Barcellona-Valencia, la finale di Coppa del Re

Coppa del Re

Stasera a Siviglia si gioca l’ultima partita della stagione spagnola: le probabili formazioni, la diretta streaming e le cose da sapere.

BARCELLONA – VALENCIA | sabato ore 21:00

Il Barcellona e il Valencia, rispettivamente prima e quarta in classifica nel campionato spagnolo da poco terminato, si contenderanno stasera la Coppa del Re a Siviglia al Benito Villamarin, stadio del Betis. Le semifinali si erano disputate a febbraio: il Barcellona ha eliminato il Real Madrid, e il Valencia il Betis. Per le squadre spagnole si tratta dell’ultimo trofeo in palio per questa stagione, considerando che nessuna delle due finaliste ha raggiunto la finale in altre competizioni.

Il Barcellona ha vinto la Coppa del Re trenta volte, più di qualsiasi altra squadra. La più recente è stata l’anno scorso, contro il Siviglia, e l’ultima finale persa risale al 2014. Il Valencia è la quinta squadra ad aver vinto più edizioni (7) ma non ne vince una da undici anni.

Come ci arriva il Barcellona

Vinto il titolo della Liga con tre giornate di anticipo, il Barcellona di Ernesto Valverde si è completamente concentrato sulla Champions League. È finita malissimo: nonostante una rassicurante vittoria per 3-0 all’andata i sacrifici di tutta una stagione sono stati vanificati da una clamorosa eliminazione ad Anfield contro il Liverpool in semifinale. Per il secondo anno consecutivo il Barcellona ha sprecato un cospicuo vantaggio nel ritorno di una partita a eliminazione diretta della competizione più importante della stagione (nell’edizione precedente aveva straperso a Roma).

La vittoria della Coppa del Re è quindi diventata secondo diversi commentatori una condizione per la piena riconferma dell’incarico a Valverde, al di là dell’aspetto formale delle dichiarazioni del presidente Josep Maria Bartomeu. Un esonero in caso di sconfitta sarebbe una scelta magari sorprendente ma di sicuro non clamorosa, considerando l’altro esempio europeo fornito dal caso della Juventus. La vittoria del quinto scudetto in cinque anni di lavoro con Massimiliano Allegri non ha convinto la dirigenza a proseguire il rapporto con l’allenatore. E proprio Allegri, nell’improbabile caso di un esonero di Valverde, potrebbe rientrare nel giro dei profili presi in considerazione dal Barcellona.

Dal punto di vista atletico il Barcellona riavrà a disposizione per questa finale contro il Valencia alcuni giocatori recentemente assenti per infortunio. L’esterno Ousmane Dembélé ha saltato le ultime due giornate di campionato per uno stiramento: è di nuovo tra i convocati ma difficilmente sarà titolare. Non ci sarà invece l’uruguaiano Luis Suárez, che dopo la vittoria della Liga ha concluso in anticipo la stagione per un intervento di artroscopia per risolvere un problema al menisco del ginocchio destro. I tre attaccanti titolari dovrebbero essere Coutinho, Messi e Malcom, sempre che Valverde non scelga una tattica più prudente con Nelson Semedo al posto di Malcom nel ruolo di esterno destro.

Come ci arriva il Valencia

Il Valencia di Marcelino ha concluso la stagione in ottima forma. Tre vittorie nelle ultime tre giornate del campionato gli hanno permesso di ottenere il quarto posto e la qualificazione alla prossima Champions League, battendo la concorrenza del Siviglia e del Getafe. In questo stesso intervallo di tre partite è riuscito a segnare ben undici gol, sebbene sei li abbia fatti a una squadra molto vulnerabile. Sono comunque serviti, questi gol, a migliorare non poco quella che fino ad aprile era da considerare la più grave debolezza della squadra: l’attacco.

Ceduto Simone Zaza (autore di un buon girone di andata nel campionato scorso) e constatata la discontinuità di Rodrigo Moreno, il Valencia non ha risolto il problema della mancanza di un centravanti da doppia cifra. Il capitano Dani Parejo, centrocampista rigorista, è il giocatore che ha segnato più gol in campionato (9), seguito da Rodrigo (8). Pur costruendo azioni con rapidità e fluidità, grazie anche alle eccellenti qualità degli esterni Gonçalo Guedes e Carlos Soler, il Valencia ha faticato moltissimo a concretizzare stabilmente le occasioni da gol. Come chiarito dalle statistiche, spesso è più facile appunto che a sbloccare il risultato contribuisca in modo più determinante l’inserimento di un centrocampista. E da questo punto di vista sia Parejo che Kondogbia sono due giocatori ben attrezzati.

Il Valencia ha concluso il campionato con la seconda migliore difesa per numero di gol subiti (35), uno in meno del Barcellona. Meglio ha fatto, come quasi sempre, soltanto l’Atletico Madrid. Ezequiel Garay e Gabriel Paulista sono quasi unanimemente ritenuti due dei più forti centrali della Liga spagnola. E il ventiquattrenne José Gayà è con ogni probabilità il più promettente terzino spagnolo in circolazione. L’unico assente di un certo rilievo è il centrocampista e trequartista russo Denis Cheryshev, che in questa stagione ha giocato molto poco (e nemmeno tanto bene) a causa di ripetuti infortuni.

Come vedere Barcellona-Valencia in diretta TV o in streaming

Barcellona-Valencia sarà trasmessa stasera alle 21 in diretta TV in chiaro su Nove e, per chi ha un account, anche in diretta streaming su DAZN. La diretta di Nove in streaming dovrebbe essere disponibile sul sito Dplay.

Il pronostico

La partita tra il Barcellona e il Valencia, peraltro privo di assenze significative, potrebbe essere meno scontata del previsto. Entrambe le squadre, al netto del conclamato potere d’attacco del Barcellona, hanno mostrato eccellenti qualità difensive nel corso di questa stagione (e anche di quella precedente). Ogni tanto (vedi il Barcellona ad Anfield, per esempio) perdono un po’ i riferimenti, diciamo. Ma questa finale potrebbe non essere spettacolare quanto ci si aspetterebbe in circostanze normali da una partita in cui una delle due squadre sia il Barcellona. Il risultato potrebbe anzi rimanere incerto per una parte consistente di tutti i novanta minuti. Alla lunga il Barcellona dovrebbe tuttavia beneficiare della sua maggiore qualità in attacco e anche in panchina.

Le probabili formazioni

BARCELLONA (4-3-3): Cillessen; Sergi Roberto, Piqué, Lenglet, Jordi Alba; Busquets, Rakitic, Vidal; Coutinho, Messi, Malcom.
VALENCIA (4-4-2): Jaume Domenech; Piccini, Gabriel Paulista, Garay, Gayá; Kondogbia, Parejo, Guedes, Soler; Rodrigo Moreno, Santi Mina.

POSSIBILE RISULTATO: 2-1