Sconcerti esalta Pirlo, i social non perdonano: i meme più esilaranti

Andrea Pirlo
(Getty Images)

Sconcerti, l’articolo che elogia l’allenatore Andrea Pirlo non convince il pubblico dei social. Ecco i meme più esilaranti pubblicati su Twitter.

Un calcio nuovo“. Lo ha definito così, il giornalista del Corriere della Sera Mario Sconcerti, quello che a suo dire sarebbe stato inventato da Andrea Pirlo, tecnico della Juventus. Un articolo che sta riecheggiando in ogni dove, il suo, non fosse altro perché sembra andare in direzione opposta rispetto al comprensibile scetticismo covato dalla maggior parte dei tifosi.

Leggi anche: Esonero Pirlo, delusione Juventus: le quote aggiornate

Il cronista difende a spada tratta l’allenatore dei bianconeri. Non addebita a lui la colpa dell’eliminazione dalla Champions League, ma a ben altri fattori che esulerebbero dalla sua competenza. “Non ha avuto una grande squadra“, scrive, sottolineando come la pandemia abbia colpito anche la Juventus stessa, che sarebbe stata penalizzata dal Covid e dalle conseguenze ad esso legate.

La cosa migliore della Juve a me è sembrata proprio Pirlo“, afferma ancora Sconcerti, lanciandosi poi in una disamina tecnica dell’approccio messo in atto dal coach. “3+1+2+2+2: questo è calcio nuovo, con spazi diversi, a fisarmonica, forse da correggere, ma è nuovo”.

Sconcerti su Pirlo, i meme più esilaranti di Twitter

Peccato solo che non sembrino essere assolutamente d’accordo con lui i suoi lettori. Già, perché l’articolo di Mario Sconcerti su Andrea Pirlo ha scatenato l’ilarità del popolo dei social. In particolar modo su Twitter, dove i meme e i commenti sarcastici sul contenuto del suo pezzo si stanno letteralmente sprecando.

Ecco una selezione di quelli che ci sono sembrati più esilaranti e che, più di altri, la dicono lunga su quale sia l’opinione comune circa l’operato di Pirlo. Opinione che, come ben chiaro, è completamente diversa da quella che il giornalista del Corsera ha espresso tramite le colonne del quotidiano per cui lavora.

Nel calcio a decidere sono i risultati: sarà il campo il giudice finale per capire se avrà ragione Sconcerti o i tifosi, inclusi quelli della Juventus non soddisfatti della sua prima stagione da allenatore in bianconero.