno. Sarà necessario fare grande attenzione.

Le probabili formazioni di Italia-Turchia

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Florenzi, Bonucci, Chiellini, Spinazzola; Barella, Jorginho, Locatelli; Berardi, Immobile, Insigne.
TURCHIA (4-1-4-1): Cakir; Celik, Demiral, Soyuncu, Meras; Yokuslu; Karaman, Yazici, Tufan, Calhanoglu; B. Yilmaz.