Cortina coronavirus: sale il numero dei positivi

(Bigstockphoto)

In Italia, l’emergenza sanitaria è scattata ormai quasi un mese e mezzo fa, quando i primi contagi sono stati accertati. Per tanti giorni, però, molte persone si sono dovute recare comunque al lavoro, visto che scuole e uffici erano ancora aperti in numerose regioni. Oppure hanno potuto tranquillamente raggiungere alcune località rinomate, senza che venisse impedito loro di farlo. All’inizio il problema è stato sottovalutato.

LEGGI ANCHE —> Uefa, rinviate altre partite delle nazionali

Cortina coronavirus: già rinviate finali Coppa del Mondo, appuntamento al 2021 coi Campionati Mondiali

Numerosi abitanti di Cortina d’Ampezzo sono recentemente risultati positivi al coronavirus. In quella zona, del resto, gli impianti sciistici sono rimasti aperti fino al weekend tra il 7 e l’8 marzo, durante il quale migliaia di turisti erano presenti.

Il sindaco Gianpietro Ghedina ha messo in correlazione quel notevole affollamento con la diffusione dei contagi. Ecco le sue parole: «Questo primato negativo è dato ovviamente dal fatto che Cortina è una destinazione turistica importante. La spiegazione è molto chiara: sino al fine settimana del 7 e dell’8 marzo, qui in valle c’erano trentamila persone».

Attualmente, comunque, la situazione è leggermente migliore rispetto a qualche giorno fa. «Mi conforta – ha aggiunto Ghedina – il continuo aggiornamento che ho dalla locale sezione della Croce Bianca. I loro mezzi di soccorso sono usciti pochissime volte nelle giornate di domenica, lunedì e martedì, per trasportare malati all’ospedale. È una situazione ben diversa dal picco di interventi che c’era stato fra il 26 e il 27 marzo. Ed è oltremodo positivo il fatto che il 90% dei contagiati sia in buone condizioni: pochi sono ricoverati all’ospedale di Belluno, nessuno è in terapia intensiva».

Cortina avrebbe dovuto ospitare anche le finali della Coppa del Mondo di sci alpino del 2020, che erano in programma dal 18 al 22 marzo. Quell’importante evento è stato cancellato.

Gli appassionati potranno rifarsi nel 2021. Sempre la nota località veneta, infatti, sarà il teatro dei Campionati Mondiali di sci alpino, che andranno in scena dall’8 al 21 febbraio del prossimo anno.