Atalanta-Frosinone, Serie A (lunedì)

Serie A
Serie A

Atalanta-Frosinone è l’ultima partita della prima giornata di Serie A, si gioca lunedì sera: le probabili formazioni, le cose da sapere e il pronostico. In questo avvio di stagione in Europa League l’Atalanta ha già messo in mostra un ottimo stato di forma, il Frosinone può ambire al massimo alla salvezza.

ATALANTA – FROSINONE | lunedì ore 20:30

In questo avvio di stagione in Europa League l’Atalanta ha già messo in mostra un ottimo stato di forma, e nonostante alcune cessioni importanti come quelle di Caldara, Spinazzola e Cristante sembra in grado di mantenere livelli molto alti. Il Frosinone neopromosso in Serie A non ha fatto granché sul mercato e può ambire al massimo alla salvezza.

L’Atalanta continua a giocare bene

Negli ultimi anni l’Atalanta pur cedendo molti calciatori importanti è riuscita a mantenersi su alti livelli di rendimento. E semmai a non ripetersi sono stati finora quasi tutti i calciatori che sono stati venduti alle altre squadre. L’allenatore Gian Piero Gasperini è riuscito a inventarsi una tattica di gioco quasi magica, visto che quasi tutti i nuovi che arrivano riescono a integrarsi bene con i nuovi compagni e a fare rendere la squadra.

Le cessioni pesanti di questa estate sono state quelle di Bryan Cristante (Roma), Andrea Petagna (SPAL), Leonardo Spinazzola (Juventus) e Mattia Caldara (Juventus). L’allenatore si è un po’ lamentato del calciomercato in entrata, che pure non è stato malvagio, visto che sono arrivati Duván Zapata, Marco Tumminello, Arkadiusz Reca, Mario Pasalic, Marco Varnier (subito infortunato), Matteo Pessina e il colpo last minute Emiliano Rigoni dallo Zenit San Pietroburgo, che l’anno scorso ha fatto molto bene in Europa League.

Rispetto all’anno scorso l’assenza più pesante sarà quella di Caldara, mentre già Spinazzola era rimasto a lungo fuori per infortunio, e Cristante non era sempre titolare. Sulla trequarti Mario Pasalic ed Emiliano Rigoni si alterneranno a Josip Ilicic e al “Papu” Gomez. Senza dimenticare il giovane emergente Moussa Barrow e il nuovo acquisto Duvan Zapata.

I risultati in Europa League sono stati più che incoraggianti: tre vittorie e un pareggio su quattro partite con sedici gol segnati.

Cosa aspettarsi dal Frosinone

Il Frosinone dopo un tentativo a vuoto e dopo avere rischiato un’altra mancata promozione per un soffio, è riuscito alla fine a tornare in Serie A, dove si ripresenta con una squadra più forte di quella della “prima volta”. Alla prima partecipazione in assoluto in Serie A, il Frosinone partita spacciato ma era riuscito a lottare fino alla fine per la salvezza. Ora, pur consapevole che la salvezza è l’obiettivo massimo raggiungibile, ha qualche speranza in più di riuscirci.

Il dubbio principale riguarda l’allenatore e il rendimento della squadra dell’anno scorso. Non vincere in casa l’ultima partita contro il Foggia dovendo poi disputare i playoff è stato grave. Inoltre la squadra ha chiuso lo scorso campionato con il quarto migliore attacco e la sesta migliore difesa, senza eccellere in modo particolare in qualche reparto. Un punto di forza della squadra è il nuovo stadio “Benito Stirpe”, dove il rendimento è stato positivo ma dove si è comunque verificata la beffa della partita col Foggia.

Della squadra che ha centrato la promozione sono andati via Mauro Vigorito, Matteo Ciofani, Roberto Crivello, Moussa Koné e Danilo Soddimo. Più numerosi i rinforzi: Marco Sportiello (Fiorentina), Alessandro Iacobucci (Virtus Entella), Edoardo Goldaniga (Sassuolo), Bartosz Salamon (SPAL), Francesco Zampano (Pescara), Paolo Ghiglione (Genoa), Cristian Molinaro (Torino), Lorenzo Crisetig (Bologna), Emil Hallfredsson (Udinese), Joel Campbell (Betis), Stipe Perica (Udinese) e Rai Vloet (NAC Breda).

La decisione di affidarsi a calciatori di esperienza come Sportiello, Molinaro e Hallfredsson può andare bene, il livello tecnico della squadra non si è però alzato più di tanto e molto dipenderà dai nuovi arrivati in attacco Joel Campbell e Stipe Perica reduci da stagioni difficili.

Le ultime notizie sulle formazioni

L’allenatore Gasperini inizia il nuovo campionato con un dubbio in porta: non è sicuro del posto Berisha, che potrebbe essere sostituito da Gollini. In difesa l’assente dell’ultima ora è Palomino che ha accusato un problema muscolare. Ci sarà così Mancini al centro della difesa, con Toloi e Masiello ai suoi lati. Nel consueto 3-4-2-1 gli esterni di centrocampo dovrebbero essere Gosens e Hateboer, con Freuler e De Roon centrali. Sulla trequarti giocheranno Pasalic e Gomez, con Zapata attaccante centrale. A partita in corso potrebbe trovare spazio Moussa Barrow.

Dall’altra parte il Frosinone risponderà con il 3-5-2. In porta ci sarà Sportiello, i tre centrali saranno Goldaniga, Salamon e Krajnc. Gli esterni di centrocampo saranno Zampano e Molinaro, a centrocampo giocheranno Chibsah, Maiello e Hallfredsson. In attacco ci sarà Ciano, che ha fatto la sua migliore stagione di Serie B e sembra pronto a imporsi anche in Serie A, e Perica.

Come vedere Atalanta-Frosinone in diretta TV o in streaming

La partita tra Parma e Udinese verrà trasmessa in diretta tv su Sky e sarà possibile visionarla in streaming tramite l’app Sky GO.

Il pronostico

L’Atalanta è più forte, ha una tattica di gioco collaudata ed è più pronta a livello fisico avendo già giocato in Europa League. Per tutti questi motivi il Frosinone non dovrebbe riuscire a evitare la sconfitta, ma potrebbe fare almeno un gol puntando su Ciano, sempre pericolo anche sui calci piazzati. Orfana di Caldara e senza Palomino, l’Atalanta ha subito qualche gol di troppo in Europa League e potrebbe prenderne uno anche stasera.

Le probabili formazioni di Atalanta-Frosinone

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Mancini, Masiello; Castagne, De Roon, Freuler, Gosens; Pasalic; Zapata, Gomez.
UDINESE (3-5-2): Sportiello; Goldaniga, Salamon, Krajnc; Matteo Ciofani, Chibsah, Halfredsson, Crisetig, Molinaro; Ciano, Perica.

PROBABILE RISULTATO: 3-1