Qualificazioni Euro 2020: contro chi gioca l’Italia

Roberto Mancini (foto: nazionalecalcio / flickr.com, ritagliata, licenza Creative Commons)

L’Italia giocherà la prima partita del suo girone di qualificazione agli Europei del 2020 sabato prossimo contro la Finlandia, alle 20:45, alla “Dacia Arena” di Udine. Le altre avversarie del girone sono, in ordine di calendario, Liechtenstein, Grecia, Bosnia e Armenia. Questi sono i calciatori che ha convocato Roberto Mancini per le prime due partite. L’altra si giocherà martedì 26 marzo allo stadio “Tardini” di Parma.

I convocati dell’Italia

PORTIERI: Alessio Cragno (Cagliari), Gianluigi Donnarumma (Milan), Mattia Perin (Juventus), Salvatore Sirigu (Torino);

DIFENSORI: Cristiano Biraghi (Fiorentina), Leonardo Bonucci (Juventus), Giorgio Chiellini (Juventus), Alessandro Florenzi (Roma), Armando Izzo (Torino), Gianluca Mancini (Atalanta), Cristiano Piccini (Valencia), Alessio Romagnoli (Milan), Leonardo Spinazzola (Juventus);

CENTROCAMPISTI: Nicolò Barella (Cagliari), Bryan Cristante (Roma), Jorginho (Chelsea), Stefano Sensi (Sassuolo), Marco Verratti (Paris Saint Germain), Nicolò Zaniolo (Roma);

ATTACCANTI: Federico Bernardeschi (Juventus), Federico Chiesa (Fiorentina), Stephan El Shaarawy (Roma), Vincenzo Grifo (Friburgo), Ciro Immobile (Lazio), Moise Kean (Juventus), Kevin Lasagna (Udinese), Leonardo Pavoletti (Cagliari), Matteo Politano (Inter), Fabio Quagliarella (Sampdoria).

Le avversarie dell’Italia

Finlandia

La Finlandia è al cinquantottesimo posto della classifica Fifa e il suo allenatore è Markku Kanerva, in carica dal 12 dicembre 2016. I calciatori più conosciuti sono il portiere Lukas Hradecky del Bayer Leverkusen e l’attaccante Teemu Pukki del Norwich, squadra della Championship inglese in lotta per la promozione in Premier League: è prima in classifica grazie anche ai 24 gol segnati da Pukki, con tanto di 9 assist. Il capitano è Tim Sparv, che gioca nel Midtjylland, squadra che ha appena chiuso al secondo posto la regular season nel campionato danese. Nella recente Uefa Nations League la Finlandia ha vinto il suo girone con Ungheria, Grecia ed Estonia.

Liechtenstein

Il Liechtenstein occupa la posizione 181 della classifica Fifa e l’unica vittoria che ha ottenuto dal 2015 in poi è arrivata contro Gibilterra, il 9 settembre del 2018, nella Nations League conclusa comunque all’ultimo posto del girone 4 della League D. L’allenatore è Helgi Kolvidsson, in carica dal 1 gennaio 2019. Il calciatore più conosciuto in Italia è Marcel Büchel, di proprietà dell’Empoli ma attualmente fuori rosa e senza nemmeno una presenza in stagione. Il capitano si chiama Martin Büchel, gioca nello Zurigo. Il calciatore con il più alto valore di mercato è Dennis Salanovic, esterno destro di 23 anni che gioca in Svizzera nel Thun.

Grecia

La Grecia è al quarantatreesimo posto della classifica Fifa ma ha vinto un campionato Europeo più recentemente dell’Italia (quello del 2004, clamorosamente). Il commissario tecnico è Angelos Anastasiadis, in carica da novembre scorso. Nell’ultima Nations League si è classificata dietro alla Finlandia, che ritroverà in questo girone e rispetto alla quale ha teoricamente una rosa più competitiva. I calciatori più famosi sono Kostas Manolas della Roma e Sokratis dell’Arsenal, non a caso entrambi difensori, tradizionalmente il punto di forza di questa nazionale. A mancare sono sempre stati gli attaccanti di buon livello: negli ultimi anni la Grecia si è affidata soprattutto a Konstantinos Mitroglou, attualmente al Galatasaray, che non ha mai garantito un rendimento costante.

Bosnia-Erzegovina

La Bosnia-Erzegovina è sulla carta la rivale più temibile per l’Italia: trentaquattresima nella classifica Fifa, ha a disposizione calciatori di alto livello che giocano proprio nella Serie A italiana, in particolare il centrocampista della Juventus Miralem Pjanic e l’attaccante della Roma Edin Dzeko. Ci sono anche altri calciatori della Serie A come Rade Krunic dell’Empoli ed Ervin Zukanovic del Genoa, mentre Senad Lulic della Lazio si è ritirato dalla nazionale. Il commissario tecnico è Robert Prosinecki, in carica dal gennaio del 2018.

Armenia

L’Armania ha un solo calciatore di alto livello: il trequartista dell’Arsenal Henrikh Mkhitaryan, che è anche il capitano della squadra allenata da Armen Gyulbudaghyants. Per il resto l’Armenia ha calciatori di scarsa levatura tecnica, e i pessimi risultati della nazionale negli ultimi anni ne sono la conferma: è scesa alla posizione numero 101 della classifica Fifa, non riuscendo a centrare la prima posizione nella classifica del gruppo 3 della League D della Nations League, in cui si è arresa alla Macedonia.