Kayky, il golaço segnato dal giovane fenomeno prenotato dal Manchester City | VIDEO

Kayky
Il gol di Kayky

Kayky, lo strepitoso gol del talento 17enne della Fluminense ha fatto in poche ore il giro del mondo: su di lui ha già messo gli occhi il Manchester City di Pep Guardiola.

Il suo gol al Nova Iguaçu, nel match valido per la Taca Guanabara, sembra estratto da un videogioco. Riceve palla al limite dell’area, effettua un doppio slalom su due difensori, ne salta un altro, controlla con la suola e supera anche il portiere, mentre la sfera si accomoda dolcemente in rete. La gemma del 17enne brasiliano Kayky, giovane stella del Fluminense, fa letteralmente strabuzzare gli occhi. Non è neanche maggiorenne, ma vanta già una lunga serie di numeri d’alta scuola.

Non è un caso che il web sia disseminato di sue giocate, “skills” per dirla all’inglese. In Brasile in molti lo definiscono il “nuovo Neymar”, per il modo di trattare la palla e per la velocità con cui riesce a dribblare gli avversari, quasi fosse fatto di gomma. Difficile sbilanciarsi sul suo futuro, ma di sicuro c’è che sta facendo vibrare il cuore di tanti tifosi, non solo della Tricolor.

E pensare che quello segnato in coppa è il secondo gol in assoluto tra i professionisti. L’identikit, insomma, è quello del predestinato. Kayky, infatti, nonostante abbia giocato pochissime gare con la maglia del Flu, ha attirato l’attenzione di molti club europei.

Kayky, il futuro sarà in Inghilterra

Il primo top team a fiondarsi su Kayky è stato il Manchester City di Pep Guardiola. La dirigenza Citizens, davanti alla sue prodezze, non ci ha pensato due volte. Lo ha bloccato per il prossimo giugno, uno volta che avrà compiuto 18 anni. Un’operazione possibile malgrado la nuova regolamentazione introdotta con la Brexit che ha “rivoluzionato” i permessi di lavoro.

Nelle casse del Fluminense finiranno 10 milioni di euro, più otto di bonus. In Inghilterra avrà modo di confrontarsi con una nuova realtà, l’ambiente giusto – e altamente competitivo – per mettere alla prova le sue doti e le sue potenzialità da campione.