Telegram, c’è un malware travestito da bot che ruba tutti i vostri dati

Telegram
(Getty Images)

Neanche Telegram, come WhatsApp, è esente dai virus. Ecco cosa è in grado di fare il malware una volta installato sul vostro dispositivo. 

Non è tutto oro quel che luccica. E se la nuova policy di WhatsApp ha terrorizzato gli utenti, tanto che più di 25 milioni di essi se la sono dati letteralmente a gambe, non è detto che “altrove” si stia poi così meglio. Anche quella che era finora stata concepita come la terra promessa, ossia Telegram, sembrerebbe infatti presentare qualche problema di troppo.

Leggi anche: Twitter, novità in arrivo: come guadagnare soldi con il “Super Follow”

Malgrado sia stato più volte confermato che quest’app sia imbattibile dal punto di vista della privacy, non è esente, così come non lo è neanche WhatsApp, dai malware. Lo dimostra il fatto che sia stato scoperto, di recente, che anche Telegram è “contaminata” da un pericolosissimo software malevolo.

Questo virus informatico s’insinua nei meandri delle nostre chat e del nostro account Telegram, rubando tutti i dati in cui riesce ad imbattersi. È stato appositamente creato per infettare i dispositivi mobili, ragion per cui è in grado di impadronirsi di password, credenziali d’accesso a siti e app e perfino di denaro.

Anche gli utenti Telegram nella rete degli hacker

Telegram
Telegram e WhatsApp sono tra i principali servizi di messaggistica istantanea (Pixabay)

Ma come si comporta, di preciso, il malware di Telegram? Chi lo ha scovato, ossia i ricercatori dell’azienda Check Point Research, hanno spiegato che questo virus è travestito da account. E si serve, come da essi sottolineato, di un bot capace di inoltrare e-mail phishing agli ignari utenti dell’app.

Il problema sorge nel momento in cui si clicca sull’email in questione, perché partiranno in automatico il download e l’installazione di un programma. Quest’ultimo sarà collegato direttamente al server degli hacker, che potranno così avere libero accesso alle nostre informazioni e ai nostri dati.

Sconsigliamo, naturalmente, di aprire l’email. Nel caso in cui, però, lo abbiate già fatto, esiste un modo per scoprire se il malware abbia già infettato, o meno, il vostro dispositivo. Vi basterà avviare la scansione con un antivirus e, in caso di riscontro positivo, provvedere all’eliminazione.