Serie A, per l’Uefa non si può andare oltre agosto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:49
Uefa
Ceferin (Bigstockphoto)

In una lunga intervista al Corriere della Sera il presidente della Uefa Aleksander Ceferin ha detto che la Serie A non potrà finire a settembre o ottobre. Un’ipotesi, questa, tenuta in piedi dal presidente della FIGC Gabriele Gravina, in caso di impossibilità a ripartire a giugno. Ceferin ha detto che un’eventualità del genere è «abbastanza difficile, avrebbe un impatto pesante sul calendario della stagione 2020-21».

Leggi anche: I migliori film gratis da vedere in streaming su Rai Play

Serie A e Champions League, le parole di Ceferin

Ceferin ha detto che l’alternanza tra campionati nazionali e coppe europee sarà possibile solo se si riprenderà presto, altrimenti ci sarà prima lo spazio per finire i campionati e poi per giocare in un blocco unico Champions League ed Europa League. In ogni caso il presidente della Uefa chiarisce: «Non c’è una data limite per le finali di coppa. Dipende tutto da quando ricominceremo a giocare».

Un altro tema molto importante in vista della crisi economica del calcio è rappresentato dal fair play finanziario: «Abbiamo già sospeso alcune condizioni, ma non rottameremo il fair play finanziario. Ha portato tanti benefici, però deve essere un aiuto, non un ostacolo: saremo flessibili».

Il presidente dell’Uefa è invece favorevole alle misure previste dalla FIFA per il calciomercato: «Dobbiamo dare maggiore flessibilità a club e giocatori. Mi sembra che estendere la finestra per il calciomercato sia una buona opzione».

In definitiva, il calcio deve provare a ripartire al più presto. Meglio giocare a porte chiuse che non farlo proprio, in attesa che i tifosi possano tornare sugli spalti: «Il calcio riporterebbe nelle case dei tifosi emozioni e gioia di cui hanno disperatamente bisogno. Le misure saranno per un periodo limitato, nel tempo si tornerà alla normalità. Vedremo ancora stadi pieni, ne sono certo».

Per rimanere sempre aggiornato sui contenuti di questo sito e di queste pagine iscriviti al canale Telegram.