Formula 1: i pronostici sul GP di Singapore

I pronostici sul Gran Premio di Singapore di Formula 1
I pronostici sul Gran Premio di Singapore di Formula 1

Nel Gran Premio di Singapore Rosberg partirà in pole position, seguito da Ricciardo, Hamilton, Verstappen e Raikkonen; l’altra Ferrari si è rotta durante il primo giro di qualifica, e quindi Vettel partirà dall’ultima posizione.

Come sono andate le qualifiche

I distacchi relativamente ravvicinati delle prove libere, e il risultato inatteso della stagione scorsa (vinse Vettel), avevano lasciano supporre che le qualifiche del Gran Premio di Singapore potessero essere più avvincenti e combattute. Invece non c’è mai stata storia: Rosberg è stato di gran lunga il più veloce, anche rispetto al suo compagno di squadra, Hamilton, che finora non ha dato l’impressione di aver trovato l’assetto ideale per questo tracciato molto lungo e tortuoso (si corre di notte). Le Red Bull – che in molti ritenevano messe molto bene per questo genere di tracciato – non si sono avvicinate a Rosberg più di tanto, e hanno ottenuto il secondo tempo con Ricciardo (molto in forma) e il quarto con Verstappen.

La Ferrari è andata molto male. Pur avendo mostrato le potenzialità per giocarsi un posto in prima fila con le Red Bull, Vettel ha dovuto rinunciare alle qualifiche a causa di un guasto meccanico piuttosto serio (e insolito). Sulla sua Ferrari, apparentemente, si è rotto un collegamento della barra antirollio posteriore, ossia l’asse che collega le sospensioni di destra con quelle di sinistra e impedisce che la forza centrifuga in curva determini uno sbilanciamento della macchina verso l’esterno (che poi in curva Vettel andasse letteralmente su tre ruote, a causa del sollevamento della ruota anteriore interna rispetto alla curva, è un fatto alquanto preoccupante, forse indizio di un guasto ancora più serio non ancora reso noto). Raikkonen con l’altra Ferrari non è riuscito a mettersi davanti a nessuna delle dirette avversarie della Ferrari, concludendo quindi le qualifiche in quinta posizione.

In Q2 Grosjean è finito fuori pista, con la Hass, e le bandiere gialle hanno penalizzato le Williams, che non sono riuscite a migliorare il loro tempo (undicesimo in classifica per Bottas e dodicesimo per Massa). Anche Button ha compiuto un lieve errore di guida (ha colpito leggermente le barriere con la ruota posteriore sinistra) e non ha potuto migliorare il suo tempo, il tredicesimo. È andata meglio ad Alonso, che è entrato in Q3 e ha ottenuto il nono tempo. Sono andate molto bene le Toro Rosso, sia con Sainz (sesto) che – per una volta – con Kvyat (settimo), così come le Force India di Nico Hulkenberg (ottavo) e di Sergio Perez (decimo), che però è stato penalizzato per aver pasticciato in regime di bandiere gialle.

La griglia di partenza

pos pilota squadra/motore tempo ritardo
1 Nico Rosberg Mercedes 1m42.584s
2 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 1m43.115s 0.531s
3 Lewis Hamilton Mercedes 1m43.288s 0.704s
4 Max Verstappen Red Bull/Renault 1m43.328s 0.744s
5 Kimi Raikkonen Ferrari 1m43.540s 0.956s
6 Carlos Sainz Toro Rosso/Ferrari 1m44.197s 1.613s
7 Daniil Kvyat Toro Rosso/Ferrari 1m44.469s 1.885s
8 Nico Hulkenberg Force India/Mercedes 1m44.479s 1.895s
9 Fernando Alonso McLaren/Honda 1m44.553s 1.969s
10 Valtteri Bottas Williams/Mercedes 1m44.740s
11 Felipe Massa Williams/Mercedes 1m44.991s
12 Jenson Button McLaren/Honda 1m45.144s
13 Esteban Gutierrez Haas/Ferrari 1m45.593s
14 Romain Grosjean Haas/Ferrari 1m45.723s
15 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1m47.827s
16 Kevin Magnussen Renault 1m46.825s
17 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 1m46.860s
18 Sergio Perez ** Force India/Mercedes 1m44.582s 1.998s
19 Jolyon Palmer Renault 1m46.960s
20 Pascal Wehrlein Manor/Mercedes 1m47.667s
21 Esteban Ocon Manor/Mercedes 1m48.296s
22 Sebastian Vettel Ferrari 1m49.116s

** Sergio Perez ha segnato il decimo tempo in qualifica, ma è stato penalizzato con un arretramento di cinque posizioni per non aver ridotto la sua velocità in regime di bandiere gialle, e un altro arretramento – di tre posizioni – per aver compiuto un sorpasso (su Gutierrez) sempre nella stessa circostanza.

Che gara potrebbe uscirne

La prestazione deludente di Hamilton può essere spiegata solo in parte con i problemi idraulici che ha avuto sabato mattina durante l’ultima sessione di prove libere. Al netto di quei problemi, Hamilton ha mostrato grandi difficoltà in frenata per tutto il fine settimana, e – in circostanze normali – sarebbe piuttosto sorprendente vederlo concludere la gara davanti a Rosberg, che invece è andato veloce con grande costanza e ha strameritato la pole position.

Verstappen era andato molto bene nelle prove libere, ma meno bene si è trovato in qualifica: ha detto di aver avuto difficoltà a mantenere le gomme alla giusta temperatura (eppure pare faccia un caldo notevole a Marina Bay). Malgrado tutto, la Red Bull ha mantenuto alte le aspettative riguardo la gara: rispetto alle Mercedes e alla Ferrari di Raikkonen, sia Ricciardo che Verstappen partiranno con un set di gomme più dure e resistenti. In teoria la loro frazione di gara prima della prima sosta dovrebbe essere più lunga rispetto a quella dei diretti avversari, e permettere alla squadra maggiore elasticità nella gestione delle strategie. C’è peraltro da tenere in conto che l’ingresso della safety car, dato il tipo di tracciato, è pressoché inevitabile in caso di incidente o semplice fuori pista.

Se tutto questo sarà sufficiente alla Red Bull per superare Rosberg non è chiaro, ma quantomeno uno tra Ricciardo e Verstappen – se non entrambi – ha buone chance di rimanere davanti alla Mercedes di Hamilton. Per la Ferrari, a meno di una gara strepitosa di Raikkonen, le possibilità di un podio sono molto ridotte. Per Vettel sarà già molto difficile ritornare nelle prime sei posizioni (sorpassare non è affatto semplice). Visto che parte ultimo, la squadra ha deciso di sostituire sulla sua macchina diversi elementi della power unit con la consapevolezza che le sanzioni previste non possono di fatto peggiorare la sua posizione in griglia.

I pronostici

UNDER 17,5 CLASSIFICATI
UNDER (1.78, Eurobet)
IN CLASSIFICATI: 18

VINCENTE GRUPPO (Hulkenberg, Perez, Alonso, Button)
HULKENBERG (1.95, Eurobet)
IN VINCENTE GRUPPO: ALONSO

LEADER AL TERMINE DEL 10° GIRO
RICCIARDO (2.50, Bet365)
IN LEADER AL TERMINE DEL 10° GIRO: ROSBERG

TESTA A TESTA
ALONSO-BUTTON 1 (1.40) ALONSO 7° / BUTTON NC
HAMILTON-ROSBERG 2 (1.40) ROSBERG 1° / HAMILTON 3°
VETTEL-RAIKKONEN 2 (1.20) RAIKKONEN 4° / VETTEL 5°
SAINZ-KVYAT 1 (1.30) KVYAT 9° / SAINZ 14°
PEREZ-HULKENBERG 2 (1.50) PEREZ 8° / HULKENBERG NC
BOTTAS-MASSA 1 (1.40) MASSA 12° / BOTTAS NC
Quota totale: 6.42, Better

Aggiornamento lunedì 19 settembre

Da quest’anno il Veggente riporta la classifica finale del Gran Premio, per semplificare la verifica dei pronostici corretti da parte dei lettori e, soprattutto, per tenere un archivio utile e facile da recuperare nei weekend di gara.

GIRO PIÙ VELOCE: Danile Ricciardo (Red Bull)
Pos pilota squadra/motore tempo/distacco
Pos Driver Car Gap
1 Nico Rosberg Mercedes 1h55m48.950s
2 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 0.488s
3 Lewis Hamilton Mercedes 8.038s
4 Kimi Raikkonen Ferrari 10.219s
5 Sebastian Vettel Ferrari 27.694s
6 Max Verstappen Red Bull/Renault 1m11.197s
7 Fernando Alonso McLaren/Honda 1m29.198s
8 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m51.062s
9 Daniil Kvyat Toro Rosso/Ferrari 1m51.557s
10 Kevin Magnussen Renault 1m59.952s
11 Esteban Gutierrez Haas/Ferrari 1 giro
12 Felipe Massa Williams/Mercedes 1 giro
13 Felipe Nasr Sauber/Ferrari 1 giro
14 Carlos Sainz Toro Rosso/Ferrari 1 giro
15 Jolyon Palmer Renault 1 giro
16 Pascal Wehrlein Manor/Mercedes 1 giro
17 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1 giro
18 Esteban Ocon Manor/Mercedes 2 giri
Jenson Button* McLaren/Honda ritirato al 43° giro (guasto ai freni)
Valtteri Bottas* Williams/Mercedes ritirato al 35° giro (guasto al motore)
* Force India/Mercedes ritirato al 1° giro (incidente)
Romain Grosjean* Haas/Ferrari non partito (guasto)
Romain Grosjean* Haas/Ferrari 7 ritirato (guasto ai freni)

* non classificati
(i piloti “non classificati” sono soltanto quelli che non completano almeno il 90% dei giri previsti)