Nba: statistiche, notizie e pronostici partite 18 e 19 gennaio

Nba
James Harden (Getty Images)

Nba, dalle 18:00 (ora italiana) si giocano nove partite, nell’ambito del Martin Luther King Day: ultime notizie, statistiche e pronostici.

Atlanta aveva iniziato la stagione con quattro vittorie in cinque partite e tante aspettative, giustificate da un mercato importante che ha portato in Georgia giocatori di livello come Gallinari e Bogdanovic. Ma tra infortuni e una difesa da rivedere, sono finiti per essere troppo dipendenti dalle lune di Trae Young come lo scorso anno. Preoccupano le sei sconfitte nelle ultime sette gare, in cui gli Hawks sono calati anche a livello offensivo. Minnesota vince con il contagocce ed è di nuovo senza Towns, alle prese con il solito problema al polso, ma può contare sull’ottimo stato di forma delle due guardie titolari, Beasley e Russell, che nella sfida odierna dovrebbero avere vita facile contro la non irresistibile difesa di Atlanta.

Tra le squadre che stanno avendo più continuità nell’ultimo periodo ci sono i Trail Blazers, reduci da cinque vittorie in sei partite. L’attacco continua ad essere il fiore all’occhiello degli uomini di coach Stotts: da quando è iniziata la stagione non hanno mai segnato meno di 100 punti. Contro gli Spurs dovranno fare a meno di due titolarissimi come Nurkic e McCollum, ma hanno un Lillard in grande spolvero che può fare male ad un’altalenante San Antonio, insieme ad una delle panchine più produttive della lega, che vede la presenza di giocatori come Kanter e Carmelo Anthony. Gli Spurs, nonostante abbiano fatto notizia con i recenti successi su Lakers e Clippers, verosimilmente hanno poche chance di vincere questa partita.

Nba
Damian Lillard (Getty Images)

Leggi anche: Cagliari-Milan, Serie A: probabili formazioni e pronostici

Nba, Harden alla prova Giannis

Brooklyn si è presa la scena mondiale in questi giorni per aver imbastito un mega-scambio che ha portato nella Grande Mela James Harden. Il Barba ha scelto di lasciare Houston dopo quasi dieci anni per legarsi a Durant e Irving a provare a vincere il titolo. Il suo esordio contro i Magic è stato sontuoso: 32 punti, 12 rimbalzi e 14 assist. Ma la strada per l’anello rimane piena di insidie: la panchina adesso è più corta e poi c’è la grana Irving, assente nelle ultime gare per motivi personali non specificati. I nuovi Nets stanotte affronteranno una delle possibili contendenti per la vittoria della Eastern Conference, i Bucks di Giannis Antetokounmpo che, battendo Dallas due notti fa, hanno ottenuto il quarto successo di fila, il nono in stagione. Per avere la meglio su Milwaukee il solo attacco, in questo momento, potrebbe non bastare.

Chicago va forte in attacco

In queste prime partite della nuova stagione Nba i Chicago Bulls stanno facendo meglio del previsto. Il loro record è negativo, cinque vittorie e otto sconfitte, ma per quelle che erano le premesse, sarebbe dovuta andare ancora peggio. Il rientro di Markkanen dopo essere stato in isolamento per il virus, ha reso i Tori più imprevedibili a livello offensivo: non a caso sono quarti nella lega per punti segnati, con una media di quasi 120 punti a partita. I Rockets hanno perso Harden, ricevendo in cambio Oladipo dai Pacers, che dovrebbe fare il suo debutto stanotte. Tuttavia, mancherà di nuovo John Wall, come nell’ultima sconfitta con gli Spurs 103-91. Per trovare un nuovo assetto in seguito alla chiusura del “capitolo Barba” ci vorrà del tempo e Chicago, intanto, potrebbe approfittarne.

Nba
Lauri Markkanen (Getty Images)

Dopo aver vinto il titolo lo scorso ottobre, i Los Angeles Lakers hanno mantenuto le due star James e Davis, ma per il resto hanno cambiato parecchio. Finora i risultati danno ragione alla dirigenza, visto che guidano la Western Conference e hanno già il miglior record della lega. La profondità della panchina è il vero fattore, al punto che il tandem LeBron-AD può permettersi delle serate sottotono. Golden State per adesso può fare affidamento su uno Steph Curry tornato ai suoi livelli e sull’ottima difesa di Wiggins, ma è ancora troppo poco per fare male ai campioni in carica.

Nba: le possibili vincenti

New York Knicks (New York Knicks-Orlando Magic, 18 gennaio ore 18:00)
Minnesota Timberwolves (in Atlanta Hawks-Minnesota Timberwolves, 18 gennaio, ore 20:30)
Portland Trail Blazers (in Portland Trail Blazers-San Antonio Spurs, 18 gennaio ore 21:00)
Phoenix Suns (in Memphis Grizzlies-Phoenix Suns, 18 gennaio ore 23:00)
Dallas Mavericks (in Toronto Raptors-Dallas Mavericks, 19 gennaio ore 1:30)
Chicago Bulls (in Chicago Bulls-Houston Rockets, 19 gennaio ore 2:00)
Los Angeles Lakers (in Los Angeles Lakers-Golden State Warriors, 19 gennaio ore 4:00)

Le partite da oltre 220 punti complessivi

Atlanta Hawks-Minnesota Timberwolves, 18 gennaio 20:30
Miami Heat-Detroit Pistons, 18 gennaio ore 21:00
Brooklyn Nets-Milwaukee Bucks, 19 gennaio 1:30
Toronto Raptors-Dallas Mavericks, 19 gennaio 1:30
Chicago Bulls-Houston Rockets, 19 gennaio 2:00