Serie A: Sassuolo-Torino, Udinese-Spal e Verona-Crotone (domenica)

I pronostici sulla Serie A, il principale campionato italiano di calcio

Sassuolo-Torino, Udinese-Spal e Verona-Crotone sono le altre tre partite della seconda giornata del girone di ritorno che si giocheranno domenica pomeriggio alle 15: le ultime notizie, le analisi, le probabili formazioni e i pronostici.

SASSUOLO – TORINO | domenica ore 15:00

Il 2018 ha portato un nuovo allenatore al Torino. La sconfitta nei quarti di finale di Coppa Italia contro la Juventus è costata la panchina a Mihajlovic, subito sostituito da Mazzarri. Il Torino ha vinto la prima partita con Mazzarri come allenatore in modo abbastanza agevole, battendo tre a zero il Bologna e rilanciandosi così in classifica in ottica qualificazione all’Europa League.

Il Sassuolo l’allenatore lo aveva già cambiato in precedenze. L’inizio stagione era stato assai deludente, la squadra con Bucchi in panchina era in zona retrocessione e una svolta si è resa necessaria. Con Iachini i risultati sono subito migliorati, e l’ultima sconfitta contro il Genoa in trasferta è stata abbastanza immeritata.

Al di là dei risultati, la squadra ha ritrovato compattezza in difesa, pur perdendo Paolo Cannavaro. I miglioramenti dovranno ora riguardare l’attacco, dove solo Politano sta facendo bene. Il rendimento di Berardi rispetto agli anni passati si è abbassato notevolmente, mentre Falcinelli finora sta facendo rimpiangere Defrel, passato in estate alla Roma.

Il fatto che tutti e due gli allenatori siano molto attenti principalmente alla fase di non possesso palla e che Politano sia in dubbio per la febbre e Belotti ancora assente per infortunio, fa pensare alla possibilità di un segno “under 3.5” per questa partita sulla carta molto equilibrata.

Le probabili formazioni di Sassuolo-Torino

SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Lirola, Goldaniga, Acerbi, Peluso; Missiroli, Magnanelli, Duncan; Berardi, Falcinelli, Ragusa.
TORINO (3-4-3): Sirigu; De Silvestri, N’Koulou, Burdisso, Molinaro; Obi, Rincon, Baselli; Iago Falque, Niang, Ljajic.

PROBABILE RISULTATO: 1-1
UNDER 3.5 (1.35, GoldBet)
X (3.25, planetwin365)

UDINESE – SPAL | domenica ore 15:00

Nel giro di poche settimane, da quando Oddo ha sostituito Delneri, l’Udinese è passata dalla zona retrocessione a quella Europa League, vincendo e divertendo. Il cambio tattico voluto dal nuovo allenatore ha sortito subito degli effetti positivi. Widmer è tornato a giocare su livelli alti dopo le ultime annate difficili, mentre a centrocampo i giovani Fofana, Jankto e Barak uniscono quantità a qualità. Barak in particolare è stato spesso decisivo in zona gol, come l’altro grande artefice del periodo positivo dell’Udinese, Lasagna.

L’attaccante ex Carpi ha segnato in cinque delle ultime sei partite di campionato mostrando le sue ottime doti. Un calciatore molto abile soprattutto quando ha spazi da attaccare, che non forza il tiro e anzi è molto intelligente a cercarlo solo nei casi in cui può fare male ai portieri avversari.

In questa partita Oddo dovrà però fare a meno dei due calciatori che avevano conquistato il posto da titolare sulle fasce, Widmer e Ali Adnan, e a centrocampo di Behrami.

Dall’altra parte ci sarà una Spal che nelle ultime nove partite in campionato ha sempre subito gol, raccogliendo una sola vittoria (quattro pareggi e quattro sconfitte). La squadra allenata da Semplici avrebbe forse bisogno di qualche rinforzo al centro della difesa, mentre tra centrocampo e soprattutto attacco c’è abbondanza, in particolare in alcuni ruoli.

Detto che è difficile tenere fuori Antenucci per le caratteristiche da seconda punta, perfetta nel 3-5-2 di Semplici, per un solo posto ci sono ben tre attaccanti: Paloschi, Borriello e Floccari. Forse sarebbe il caso di sacrificare uno dei tre e cercare di trovare un’alternativa ad Antenucci.

Nel frattempo è arrivato a centrocampo Kurtic, che dopo l’ottima stagione passata non aveva più spazio nell’Atalanta. Un acquisto di qualità che potrebbe aiutare la Spal nella lotta per la salvezza, a centrocampo il livello era già abbastanza buono. Lazzari è veloce e abile nel dribbling, Viviani se lasciato in pace dagli infortuni è un fattore anche grazie alla sua precisione sui calci di punizione.

Sarà una partita probabilmente aperta, “gol” da provare.

Le probabili formazioni di Udinese-Spal

UDINESE (3-5-2): Bizzarri; Nuytinck, Danilo, Samir; Larsen, Barak, Fofana, Jankto, Pezzella; Lasagna, Maxi Lopez.
SPAL (3-5-2): Gomis; Cionek, Vicari, Felipe; Lazzari, Schiattarella, Viviani, Kurtic, Mattiello; Antenucci, Paloschi.

PROBABILE RISULTATO: 2-1
GOL (1.78, planetwin365)
1X + OVER 1.5 (1.49, planetwin365)

VERONA – CROTONE | domenica ore 15:00

Partita di fondamentale importanza, questa, tra due squadre in lotta per non retrocedere.

Nella sua storia il Verona solo tre volte aveva collezionato tredici o meno di tredici punti nelle prime venti giornate di Serie A: 1978/79, 1989/90 e 2015/16, tutte stagioni in cui è retrocesso a fine campionato. Un precedente statistico, questo, che non induce all’ottimismo.

Il Crotone ha due punti in più del Verona, e nonostante l’attuale terzultima posizione condivisa con la Spal, se si pensa alla rimonta effettuata lo scorso anno non si può che restare ottimisti. Eppure dopo la vittoria contro il Chievo, l’arrivo di Zenga non è bastato a migliorare la situazione, viste le tre sconfitte successive senza nemmeno riuscire a segnare.

Il nuovo allenatore ha però cambiato il modulo di gioco. Rispetto alla gestione Nicola, il Crotone prova a giocare un po’ di più all’attacco e l’arrivo dal Pescara di Benali va in questo senso.

Pecchia è dall’inizio della stagione che fa giocare al suo Verona un calcio non rinunciatario, con una fase difensiva che spesso lascia a desiderare. Nicolas è tra i portieri che si vedono arrivare più palloni in porta, e la cessione di Caceres che era stato finora il migliore difensore non migliorerà la situazione.

I nuovi arrivati Matos e Petkovic non sembrano in grado di potenziare più di tanto un attacco in cui sarebbe utile piuttosto fare ritrovare la forma migliore a Pazzini e Cerci.

Sarà una partita inizialmente poco spettacolare, vista l’importanza della posta in palio. Eppure un pareggio servirebbe a poco a entrambe, in modo particolare al Verona, perché la sensazione è che ormai col Benevento quasi spacciato a giocarsi la salvezza saranno Verona, Crotone e Spal. E una sola di queste riuscirà a salvarsi.

Le probabili formazioni di Verona-Crotone

VERONA (4-3-3): Nicolas; Ferrari, Caracciolo, Heurtaux, Fares; Romulo, Buchel, Zuculini; Matos, Petkovic, Valoti.
CROTONE (4-3-3): Cordaz; Sampirisi, Ceccherini, Ajeti, Martella; Rohden, Barberis, Mandragora; Trotta, Budimir, Stoian.

PROBABILE RISULTATO: 1-1
UNDER 1.5 PRIMO TEMPO (1.35, planetwin365)
GOL (1.80, planetwin365)