F1 2020, GP 70° anniversario: news, griglia e pronostico

formula 1 2020
Valtteri Bottas (canno73/bigstockphoto)

La Formula 1 continua a dare indicazioni sempre più chiare e ormai quasi scontate riguardo ai valori in pista. La Mercedes ha ottenuto nel Gran Premio del 70° anniversario la quinta pole position stagionale, ma stavolta a farla è stato Valtteri Bottas. Il finlandese è riuscito a battere il suo compagno di squadra e leader del Mondiale, Lewis Hamilton, per 63 millesimi di secondo. Su questa stessa pista, a Silverstone, Hamilton ha vinto domenica scorsa il Gran Premio della Gran Bretagna, nonostante una foratura all’ultimo giro.

A ricevere particolari apprezzamenti al termine delle qualifiche è stato il tedesco Nico Hulkenberg, terzo in griglia. Chiamato a sostituire in Racing Point il pilota titolare Sergio Perez, positivo alla Covid-19, Hulkenberg è alla sua seconda gara consecutiva nel 2020. Il suo tempo in qualifica è stato di quasi quattro decimi di secondo più veloce rispetto a quello del compagno di squadra Lance Stroll, solo sesto.

Hulkenberg ha ricevuto i complimenti anche da molti colleghi per aver saputo riprendere così in fretta la familiarità con una Formula 1. Domenica scorsa si era ritirato prima ancora di partire, a causa di un problema alla frizione. Ma per la prima volta in carriera ha di fatto la possibilità di guidare una macchina molto competitiva, attorno alle cui prestazioni ruota tra l’altro una delle questioni più dibattute e controverse del Mondiale 2020.

Mercedes e Racing Point contro tutti

formula 1 gp 70 anniversario diretta tv live streaming
Lewis Hamilton (canno73/bigstockphoto)

Venerdì la FIA ha comunicato di aver sanzionato la Racing Point con una penalizzazione di 15 punti in classifica generale e una multa da 400 mila euro. La decisione segue la nota protesta delle squadre rivali, formalizzata dal team Renault, per il progetto della macchina della Racing Point del 2020. La tesi degli avversari è che la monoposto sia una copia conforme della Mercedes della stagione scorsa.

La Federazione ha riscontrato un’effettiva anomalia ma soltanto in relazione alle prese d’aria e non all’intero progetto. Ferrari, McLaren, Renault e altre squadre hanno presentato ricorso alla FIA ritenendo la penalizzazione insufficiente e inadeguata rispetto alla questione dibattuta. Tutti i team chiedono inoltre che sia fatta chiarezza in merito alle responsabilità e agli eventuali coinvolgimenti della Mercedes.

La squadra campione del mondo ha finora sempre preso le distanze dalla vicenda e mostrato in genere solidarietà alla Racing Point. Tra i due team esiste un accordo commerciale per la fornitura di power unit e altre componenti da parte della Mercedes.

Ricciardo, Verstappen e le Ferrari

Oltre a Hulkenberg anche Daniel Ricciardo, pilota della Renault, è stato autore di un’ottima prestazione nelle qualifiche del Gran Premio del 70° anniversario. L’australiano ha fatto il quinto tempo con una macchina che il suo compagno di squadra Ocon non è riuscito a sfruttare per far meglio di un undicesimo tempo (e sarà anche retrocesso di tre posizioni in griglia).

Davanti a Ricciardo partirà la Red Bull di Max Verstappen, che non ha avuto una delle sue migliori giornate. Ha comunque piazzato la sua macchina in seconda fila, e domani avrà il vantaggio – unico tra i piloti nelle prime posizioni – di partire con gomme dure (hard) e teoricamente più durevoli. I suoi avversari partiranno invece quasi tutti con gomme soft o medium.

formula 1 2020
Mattia Binotto, team principal della Ferrari (canno73/bigstockphoto)

Per le Ferrari prosegue quella che è finora stata una delle annate più complicate e deludenti di sempre. Charles Leclerc ha fatto l’ottavo tempo, dando peraltro l’impressione di aver portato la macchina al limite. Il suo compagno di squadra Sebastian Vettel non ha nemmeno partecipato alla Q3 e partirà dall’undicesima posizione.

Formula 1, GP 70° anniversario 2020: la griglia di partenza

1) V. Bottas (Mercedes)
2) L. Hamilton (Mercedes)
3) N. Hulkenberg (Racing Point)
4) M. Verstappen (Red Bull)
5) D. Ricciardo (Renault)
6) L. Stroll (Racing Point)
7) P. Gasly (AlphaTauri)
8) C. Leclerc (Ferrari)
9) A. Albon (Red Bull)
10) L. Norris (McLaren)
11) S. Vettel (Ferrari)
12) C. Sainz (McLaren)
13) R. Grosjean (Haas)
14) E. Ocon *** (Renault)
15) G. Russell (Williams)
16) D. Kvyat (AlphaTauri)
17) K. Magnussen (Haas)
18) N. Latifi (Williams)
19) A. Giovinazzi (Alfa Romeo)
20) K. Raikkonen (Alfa Romeo)

*** Ocon è stato penalizzato con un arretramento di tre posizioni in griglia per aver ostacolato Russell in qualifica.

Il pronostico

Il risultato delle qualifiche del Gran Premio del 70° anniversario induce a credere che la gara a Silverstone stavolta possa essere più equilibrata e combattuta in Mercedes di quanto lo sia stata domenica scorsa. Hamilton rimane il favorito per la vittoria, considerando anche la sua tendenza a partire meglio del suo compagno di squadra. Il campione del mondo è ormai da tempo in gara principalmente con sé stesso, con l’obiettivo di battere tutti i record di Formula 1 per quanto gli sia possibile.

Nonostante l’usura in parte anomala delle gomme nel fine settimana scorso alcuni piloti, a giudicare dalle scelte in qualifica, potrebbero adottare la strategia di una sola sosta. Due tra questi potrebbero essere Verstappen e Vettel. Il tedesco ha ben poco da perdere, ma avrà bisogno di un bel po’ di fortuna per arrivare a guadagnare più di tre o quattro posizioni.

Le ambizioni e le possibilità di Verstappen sono ben diverse. Una strategia differente da quella dei suoi principali avversari dovrebbe teoricamente portarlo a competere come minimo per un posto sul podio. C’è però un’incognita rispetto ai primi giri. Le gomme a mescola più dura potrebbero rendere la macchina più difficile da guidare nei primi chilometri. Gli servirà sangue freddo e lucidità per difendere la posizione e rimanere lontano dai guai nelle prime curve.