Super League, il Napoli tentenna e Florentino Perez seduce la Roma

Calciomercato Juventus
Florentino Perez (Getty Images)

Super League, il Napoli e la Roma hanno ricevuto la fatidica proposta. Cosa decideranno di fare? Scopriamo i possibili scenari.

La notte porta consiglio. E, a volte, anche proposte – per così dire – “indecenti”. Come quella che un emissario di JP Morgan, la multinazionale che finanzierà la Super League, ha avanzato al crepuscolo ad una squadra che non era ancora stata inclusa nell’ambizioso progetto che tanto scompiglio ha portato in Europa.

Leggi anche: Super League, pugno duro Uefa: subito esclusi i club

Si tratta del Napoli, che è stato formalmente invitato ad entrare nella schiera dei club europei coinvolti nella nuova competizione calcistica. Ad annunciarlo, poco prima che il contatto avvenisse, come rivela la Gazzetta dello Sport, è stato Florentino Perez, presidente del Real Madrid e della Superlega, che ha ritenuto opportuno intervenire personalmente alla luce del polverone sollevatosi nelle ultime ore.

«La meritocrazia non può esserci per 50 squadre – aveva detto in riferimento, appunto, alle polemiche e alle obiezioni mosse al progetto – però ci sono club come Roma, Napoli e molti altri che hanno diritto di partecipare e studieremo la formula perché possano qualificarsi». Come sarà stata accolta, all’ombra del Vesuvio, la proposta giunta nella notte? Il presidente De Laurentiis è stato tra i primi, negli anni passati, ad auspicare la nascita di una Superlega. E non ha mai fatto mistero della sua convinzione che il calcio debba cambiare ed innovarsi di continuo. Vedremo, allora, cosa deciderà di fare.

Super League, arrivano anche Roma e Napoli?

Super League
De Laurentiis (Getty Images)

Come abbiamo appena visto, Perez non si è limitato a tirare in ballo solo il Napoli. Ha citato anche la Roma, nel suo intervento durante la trasmissione Chiringuito de Jugones, lasciando intendere che anch’essa avrebbe tutte le carte in regola per entrare a far parte della nuova e chiacchieratissima Superlega.

«Chi genera denaro sono i 15 membri fondatori – ha spiegato il presidente del Real Madrid – sono loro che creano il miglior spettacolo del mondo», salvo poi sottolineare che, nonostante questo, non siano comunque da escludersi nuovi ingressi. Come, per l’appunto, quello dei giallorossi.

Non è ancora dato sapere, tuttavia, cosa la società capitolina deciderà di fare. Nessuno, al momento, si è espresso in merito a questo tema tanto scottante. L’atteggiamento duro della Uefa scoraggerà il Napoli e la Roma, oppure decideranno di buttarsi nella mischia e di seguire le orme di Juventus, Milan ed Inter?