Serie A: Chievo-Napoli, Pescara-Genoa, Sampdoria-Cagliari e Udinese-Sassuolo (domenica)

I pronostici sulla Serie A, il principale campionato italiano di calcio

Approfondimenti, probabili formazioni e pronostici per le quattro partite di Serie A in programma domenica alle 15.

CHIEVO – NAPOLI | domenica ore 15:00

Prima dell’arrivo di Sarri in panchina, il Chievo era diventato ultimamente un avversario difficile per il Napoli, visto che tra il 2010 e il 2014 aveva vinto ben cinque volte. Ultimamente il bilancio è cambiato in modo netto in favore del Napoli che ha vinto le ultime quattro partite segnando otto gol nel parziale.

Il Chievo sta giocando la sua migliore stagione di serie A dell’ultimo decennio, non aveva così tanti punti alla ventiquattresima giornata dalla stagione 2005/2006, anche se nelle ultime partite è stato parecchio fortunato. Rispetto al girone di andata, negli ultimi due mesi il Chievo ha visto via via diminuire l’intensità del pressing, i calciatori non corrono più come nelle prime giornate e l’età media avanzata della rosa a disposizione di Maran si sta facendo sentire. Contro la Lazio il Chievo ha giocato con una sorta di catenaccio, non ha subito gol grazie a molta fortuna e alle parate di Sorrentino e ha fatto gol a tempo quasi scaduto al secondo tiro in porta. Contro il Sassuolo domenica scorsa il Chievo ha giocato quasi tutta la partita in undici contro dieci, eppure era passato in svantaggio e ha comunque concesso numerose occasioni agli avversari, pur dilagando nel secondo tempo.

Il Napoli ha perso in settimana contro il Real Madrid in modo abbastanza netto, ma ha segnato un gol che lascia ancora aperto il discorso qualificazione. Se ci sono ancora margini di crescita per competere ad alti livelli in Europa, in Italia il Napoli ha dimostrato di sapere vincere con facilità partite come questa, sfruttando la sua ottima organizzazione di gioco e la qualità dei suoi attaccanti. Il Napoli è infatti al primo posto in questo campionato per gol fatti (57), tiri effettuati (426), possesso palla medio (61.4%), palle recuperate nella metà campo avversaria (392) e passaggi riusciti nella metà campo avversaria (7566). Sarri tra l’altro ha di nuovo a disposizione Milik e c’è pure il nuovo acquisto Pavoletti: le alternative non mancano per fare dei cambi anche a partita in corso.

La vittoria del Napoli è a quota 1.45 su SNAI che farà vedere la partita in diretta straming agli utenti registrati al sito e con un conto attivo.

Probabili formazioni
CHIEVO: Sorrentino, Cacciatore, Gobbi, Dainelli, Spolli, Radovanovic, Hetemaj, Castro, Birsa, Meggiorini, Inglese.
NAPOLI: Reina, Hysaj, Kuolibaly, Albiol, Ghoulam, Allan, Jorginho, Hamsik, Callejon, Mertens, Insigne.

PROBABILE RISULTATO: 1-3
2 (1.45, SNAI)
OVER 2.5 (1.65, SNAI)
X2 + OVER 1.5 (1.25, SNAI)




PESCARA – GENOA | domenica ore 15:00

Il Pescara dopo l’ennesima sconfitta subita a Torino con tanto di cinque gol subiti ha deciso di cambiare allenatore, anche se è ormai troppo tardi per sperare nella salvezza considerati i punti di ritardo dalla quartultima e soprattutto il fatto che questa squadra non ha ancora vinto sul campo una partita in questo campionato. La scelta è stata felice, visto che il posto di Oddo è stato preso da Zeman, con cui il Pescara ha conquistato la promozione in Serie A nel 2012, quando l’allenatore boemo aveva a disposizione una squadra di grandi talenti come Perin, Verratti, Insigne e Immobile. Zeman quanto meno ha riportato entusiasmo tra i tifosi e la retrocessione passerà al momento in secondo piano: l’obiettivo sarà fare divertire i tifosi e iniziare a mettere su la squadra che l’anno prossimo potrà provare il pronto ritorno in Serie A.

La tattica di gioco con cui scenderà in campo il Pescara sarà naturalmente il 4-3-3, marchio di fabbrica di Zeman, anche se alcuni calciatori a sua disposizione non si adattano esattamente ai ruoli chiave richiesti dal boemo. Nel ruolo di regista verrà provato Brugman, i due centrali di difesa, Stendardo in particolare, sono un po’ troppo lenti per mantenere il baricentro alto. Va meglio con i terzini Zampano e Biraghi che assicurano buona corsa, anche Muntari potrebbe fare bene nel ruolo di interno di centrocampo e c’è da aspettarsi dei miglioramenti pure da parte di Verre e Caprari, quest’ultimo già allenato da Zeman. In attacco è probabile che Zeman preferisca il giovane Cerri a Gilardino, che non ha i novanta minuti nelle gambe. L’allenatore chiede alla punta centrale un continuo attacco della profondità, Gilardino su ritmi alti potrebbe durare forse un solo tempo.

Se il Pescara avrà quanto meno un po’ di entusiasmo e soprattutto i calciatori non avranno più scuse dopo l’allontanamento di Oddo, il Genoa non può sbagliare questa partita: il presidente Preziosi ha detto che Juric rischia l’esonero, in effetti i risultati recenti sono stati assai deludenti. Il Genoa ha perso sei delle ultime otto partite (due pareggi) e non vince in trasferta da ottobre, ma ci sono i presupposti per migliorare: sono rientrati parecchi calciatori dagli infortuni, e i nuovi arrivati nel corso del calciomercato invernale iniziano ad ambientarsi.

Questa sarà una partita in cui si affronteranno le due squadre che hanno subito più gol dall’inizio del girone di ritorno: venti il Pescara, dodici il Genoa. Visto lo schema del Pescara che con Zeman allenatore sarà ancora più offensivo, “gol” e “over” sono da provare.

Probabili formazioni
PESCARA: Bizzarri, Bovo, Zampano, Stendardo, Biraghi, Muntari, Memushaj, Verre, Brugman, Cerri, Caprari.
GENOA: Lamanna, Izzo, Burdisso, Munoz, Lazovic, Cataldi, Laxalt, Rigoni, Hiljemark, Palladino, Simeone.

PROBABILE RISULTATO: 2-2
GOL (1.47, SNAI)
OVER 2.5 (1.57, SNAI)
SIMEONE MARCATORE (2.10, SNAI)
CAPRARI MARCATORE (2.85, SNAI)
SAMPDORIA – CAGLIARI | domenica ore 15:00

La Sampdoria grazie all’entusiasmo per le tre partite consecutive vinte nelle ultime tre giornate, parte favorita contro il Cagliari, squadra che in trasferta sta incontrando parecchie difficoltà: ha fatto appena quattro punti, solo il Crotone ha fatto peggio con due. Il Cagliari tra l’altro è una delle tre squadre, insieme a Pescara e Crotone, che ha sempre subito gol fuori casa in questa stagione di A, 27 in totale (2.3 di media a partita). Rispetto al Pescara e al Crotone però il Cagliari grazie all’ottimo rendimento in casa non ha problemi di classifica: i tredici punti di vantaggio sul Palermo terzultimo – che ha già perso venerdì contro la Juventus – lasciano più che tranquilli.

In questa partita l’allenatore Rastelli ritrova finalmente il suo trequartista titolare Joao Pedro, fermo prima per infortunio e ultimamente per una squalifica di tre giornate. Il Cagliari tornerà probabilmente con Joao Pedro in campo a schierare una formazione molto offensiva, con Borriello e Sau in attacco e Ibarbo pronto a entrare nel secondo tempo per sfruttare la sua velocità contro la non impeccabile difesa della Sampdoria.

Allo stesso tempo la Sampdoria ha la qualità offensiva giusta per approfittare delle debolezze della difesa avversaria: in particolare Muriel ha partecipato attivamente a cinque degli ultimi sette gol della squadra (tre gol e due assist) e c’è Schick che quando entra segna con regolarità: non è un caso se la Sampdoria è la squadra che segna più gol con giocatori subentrati (otto).

Probabili formazioni
SAMPDORIA: Viviano, Bereszynski, Skriniar, Regini, Silvestre, Praet, Torreira, Linetty, Bruno Fernandes, Muriel, Quagliarella.
CAGLIARI: Rafael, Pisacane, Isla, Bruno Alves, Murru, Dessena, Tachtsidis, Padoin, Joao Pedro, Sau, Borriello.

PROBABILE RISULTATO: 2-1
1 (1.67, SNAI)
GOL (1.62, SNAI)
1X + OVER 1.5 (1.30, SNAI)
UDINESE – SASSUOLO | domenica ore 15:00

L’effetto Delneri sembra essere passato col trascorrere delle giornate di campionato. L’Udinese nel momento in cui ha sostituito l’allenatore, con Delneri al posto di Iachini, ha subito cambiato marcia e fatto quei punti che le hanno permesso di allontanarsi definitivamente dalla zone retrocessione. In questo 2017 però anche per via del calo di rendimento dell’attaccante Thereau, i risultati sono peggiorati: l’Udinese ha vinto solamente una delle ultime sette partite in campionato (per il resto due pareggi e quattro sconfitte), mancando l’appuntamento con il gol in ben cinque di queste, incluse le ultime due.

Come prevedibile invece, da quando il Sassuolo è stato eliminato dall’Europa League e ha potuto concentrarsi esclusivamente sul campionato, recuperando gran parte dei calciatori infortuni tra cui il suo attaccante più forte Berardi, i risultati sono nettamente migliorati e la squadra si è allontanati velocemente dalla zona retrocessione. I numeri spiegano bene la situazione: la squadra allenata da Di Francesco ha ottenuto tre vittorie nelle ultime cinque partite di campionato (perdendo solo contro la Juventus), tante quante nelle precedenti quindici giornate. Oltre a Berardi, un calciatore che si è rivelato fondamentale per i risultati del Sassuolo è stato finora Politano, senza il quale il Sassuolo ha perso quattro partite su cinque. Con Politano e Berardi in campo la qualità offensiva della squadra sale di parecchio, e anche Matri sta sfruttando bene la situazione non facendo rimpiangere l’assente Defrel. Matri – che ha segnato cinque gol nelle ultime cinque partite – affronterà tra l’altro la squadra a cui ha segnato più gol in Serie A, l’Udinese.

Il Sassuolo nell’ultima giornata di campionato è stato penalizzato dall’espulsione subita da Letschert in avvio di partita: senza situazioni negative di questo tipo, la squadra allenata da Di Francesco ha la qualità per fare almeno un punto sul campo dell’Udinese.

Probabili formazioni
UDINESE: Karnezis, Felipe, Samir, Danilo, Widmer, Hallfredsson, Fofana, Badu, De Paul, Thereau, Zapata.
SASSUOLO: Consigli, Peluso, Acerbi, Antei, Gazzola, Pellegrini, Aquilani, Duncan, Politano, Berardi, Matri.

PROBABILE RISULTATO: 1-2
X2 + OVER 1.5 (2.15, SNAI)
GOL (1.68, SNAI)