UEFA, niente “dead line” per Champions ed Europa League

europa league
(foto: Uefa.com)

Attraverso una nota ufficiale la Uefa ha smentito quanto riferito dall’emittente tedesca ZDF in merito alle parole del presidente Ceferin su una presunta “dead line” per Champions League ed Europa League: “Non c’è alcuna data fissata entro cui portare a termine la stagione”.

Questa è la nota ufficiale riportata da Sport Mediaset: “È stato riferito che il presidente Aleksander Ceferin ha dichiarato che la Champions League dovrà terminare entro il 3 agosto. Questo non è vero. Il presidente è stato molto chiaro nel non fissare date precise per la fine della stagione. La UEFA sta attualmente analizzando tutte le opzioni per completare le stagioni nazionali ed europee con l’ECA e l’European Leagues nel gruppo di lavoro istituito il 17 marzo. La priorità principale di tutti i membri del gruppo di lavoro è preservare la salute pubblica. A seguito di ciò l’obiettivo è quello di trovare soluzioni sul calendario per completare tutte le competizioni. Attualmente sono al vaglio opzioni per giocare partite a luglio e ad agosto, se necessario, a seconda delle date di ripresa e dell’autorizzazione delle autorità nazionali”.

KHARKIV, UKRAINE – OCTOBER 23, 2018: UEFA Champions League logo seen on the decoration board at OSK Metalist stadium in Kharkiv during the UEFA Champions League game Shakhtar Donetsk v Mancester City

Uefa Champions League, le ipotesi in ballo

Confermata invece la possibilità di un format diverso per chiudere in minore tempo Champions League ed Europa League. Queste le parole di Ceferi “Il format non sarà un problema. Possiamo giocare con quello attuale o con uno nuovo, con partite secche in campo neutro o sorteggiando chi gioca in casa. La Final eight, o la Final Four, è una possibilità. L’unica decisione sbagliata sarebbe quella di mettere in pericolo la salute di giocatori, tifosi, arbitri e addetti ai lavori. Ma, se ci sono le condizioni di sicurezza, non vedo alcun problema”.

Leggi anche —> Premier League, ufficiale: non c’è una data di ripartenza