Euro 2016: Polonia-Portogallo (giovedì)

Europei 2016
I pronostici sulle partite di calcio di Euro 2016

Giovedì alle 21:00 si gioca la prima partita dei quarti di finale di Euro 2016, in campo il Portogallo che finora ha pareggiato (nei 90′) tutte e quattro le gare giocate: le cose da sapere, le probabili formazioni e i pronostici.

POLONIA – PORTOGALLO | giovedì ore 21:00

Croazia e Portogallo giocheranno la prima partita dei quarti di finale di Euro 2016 allo stadio “Velodrome” di Marsiglia, giovedì sera alle 21:00 (la partita sarà trasmessa da Sky e anche dalla Rai). La Polonia negli ottavi di finale ha eliminato la Svizzera ai calci di rigore, il Portogallo ha fatto fuori la Croazia ai tempi supplementari, vincendo 1-0 grazie a un gol di Quaresma.

Com’è andata finora la Polonia

I quarti di finale sono il migliore risultato di sempre per la Polonia agli Europei, torneo in cui tra l’altro non aveva finora mai vinto una partita nella fase finale. Nella storia calcistica della Polonia i risultati migliori ci sono stati nei Mondiali (terzo posto nel 1974 e nel 1982), ma finora agli Europei non era mai andata oltre la fase a gironi nelle uniche due precedenti partecipazioni del 2008 e del 2012. A questo punto però la Polonia non si accontenterà, perché è nella parte del tabellone sulla carta più facile e ha dimostrato di avere abbastanza qualità e solidità difensiva per arrivare fino in fondo.

Nel gruppo C ha vinto dominando la prima partita contro l’Irlanda del Nord, nazionale che si è poi dimostrata molto difficile da battere. Nella seconda giornata ha tenuto testa alla Germania, pareggiando 0-0 e avendo numerose occasioni per passare in vantaggio. La vittoria per 1-0 sull’Ucraina è valsa il secondo posto nel girone e la sfida agli ottavi di finale contro la Svizzera. I novanta minuti regolamentari sono finiti 1-1, e la Polonia ha subito il primo gol del torneo solo su una straordinaria giocata acrobatica da fuori area di Shaqiri. Pur soffrendo nei tempi supplementari gli attacchi della Svizzera, la Polonia ha resistito e ha poi vinto ai calci di rigore, segnandone cinque su cinque.

Il principale punto di forza della Polonia finora è stata la difesa, merito di Glik e soprattutto di Pazdan, vera sorpresa per rendimento di questa nazionale. I due centrali hanno il compito facilitato dall’ottima copertura assicurata dai centrocampisti, in particolare da Krychowiak, punto di forza del Siviglia che ha vinto l’Europa League. Hanno deluso finora rispetto alla attese gli attaccanti Milik e Lewandowski, che in due hanno fatto un solo gol dopo i diciannove del girone di qualificazione e i cinquantanove segnati nell’ultima stagione con i rispettivi club. Lewandowski sta giocando da vero leader e si sta sacrificando a tutto campo, ma dal calciatore che ha segnato 5 gol in 9 minuti in Bundesliga il commissario tecnico Nawałka si aspetta i gol decisivi, magari già a partire dal quarto di finale contro il Portogallo.

Com’è andato finora il Portogallo

Il Portogallo si ritrova ai quarti di finale degli Europei senza avere vinto finora una partita nei novanta minuti di gioco. Il Portogallo era inserito nel gruppo sulla carta più facile di Euro 2016 (con Islanda, Ungheria e Austria), eppure è riuscito a qualificarsi soltanto come una delle migliori terze, per mezzo di tre pareggi. Il Portogallo ha giocato male, mostrando parecchi limiti soprattutto nello sviluppo della manovra. Nelle prime due partite, inoltre, Cristiano Ronaldo ha fallito parecchie occasioni da gol e ha tirato sul palo un calcio di rigore. Contro la Croazia, il Portogallo ha passato il turno senza particolari meriti, tenendo basso il ritmo della partita, difendendo con ordine e riuscendo però a essere incredibilmente cinico, facendo gol in contropiede nei minuti finali dei tempi supplementari pochi secondo dopo che la Croazia aveva colpito un palo.

La fortuna sembra essere dalla parte del Portogallo, ed è un segnale da non sottovalutare. I calciatori hanno ora grande entusiasmo e il commissario tecnico Santos ha il giusto mix di esperienza (Pepe, Adrien Silva, Nani, Quaresma) e di giovani di grande qualità (Raphäel Guerreiro, William Carvalho, Andrè Gomes, Renato Sanches, Joao Mario) più il pallone d’oro Cristiano Ronaldo per arrivare fino in fondo.

Il modulo e i giocatori della Polonia

Il commissario tecnico Nawałka non ha motivo di cambiare tattica e calciatori della sua squadra, che sta rendendo al massimo. Fabianski ha preso il posto di Szczesny dopo l’infortunio del portiere della Roma, e resterà titolare anche se Szczesny dovesse tornare disponibile. Nel 4-4-2 della Polonia sta funzionando benissimo la coppia centrale difensiva formata da Glik e Pazdan. Glik è abile nel gioco aereo (ha vinto quasi tre duelli aerei a partita, il migliore tra i calciatori ancora in gioco a Euro 2016), Pazdan è molto abile negli anticipi, ne ha fatti in media più di tre a partita finora. Sulle fasce ci saranno Jedrzejczyk a sinistra – che ha giocato molto bene contro la Svizzera, anche in fase offensiva – e Piszczek ha destra, che ha un’ottima intesa con Blaszczykowski, per anni suo compagno di squadra nel Borussia Dortmund. In mezzo al campo al fianco del fortissimo Krychowiak sarà confermato Maczynski, a sinistra c’è il ballottaggio tra Grosicki e il giovane Kapustka, migliore in campo nella prima partita contro l’Irlanda del Nord. L’impressione è che Nawałka si affiderà alla maggiore esperienza di Grosicki, puntando su Kapustka a partita in corso. In attacco Milik e Lewandowsi, alla disperata ricerca del gol.

Il modulo e i giocatori del Portogallo

Rispetto al commissario tecnico della Polonia, Fernando Santos ha parecchi dubbi in più. Non necessariamente questo è un problema, anzi la “panchina lunga” potrebbe essere determinante a partita in corso. Il modulo di gioco sarà probabilmente il 4-4-2 con cui ha battuto la Croazia, anche se la disposizione in campo dei calciatori è molto differente rispetto alla versione classica del 4-4-2, come quella della Polonia, per intenderci. A parte la difesa in linea a quattro con i terzini leggermente avanzati, il centrocampo del Portogallo si dispone in una sorta di rombo con William Carvalho vertice basso e Joao Mario, Adrien Silva e Andrè Gomes a scambiarsi continuamente posizione. A centrocampo Santos avrà almeno due dubbi: Adrien Silva ha giocato bene contro la Croazia e potrebbe essere confermato al posto di Moutinho, Joao Mario non ha convinto ed è in ballottaggio con Quaresma, che però il commissario tecnico vede più come “dodicesimo”, e quindi d’aiuto a partita in corso. Infine Andrè Gomes rischia il posto in favore dell’altro giovane talento portoghese Renato Sanches. Per quanto riguarda i terzini, confermatissimo Raphäel Guerreiro a sinistra, ballottaggio tra Vierinha e Cedric a destra. In attacco Nani e naturalmente Cristiano Ronaldo.

Che partita può uscirne

Rispetto alla partita contro la Croazia, stavolta il Portogallo sarà costretto a fare nuovamente un maggiore possesso palla, e potrebbe andare in difficoltà a sviluppare la manovra come già accaduto contro Islanda e Austria. La Polonia ha dimostrato nel corso di questi Europei di avere un’ottima fase difensiva e di essere pericoloso in contropiede, anche se Lewandowski e Milik finora hanno deluso sotto porta. Il Portogallo pur facendo più possesso palla terrà sempre William Carvalho basso a protezione dei due centrali di difesa, e i terzini spingeranno a turno. Sarà una sfida molto equilibrata, del resto si sfidano la seconda migliore difesa del torneo e una squadra che fin qui ha sempre pareggiato, subendo – esclusa la “strana” partita contro l’Ungheria, solo un gol su tre partite e resistendo agli attacchi della forte Croazia.

Una curiosità: il Portogallo è tra le squadre ai quarti di finale quella che è finita più volte in fuorigioco (in media 3.8 a partita), e c’è un motivo tattico: i continui scatti in profondità di Nani e soprattutto di Cristiano Ronaldo. La Polonia fa un gioco diverso, con gli attaccanti che a turno retrocedono per favorire gli inserimenti dei centrocampisti, e anche per questo il numero di fuorigioco è relativamente basso (in media 2 a partita).

Le promozioni interessanti dei bookmaker su questa partita

Eurobet rimborserà le scommesse eventualmente perdenti su risultato esatto, primo marcatore (dell’incontro e squadra), parziale/finale, tempo del primo gol e “combobet” (1×2 + Under/Over 2.5 e 1×2 + Gol/NoGol) se ci sarà un gol segnato con un tiro da fuori area.

Paddy Power – che accredita sul conto dei nuovi clienti un bonus scommesse di 25€ netti a chi depositi almeno 10 euro – rimborserà tutte le scommesse singole perdenti su risultato esatto, 1X2 + Under/Over 2.5 e Vincente più Marcatore se Lewandowski farà almeno un gol durante la partita.

Probabili formazioni
POLONIA: Fabianski, Piszczek, Pazdan, Glik, Jedrzejczyk, Blaszczykowski, Krychowiak, Maczynski, Grosicki, Lewandowski, Milik.
PORTOGALLO: Rui Patrício, Cedric, Ricardo Carvalho, Pepe, Raphäel Guerreiro, André Gomes, William Carvalho, Adrien Silva, João Mário, Nani, Cristiano Ronaldo.

PROBABILE RISULTATO: 1-1
UNDER 2.5 (1.45, #)
X (2.95, #)
PORTOGALLO MAGGIORE POSSESSO PALLA (1.35, #)
PIÙ FUORIGIOCO – PORTOGALLO (2.00, #)