Liga: cosa può ancora succedere nell’ultima giornata

La classifica è ormai definita in zona retrocessione ma apertissima per quanto riguarda i piazzamenti per la Champions e per l’Europa League.

Tra sabato e domenica si giocheranno tutte le partite dell’ultima giornata del principale campionato spagnolo, La Liga. Il Barcellona ha matematicamente vinto il titolo alla fine di aprile, con tre giornate di anticipo. Resta da decidere tutto il resto tranne il quadro della retrocessione, che è già molto chiaro.

Retrocessione

I risultati delle ultime settimane e quelli della giornata scorsa hanno anche determinato la retrocessione matematica dell’Huesca e del Rayo Vallecano, ultimo e penultimo, e quella praticamente certa del Girona. Sono invece matematicamente salvi il Villarreal, il Levante e il Valladolid.

Il Girona, che aveva disputato un più che dignitoso girone di andata, si è completamente perso in quello di ritorno. La settimana scorsa è stato battuto per 2-1 anche dal Levante, un potenziale avversario diretto, e ora ha un solo improbabilissimo modo per salvarsi. Dovrebbe vincere in casa dell’Alaves, e il Celta Vigo dovrebbe perdere con almeno sei gol di scarto in casa contro il Rayo Vallecano, retrocesso. Gli scontri diretti tra Girona e Celta sono infatti terminati in parità di gol e con una vittoria per parte, e quindi in caso di parità di punti sarebbe rilevante la differenza gol, ampiamente a favore del Celta.

Champions League

Per quanto riguarda il quarto posto e la qualificazione alla prossima Champions League ci sono tre squadre in corsa. Il Valencia e il Getafe hanno 58 punti e il Siviglia 56. Al momento il Valencia è in vantaggio su tutto, sia negli scontri diretti contro il Getafe (0-1, 0-0) che in quelli contro il Siviglia (1-1, 0-1). E sarebbe in vantaggio in una ipotetica classifica avulsa a tre, eventualità realizzabile soltanto in caso di pareggio del Valencia, pareggio del Getafe e vittoria del Siviglia in questa ultima giornata (salirebbero tutte e tre a 59 punti). Il Valencia giocherà in trasferta contro il Valladolid, matematicamente salvo; il Getafe in casa contro il Villarreal, matematicamente salvo; il Siviglia in casa contro l’Athletic Bilbao.

Europa League

E proprio l’Athletic Bilbao, settimo in classifica con 53 punti, è la squadra messa meglio per questo ultimo posto disponibile nella prossima Europa League. La squadra vincitrice della Coppa del Re, che sia il Valencia o il Barcellona, ha già ottenuto per meriti di classifica un piazzamento in una delle prossime competizioni europee. Il suo posto di diritto nella prossima Europa League, tramite qualificazione diretta, sarà quindi ceduto alla sesta in classifica. E la sesta cederebbe a sua volta alla settima, l’Athletic Bilbao, il diritto alla qualificazione dal secondo turno.

Le uniche due squadre che potrebbero raggiungere l’Athletic Bilbao in classifica e superarlo per vantaggio negli scontri diretti sono l’Espanyol e la Real Sociedad. E giocheranno contro, in casa dell’Espanyol. Hanno entrambe tre punti in meno dell’Athletic ma ciascuna delle due squadre è in vantaggio negli scontri diretti contro l’Athletic Bilbao. All’Athletic insomma toccherà fare almeno un punto, in casa del Siviglia, per non rischiare seriamente di cedere la settima posizione. Dovesse riuscire a batterlo salirebbe addirittura in sesta posizione, costringendo il Siviglia a disputare i turni di qualificazione per l’Europa League (a parità di punti l’Athletic sarebbe infatti in doppio vantaggio negli scontri diretti, avendo già vinto 2-0 nel girone di andata).