Arsenal-Napoli, Europa League: pronostici, analisi, formazioni

I pronostici sulle partite di calcio della Europa League

Arsenal-Napoli è l’unica partita di andata dei quarti di finale di Europa League con in campo una squadra italiana, si giocherà alle 21.00: le probabili formazioni, le cose da sapere e il pronostico.

ARSENAL – NAPOLI | giovedì ore 21:00

Arsenal-Napoli è considerata da molti addetti ai lavori una finale anticipata, perché si affrontano due delle principali favorite per la vittoria dell’Europa League.

L’Arsenal ha superato agevolmente il gruppo E, vincendo cinque partite su sei e pareggiando l’altra, qualificandosi con due turni di anticipo. Nella fase a eliminazione diretta ha invece dovuto soffrire di più sia ai sedicesimi che agli ottavi di finale. Le partita di andata giocate in trasferta le ha perse sia contro il Bate Borisov che contro il Rennes, salvo poi prendere a pallate gli avversari al ritorno all’Emirates Stadium. Stavolta dovrà subito concentrarsi perché la partita di andata dei quarti di finale contro il Napoli, l’Arsenal la giocherà in casa. E stavolta sarebbe ben più difficile recuperare un’eventuale sconfitta.

Il Napoli ha iniziato la stagione in Champions League ed è uscito a testa alta da un girone tostissimo con Psg e Liverpool, arrivando al terzo posto e guadagnandosi così il passaggio in Europa League. Ai sedicesimi di final ha eliminato senza problemi lo Zurigo, mentre agli ottavi contro il Salisburgo il risultato complessivo è stato 4-3 ma la squadra allenata da Ancelotti aveva già ampiamente messo al sicuro il passaggio del turno all’andata vincendo 3-0.

L’unica volta in cui questi due club si sono affrontati in Europa è stato nell’edizione 2013/2014 della Champions League, nella fase a gironi. L’Arsenal vinse 2-0 in casa, stesso risultato per il Napoli al San Paolo che però fu poi eliminato pur facendo dodici punti nel girone.

A rendere il confronto ancora più affascinante c’è la sfida tra due allenatori vincenti in Europa come Unai Emery e Carlo Ancelotti. Lo spagnolo è riuscito infatti nell’impresa di vincere per tre volte consecutive l’Europa League ai tempi del Siviglia tra il 2014 e il 2016, mentre Ancelotti ha vinto la Champions League per tre volte, due con il Milan e una con il Real Madrid.

Come se la passa l’Arsenal

L’Arsenal sta lottando in Premier League per chiudere tra le prime quattro classificate e qualificarsi così per la prossima Champions League, ma non sarà facile perché ci sono solo due posti per quattro squadre (le altre sono Tottenham, Chelsea e Manchester United) racchiuse in pochi punti. Nell’ultimo turno l’Arsenal ha avuto un passaggio a vuoto perdendo 1-0 in casa dell’Everton, confermando i sui limiti di rendimento nelle partite in trasferta, dove nelle ultime dodici occasioni ha vinto solo due volte, contro una squadra di categoria inferiore (il Blackpool in Fa Cup) e contro l’Huddersfield ultimo in classifica in Premier League. In questo parziale l’Arsenal ha perso ben sette partite, non sono poche: il Napoli dovrà puntare soprattutto sulla partita di ritorno, e fare un gol all’Emirates sarebbe l’ideale per avere maggiori speranze di passaggio del turno.

In casa l’Arsenal è invece un osso duro, ha vinto ben tredici delle ultime quindici partite giocate all’Emirates e nelle sei più recenti ha subito un solo gol dal Bournemouth in una partita finita però 5-1.

Come se la passa il Napoli

Il girone di ritorno di Serie A del Napoli non è stato all’altezza di quello di andata, non è riuscito a restare vicino in classifica alla Juventus che nel prossimo turno potrebbe – con un pareggio in casa della Spal – diventare la prima squadra italiana a vincere lo Scudetto con sei giornate di anticipo. L’obiettivo principale è però diventato proprio l’Europa League, e rispetto all’Arsenal che non può snobbare il campionato potrebbe essere un vantaggio nell’ottica del doppio confronto: se il Napoli tra la partita di andata e quella di ritorno potrà schierare le seconde linee col Chievo, l’Arsenal in casa del Watford lunedì prossimo non potrà fare grande turn over.

La sconfitta contro l’Empoli e il pareggio in casa contro il Genoa non fanno troppo testo: il Napoli che giocherà in Europa League sarà ben più determinato, anche se la fase difensiva è peggiorata nelle ultime settimane e l’assenza di Raul Albiol si sta facendo sentire più del previsto. Nelle ultime sei partite il Napoli non è mai riuscito a mantenere la porta inviolata subendo ben dieci gol. E l’Arsenal quando attacca in casa sa essere irresistibile.

Le ultime notizie sulle formazioni

L’allenatore dell’Arsenal Unai Emery dovrà fare a meno dei lungodegenti Rob Holding, Hector Bellerin e Danny Welbeck ma recupera dalla squalifica per l’occasione Sokratis che sarà titolare in una difesa schierata a tre con Mustafi e Koscielny. Quest’ultimo ha saltato per infortunio la partita persa contro l’Everton alla pari del centrocampista Granit Xhaka, ma Emery spera di recuperarli tutti e due. In mezzo al campo con il nazionale svizzero dovrebbe essere l’ex Sampdoria Torreira, mentre sugli esterni i titolari dovrebbero essere Maitland-Niles a destra e Kolasinac a sinistra. In attacco Aubameyang – partito dalla panchina contro l’Everton – dovrebbe giocare come attaccante centrale con Lacazette spedito in panchina e spazio sulla trequarti per Ramsey e Iwobi, fermo restando la possibilità di fare giocare Ozil o Mkhitaryan.

Il Napoli recupera Insigne

Entrato in campo durante la partita contro il Genoa, Insigne ha pienamente recuperato dall’infortunio e potrebbe giocare in attacco titolare nel solito 4-4-2 proposto da Ancelotti al fianco di Mertens, apparso particolarmente in forma nell’ultimo periodo. A farne le spese potrebbe essere Milik, di sicuro uno dei tre resterà fuori perché Ancelotti per questioni di equilibrio difficilmente li proporrà tutti e tre insieme.

Sempre fuori per infortunio Albiol e Diawara, in porta ci sarà Meret visto che Ospina non ha ancora giocato una partita ufficiali da quando è stato colpito in testa ed è stato costretto ad abbandonare il campo nella partita vinta 4-2 contro l’Udinese. Se la coppia di difensori centrali sarà quella formata da Maksimovic e Koulibaly, ci sono più dubbi sui terzini con Malcuit e Mario Rui al momento favoriti su Hysaj e Ghoulam. Pochi dubbi per il centrocampo che sarà quello titolare con Callejon, Fabian Ruiz, Allan e Zielinski.

Il pronostico

L’Arsenal in casa va alla grande e dovrebbe vincere questa partita di andata sfruttando le recenti incertezze della difesa del Napoli che però potrebbe riuscire a segnare un gol che sarebbe fondamentale in ottica qualificazione.

Le probabili formazioni di Arsenal-Napoli

ARSENAL (3-4-2-1): Cech; Mustafi, Sokratis, Koscielny; Maitland-Niles, Xhaka, Torreira, Kolasinac; Ramsey, Iwobi; Aubameyang.
NAPOLI (4-4-2): Meret; Malcuit, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Fabian Ruiz, Allan, Zielinski; Mertens, Insigne.

PROBABILE RISULTATO: 2-1