Demme, Napoli nel destino: Diego in onore di Maradona

(bigstockphoto)

Il Napoli era nel destino di Demme: il nuovo possibile rinforzo per Gattuso si chiama Diego proprio in onore di Diego Armando Maradona, idolo di tutti i tifosi napoletani. La trattativa con il Lipsia per l’arrivo del centrocampista sembra in dirittura d’arrivo.

Il Napoli secondo quanto riportato da più fonti, incluso Sky Sport, sta per chiudere l’acquisto di Diego Demme, centrocampista del Lipsia di 28 anni che dovrebbe arrivare per 12 milioni di euro più bonus.

Ci sono parecchi incroci che legano Demme al Napoli e che fanno sembrare il suo trasferimento un segno del destino. Demme, come ha ammesso nel corso di una intervista rilasciata tempo fa a Sky Sport, si chiama Diego in onore di Maradona: “Mi chiamo Diego perché mio padre è un tifoso di Maradona. Maradona è stato il migliore calciatore della storia e così mio padre mi ha dato questo nome”. Il papà di Demme, che tifa Napoli, è nato in Calabria ed è quindi conterraneo del nuovo allenatore Gattuso.

Diego Demme, per caratteristiche, è un calciatore per certi versi simile a Gattuso. Gioca sempre con grande grinta, non tira mai indietro né la gamba né la testa, come dimostrato dal suo primo gol nel Lipsia in cui ha perso un dente pur di far gol.

Demme, le caratteristiche del prossimo centrocampista del Napoli

Demme avrà il compito di aiutare la fase di non possesso palla del Napoli, quanto mai carente nel corso di questa stagione. In Bundesliga ha messo in mostra anche nel corso di questo campionato – in cui è stato titolare del Lipsia primo in clssifica – le sue doti da interditore. Si trova al ventesimo posto per numero di tackle vincenti, 2.4 in media a partita ed è un calciatore che ama andare in contrasto con gli avversari.

Del resto, lo stesso calciatore in passato ha ammesso di ispirarsi a Gattuso: “”Mi piacevano il suo gioco aggressivo e la sua grinta, la sua voglia di dare sempre tutto per la squadra per trascinarla, mi sento molto simile a lui nel mio stile: metto tutto me stesso in campo”.