Schalke 04 retrocesso dalla Bundesliga: i tifosi aggrediscono i calciatori | VIDEO

Schalke 04
(Getty Images)

Schalke 04, una stagione da dimenticare: ecco cosa è successo ieri dopo la partita che ha sancito la retrocessione del club.

È stata una pessima stagione, per lo Schalke 04. E sebbene manchino ancora quattro giornate alla fine del campionato di Bundesliga, la matematica ha già decretato la retrocessione del club. Fatale è stato la sconfitta contro il Bielefeld. La classica goccia che ha fatto traboccare un vaso già colmo di delusione e di amarezza.

Leggi anche: Fortnite, perché Agnelli lo cita per la Super League e la rivoluzione del calcio

Solo in due occasioni, durante questa stagione, la squadra tedesca è riuscita a tornare a casa con 3 punti in tasca. Per il resto, un disastro totale: in 30 partite, ha subito 21 sconfitte e collezionato 7 pareggi, totalizzando così un totale di soli 13 punti. Troppo pochi, per rimanere a galla.

Quando una squadra scende di categoria non è semplice, per un tifoso incallito, accettarlo. Nessuno si sarebbe mai aspettato di assistere, tuttavia, al terribile “spettacolo” che ha fatto seguito alla partita di ieri contro il Bielefeld.

Schalke 04, i tifosi aggrediscono i calciatori

Ma cos’è successo, nella giornata di martedì, una volta terminato il match che ha ufficialmente sancito la retrocessione dello Schalke 04? I tifosi dei Königsblauen non c’hanno visto più. Hanno atteso che l’arbitro fischiasse la fine di quella partita “infernale” e, a quel punto, si è scatenato il putiferio.

Un gruppo di ultras ha atteso i calciatori nel posto in cui era parcheggiato il pullman e, al loro arrivo, ha innescato una vera e propria aggressione fisica e verbale. I giocatori, come si evince chiaramente dal video, sono stati costretti a darsela a gambe levate per non essere colpiti.

All’indomani di questa pagina nera per il mondo dei tifosi e per la Bundesliga, il club di Gelsenkirchen si è detto delusissimo per la reazione degli ultras. Quanto alla retrocessione, invece, la società si sarebbe limitata a commentare con un laconico «Fa più male del previsto, che schifezza».