Champions League: Napoli-Besiktas e Dinamo Kiev-Benfica (gruppo B)

Champions League
I pronostici sulle partite di calcio della Champions League, la più importante competizione d'Europa per squadre di club

Nel gruppo B c’è l’altra squadra italiana impegnata in Champions League, il Napoli, che dopo due giornate è l’unica ancora a punteggio pieno e in questo turno affronterà il Besiktas fermo a due punti. Nell’altra partita si sfidano Dinamo Kiev e Benfica ultime in classifica con un punto.

NAPOLI – BESIKTAS | mercoledì ore 20:45

Il Napoli ha perso le ultime due partite di campionato contro Atalanta e Roma, ma quanto meno può affrontare questa partita di Champions League dall’alto dei sei punti conquistati nelle prime due giornate che, in caso di ulteriore vittoria contro il Besiktas, potrebbero consegnargli la qualificazione aritmetica agli ottavi di finale con ben tre giornate di anticipo.

Giocare al San Paolo in Champions League contro un avversario non irresistibile potrebbe essere una buona medicina per il Napoli in cerca di una vittoria per cancellare le ultime due sconfitte. L’urlo “The Champions” dei tifosi alla fine dell’inno – che nella prima partita del girone contro il Benfica è stato addirittura registrato dai sismografi – dovrebbe caricare al massimo i calciatori e fare dimenticare tutte le paure e le incertezze attuali. Il Napoli finora in questa prima parte di stagione ha sbagliato solo il primo tempo della partita d’esordio in campionato contro il Pescara e la partita di Bergamo contro l’Atalanta, contro la Roma nonostante la sconfitta non si può dire che la squadra allenata da Sarri abbia giocato male, e c’è da considerare comunque il valore degli avversari, soprattutto nel momento in cui Dzeko e Salah la mettono dentro al primo tentativo, come non era mai capitato prima nel corso di questa stagione.

C’è poi da tenere in considerazione il tempo fisiologico che la squadra impiegherà per abituarsi all’assenza dell’attaccante titolare Milik, che si è infortunato con la sua nazionale nel corso di una partita per le qualificazioni ai Mondiali del 2018. Gabbiadini è stato criticato per la brutta prova offerta contro la Roma, eppure ha provato a muoversi su tutto il fronte offensivo, e in una delle rare occasioni in cui è stato servito ha fatto un bell’assist per Hamsik che avrebbe potuto segnare – senza la respinta di Manolas – il gol dell’uno a zero al termine di un’azione molto bella. Più che Gabbiadini, a sbagliare partita contro la Roma è stato Jorginho apparso in precaria forma fisica: il clamoroso gol sbagliato a porta vuota nel finale di partita ha confermato che non era in giornata. L’allenatore Sarri è uno dei più bravi a livello tattico in Italia e già in questa partita potrebbe trovare qualche soluzione per fare rendere di più il centrocampo – con o senza Jorginho – e riuscire a coinvolgere maggiormente Gabbiadini.

Il Besiktas poi non è la Roma, in Turchia non conoscono il gioco del Napoli come in Italia e affrontarlo in campo per la prima volta non è mai semplice, questo potrebbe essere un altro vantaggio oltre al fattore campo. Il Besiktas non ha mai vinto negli undici precedenti giocati contro squadre italiane, ha sempre subito almeno un gol quando ha giocato in Italia e in trasferta in Champions League ha perso 11 partite su 16.

Il Besiktas rispetto alla scorsa stagione in cui ha vinto il campionato turco ha preso sul calciomercato l’ex terzino del Barcellona Adriano, l’ex Napoli e Leicester Inler – la cui carriera sembra in fase calante – e ha sostituito i partenti Josè Sosa e Mario Gomez con Talisca (che ha segnato alla sua ex squadra, il Benfica, nella prima giornata del girone) e Aboubakar (che però ha giocato male nell’ultima partita e dovrebbe partire dalla panchina). La squadra sembra così rinforzata – visto quello che (non) stanno combinando Sosa al Milan e Gomez al Wolfsburg – e ha una mediana tosta con Hutchinson e Ozyakup (in dubbio) più l’imprevedibile Quaresma sulla trequarti. Il Besiktas resta comunque una squadra di parecchio inferiore al Napoli: in difesa c’è Marcelo che l’anno scorso ha giocato un girone d’andata disastroso all’Hannover poi retrocesso in Champions League, il terzino sinistro è Erkin che l’Inter aveva preso in estate salvo poi rispedirlo in Turchia senza fargli giocare nemmeno una partita.

Una nuova goleada come quella fatta contro il Benfica è difficile, visto che il Besiktas giocherà con un 4-2-3-1 molto difensivo con Adriano schierato addirittura sulla linea dei trequartisti – ma il Napoli ha la qualità per vincere la partita, anche con più di un gol di scarto: il segno “1” è a quota 1.44 su Betfair che per chi si registra al suo sito per la prima volta propone il Napoli vincente a quota 4.00 (qui trovate termini e condizioni della promozione).

Le probabili formazioni:
NAPOLI: Reina, Hysaj, Chiriches (Maksimović), Koulibaly, Ghoulam, Zieliński, Jorginho, Hamsik, Callejón, Gabbiadini, Mertens.
BESIKTAS: Fabri, Beck, Marcelo, Tošić, Caner Erkin, Hutchinson, Inler, Quaresma, Talisca, Adriano, Cenk Tosun.

PROBABILE RISULTATO: 2-0
1 (1.44, Betfair)




 

DINAMO KIEV – BENFICA | mercoledì ore 20:45

Sfida tra due squadre che condividono l’ultimo posto nel gruppo B di Champions League: entrambe sono state battute dal Napoli e hanno pareggiato contro il Besiktas, perciò hanno attualmente un punto a testa. Mentre a livello europeo ha faticato molto in questa fase iniziale della stagione, però, il Benfica è stato finora quasi impeccabile nel suo campionato: è infatti al primo posto nella classifica della Primeira Liga, con diciannove punti conquistati nelle prime sette giornate, grazie a sei vittorie e un pareggio. Il club di Lisbona è forte soprattutto in trasferta: è reduce da quindici successi esterni consecutivi nel proprio campionato, considerando ovviamente anche la scorsa annata calcistica.

La Dinamo Kiev ha perso tre delle ultime otto partite ufficiali disputate: tutte queste sconfitte sono arrivate in casa, dove la squadra guidata in panchina da Serhiy Rebrov – allenatore quarantaduenne, con un passato da attaccante al fianco di Andriy Shevchenko – sta faticando troppo. Le qualità tecniche di Andriy Yarmolenko e Derlis Gonzalez – che giocheranno da esterni offensivi in un 4-1-4-1 e sosterranno costantemente il centravanti Junior Moraes in fase di possesso palla – potrebbero creare qualche problema sulle fasce al Benfica, pronto però ad approfittare della lentezza dei due difensori centrali della Dinamo, Yevhen Khacheridi e Domagoj Vida, e leggermente favorito in vista del match in programma nelle prossime ore.

Le probabili formazioni:
DINAMO KIEV: Rudko, Morozyuk, Khacheridi, Vida, Antunes, Rybalka, Yarmolenko, Sydorchuk, Fedorchuk, Gonzalez, Junior Moraes.
BENFICA: Ederson, Semedo, Jardel, Lindelof, Grimaldo, Fejsa, Pizzi, Salvio, Cervi, Guedes, Mitroglou.

PROBABILE RISULTATO: 1-2
X2 (1.55, Bet365)
X2 + OVER 1.5 (2.05, Eurobet)
GOL (1.90, William Hill)