Europa League: Atalanta-Sarajevo (giovedì)

Atalanta-Sarajevo è l’unica partita dell’andata del secondo turno preliminare di Europa League con in campo una squadra italiana: le probabili formazioni, le cose da sapere e il pronostico.

ATALANTA – SARAJEVO | giovedì ore 20:30

La nuova stagione dell’Atalanta inizia con qualche punto interrogativo in più rispetto alla precedente. L’anno scorso la squadra ha saputo ripetersi su livelli molto alti e ha dimostrato di potere competere con merito anche in Europa League. C’è la garanzia della conferma dell’allenatore Gasperini, uno degli artefici principali degli ottimi risultati della squadra, ma non sarà facile nemmeno stavolta fare bene nonostante le numerose cessioni.

Quelle di Caldara, Spinazzola e Cristante potrebbero incidere molto, visto che si tratta di tre dei migliori calciatori del campionato scorso. In particolare Caldara dava grande solidità alla difesa, e Cristante imprevedibilità in fase offensiva con i suoi inserimenti. Un acquisto importante potrebbe essere quello di Duvan Zapata, arrivato in sostituzione di Petagna ceduto alla Spal. Il nuovo difensore Varnier, arrivato dal Cittadella, si è subito infortunato, e Pasalic arrivato da poco tempo non sarà della partita.

Il vantaggio in questa partita sarà quello di poter comunque schierare una squadra che gioca a memoria, fattore importante in questo momento in cui la condizione fisica, come ammesso dallo stesso Gasperini, non è al meglio.

Il Sarajevo ha una valutazione economica della rosa di circa 7 milioni di euro. Ci sono due nazionali con poche presenze nella Bosnia (Almir Bekic e Mersudin Ahmetovic) più sei stranieri, tra cui il capitano macedone Krste Velkoski. Il calciatore di maggiore valore è il trequartista ventiquattrenne Amar Rahmanovic. L’allenatore Husref Musemic predilige un calcio offensivo basato sul 4-2-3-1. L’anno scorso è arrivato terzo in campionato, dietro a HSK Zrinjski Mostar e Zeljeznicar.

Le ultime notizie sulle formazioni

Gasperini ha annunciato in conferenza stampa che l’attaccante titolare sarà il giovane Musa Barrow, che l’anno scorso ha messo in mostra il suo valore nel finale di campionato e che secondo l’allenatore ha ottime potenzialità. Andrà in panchina il nuovo arrivato Duvan Zapata, pronto a entrare nel secondo tempo. Il modulo di gioco sarà il 3-4-3. In porta Berisha, i tre difensori saranno Toloi, Mancini e Masiello. A centrocampo l’unica novità rispetto alla scorsa stagione sarà Valzania, per il resto infatti ci saranno Hateboer, de Roon, e Gosens. In attacco oltre al citato Barrow giocheranno D’Alessandro e il “Papu” Gomez.

Dall’altra parte il Sarajevo giocherà con un modulo piuttosto offensivo: il 4-2-3-1. Non è detto che sia l’atteggiamento tattico più adatto, contro una squadra forte nelle ripartenze e nell’attaccare le fasce come l’Atalanta. In porta giocherà Pavlovic, i difensori saranno da destra a sinistra Hebibovic, Adukor, Mujakic e Pidro. A centrocampo Mustafic e Rahmanovic, i trequartisti Sisic, Velkoski e Halilovic giocheranno in appoggio all’attaccante centrale Ahmetovic.

Il pronostico

Il Sarajevo potrebbe avere qualcosa in più sul piano fisico (il campionato bosniaco è già iniziato, e il Sarajevo ha perso la prima partita), ma l’Atalanta colmerà il gap con la tattica di gioco: in campo ci saranno quasi tutti calciatori della scorsa stagione che si conoscono a memoria, e a livello tecnico c’è molto differenza — soprattutto per via della presenza del “Papu” Gomez e del giovane Barrow. E non va dimenticata la disponibilità in panchina di Duvan Zapata in caso di difficoltà. L’Atalanta dovrebbe vincere questa partita segnando almeno un paio di gol per mettere al sicuro la qualificazione al turno successivo.

Le probabili formazioni di Atalanta-Sarajevo

ATALANTA (3-4-3): Berisha; Toloi, Mancini, Masiello; Hateboer, de Roon, Valzania, Gosens; Barrow, Gomez, D’Alessandro.
SARAJEVO (4-2-3-1): Pavlovic; Hebibovic, Adukor, Mujakic, Pidro; Mustafic, Rahmanovic; Sisic, Velkoski, Halilovic; Ahmetovic.

PROBABILE RISULTATO: 2-0