Russian Premier League: SKA Khabarovsk-Zenit San Pietroburgo, Rubin Kazan-FK Krasnodar e Akhmat Grozny-Amkar Perm (domenica)

Russian League

Prima giornata del massimo campionato russo. Analizziamo tutte e tre le partite domenicali.

SKA KHABAROVSK – ZENIT SAN PIETROBURGO | domenica ore 10:00

Lo Zenit ha scelto di affidarsi a Roberto Mancini, con l’obiettivo di dimenticare le delusioni della scorsa stagione, durante la quale si è limitato a vincere la Supercoppa di Russia, non è andato oltre il terzo posto in campionato ed è stato prematuramente eliminato sia dall’Europa League, sia dalla Coppa nazionale. Mancini, che cercherà di ripetere i successi ottenuti da Luciano Spalletti sulla panchina del club di San Pietroburgo, darà anche vita a un interessante derby contro un altro tecnico italiano: Massimo Carrera, allenatore dello Spartak Mosca. Nelle ultime settimane, lo Zenit si è rinforzato molto: gli arrivi di Leandro Paredes, Sebastian Driussi, Dmitri Poloz, Daler Kuzyaev, Aleksandr Erokhin, Christian Noboa e Denis Terentjev rappresentano colpi di mercato importanti per questa ambiziosa squadra, la cui campagna acquisti sembra destinata a proseguire ancora. Lo SKA si appresta a disputare il massimo campionato russo per la prima volta nella propria storia: ha festeggiato la promozione nella scorsa primavera, battendo l’Orenburg ai calci di rigore, al termine di una combattutissima doppia sfida di spareggio. Il club di Khabarovsk è atteso da un debutto complicato, dal quale faticherà a uscire indenne.

Probabili formazioni:
SKA KHABAROVSK: Dovbnya, Ediyev, Dimidko, Grishko, Cherevko, Savichev, Dedechko, Druzin, Nikiforov, Koryan, Lescano.
ZENIT SAN PIETROBURGO: Lodygin, Tsallagov, Ivanovic, Criscito, Anyukov, Paredes, Kuzyaev, Kokorin, Giuliano, Shatov, Dzuyba.

PROBABILE RISULTATO: 1-3
2 (1.40, Bet365)
2/2 PARZIALE/FINALE (2.10, Paddy Power)
RUBIN KAZAN – FK KRASNODAR | domenica ore 16:30

Da alcune settimane, il Rubin Kazan ha avviato un interessante progetto, grazie all’arrivo di un nuovo presidente, Radik Shaimiev, che sembra avere grandi ambizioni. Il ritorno dell’esperto Kurban Berdyev nel ruolo di allenatore è un segnale importante: il turkmeno, oltretutto, ha portato con sé anche Soslan Dzhanaev, Fedor Kudryashov, Vladimir Granat e Sardar Azmoun, con lui già al Rostov, dove ha svolto uno splendido lavoro, prima come tecnico e poi da vicepresidente. Berdyev è intenzionato a puntare su una difesa a tre, pronta a diventare a cinque con l’aiuto dei due laterali, quando si tratterà di gestire la fase di non possesso. L’FK Krasnodar è reduce da buone annate: ha vissuto un breve periodo di difficoltà soltanto nella fase iniziale della scorsa stagione, quando Oleg Kononov si è dimesso e ha lasciato la panchina a Igor Shalimov, la cui squadra dovrà però fare attenzione all’entusiasmo del Rubin, intenzionato a giocare con grande attenzione tattica e a inserirsi nelle posizioni di vertice della Russian Premier League.

Probabili formazioni:
RUBIN KAZAN: Ryzhikov, Kudryashov, Granat, Burlak, Kuzmin, M’Vila, Kambolov, Ozdoev, Nabiullin, Kanunnikov, Rochina.
FK KRASNODAR: Sinitsyn, Yanbayev, Martynovich, Granqvist, Ramirez, Kaboré, Gazinskiy, Joaozinho, Zhigulev, Claesson, Wanderson.

PROBABILE RISULTATO: 1-1
1X (1.30, Bet365)
UNDER (1.55, Eurobet)
AKHMAT GROZNY – AMKAR PERM | domenica ore 20:30

Il Terek Grozny ha cambiato nome: la decisione è stata presa per onorare la memoria di Akhmat Kadyrov, padre dell’attuale leader della Cecenia, che peraltro è anche presidente onorario di questa squadra, reduce da una stagione positiva, nel corso della quale si è piazzata al quinto posto in campionato e ha sfiorato la qualificazione all’Europa League. Un altro cambiamento riguarda la guida tecnica: Rashid Rakhimov è stato sostituito da Oleg Kononov, scelto per gestire un gruppo interessante, rinforzato dagli arrivi di Anton Shvets e soprattutto di tre brasiliani – Philipe Sampaio, Ravanelli e Leo Jabá – intorno ai quali c’è tanta curiosità. L’Amkar Perm ha chiuso la scorsa edizione della Russian Premier League senza ottenere nemmeno una vittoria nelle undici giornate conclusive: dovrà sperare soprattutto in un rilancio di Aleksandr Ryazantsev, le cui ultime annate sono state complicatissime. L’Akhmat, insomma, dispone di una base più solida di quella sulla quale l’Amkar può contare: ecco perché un successo dei padroni di casa appare probabile.

Probabili formazioni:
AKHMAT GROZNY: Gorodov, Utsiev, Semenov, Sampaio, Rodolfo, Mohammadi, Mitrishev, Ivanov, Ravanelli, Berisha, Balaj.
AMKAR PERM: Khomich, Zajtsev, Sivakov, Zanev, Miljkovic, Ryazantsev, Gol, Komolov, Gigolaev, Gasilin, Bodul.

PROBABILE RISULTATO: 1-0
1 (1.85, GoldBet)