Champions League: Paris SG-Manchester City (mercoledì)

Champions League

PSG-Manchester City è probabilmente il quarto di finale più avvincente ed equilibrato di questa edizione della Champions League: ecco l’analisi, le probabili formazioni e i pronostici per la partita che si giocherà mercoledì 6 aprile al “Parco dei Principi” di Parigi.

PSG – MANCHESTER CITY | mercoledì ore 20:45

Nonostante i tanti milioni di euro spesi nel corso degli ultimi anni, il Manchester City non era mai riuscito prima d’ora a raggiungere i quarti di finale di Champions League, fase del torneo in cui invece è sempre arrivato nelle ultime tre stagioni il PSG, senza però mai riuscire ad andare oltre. Sconfitto dal fortissimo Barcellona nel 2013 e nel 2015 e dal Chelsea nel 2014, stavolta il Psg ha la possibilità di raggiungere le semifinali e sembra avere la maturità per fronteggiare ad armi pari anche Bayern Monaco, Barcellona e Real Madrid, che pure al momento continuano ad avere qualcosa in più anche secondo le quote antepost dei bookmaker.

Il vantaggio del PSG

Il vantaggio del Psg rispetto al Manchester City è quello di avere già vinto il campionato di Ligue 1 e di non avere – Verratti a parte – problemi di infortuni. L’allenatore Laurent Blanc potrà amministrare al meglio le energie dei suoi in vista di questa doppia sfida ravvicinata, facendo molto probabilmente turnover nella prossima partita di campionato, qualcosa che il City non potrà permettersi dato che rischia seriamente di rimanere fuori dalla prossima Champions League non classificandosi tra le prime quattro di Premier League.

Nel corso di questa stagione il Psg ha messo in mostra una grande continuità di rendimento, al contrario del Manchester City, che spesso è andato incontro a clamorose disfatte: tra febbraio e marzo ha perso in casa 3-1 contro il Leicester e 2-1 col Tottenham, 5-1 col Chelsea e 3-0 col Liverpool in trasferta. Lo scorso 20 marzo il Manchester City ha perso in casa anche il derby contro il non irresistibile Manchester United di questa stagione, e il rendimento complessivo nelle partite contro le squadre di alta classifica è stato finora disastroso. La fortuna del Manchester City è stata vincere il girone di Champions approfittando dell’ultima sconfitta della Juventus contro il Siviglia; poi, grazie al sorteggio fortunato, che gli ha messo contro la Dinamo Kiev, ha potuto finalmente raggiungere i quarti di finale.

I guai del City

Il Manchester City nel complesso ha una squadra molto forte, ma l’allenatore Pellegrini non è mai riuscito nel corso della stagione a trovare la tattica di gioco giusta per esaltare le doti dei fortissimi calciatori a disposizione sulla trequarti (Silva, Sterling e De Bruyne) e in attacco (Aguero). La scarsa disciplina tattica a centrocampo di Yaya Tourè – che potrebbe saltare questa partita per problemi fisici – ha spesso sbilanciato la squadra, che ha nella difesa il suo punto debole, soprattutto in virtù della prolungata assenza per infortunio del capitano Kompany.

A inizio stagione con Kompany titolare il Manchester City aveva vinto sei partite su otto subendo appena un gol; poi in sua assenza sono arrivate le prime batoste stagionali: 2-1 contro il West Ham, 4-1 col Tottenham e col Liverpool. In questa partita di andata molto probabilmente il Manchester City dovrà fare a meno anche del suo portiere titolare Hart, e il sostituto Caballero – che pure è stato decisivo nella finale di Carling Cup vinta ai rigori contro il Liverpool – finora ha subìto 17 gol su 14 partite commettendo spesso gravi errori, mentre Hart ha subito 36 gol su 36 partite giocate finora. La media di gol subiti è comunque molto alta con tutti i due portieri per una squadra di così alto livello, e infatti il Manchester City è, tra le squadre arrivate ai quarti di finale di Champions League, quella che è riuscita a mantenere la porta inviolata in meno occasioni (soltanto una volta).

Cosa aspettarsi dalla partita

Al contrario del Manchester City, il PSG ha insieme all’Atletico Madrid la migliore difesa del torneo con soltanto tre gol subiti, anche se due sono arrivati nelle ultime due partite contro il Chelsea, in cui ha dimostrato di soffrire le ripartenze degli avversari. A volte l’aggressività con cui centrocampisti e difensori parigini si buttano alla riconquista del pallone è eccessiva e disorganizzata. In questo senso il calciatore che fa sempre più “danni” è il difensore brasiliano David Luiz: cerca sistematicamente l’anticipo, e spesso gli va bene, ma quando gli va male gli avversari si ritrovano in superiorità numerica e con la possibilità di puntare direttamente la porta avversaria. Contro avversari veloci, tecnici e abili nel dribbling come Silva, De Bruyne e Aguero il Psg potrebbe andare in sofferenza in occasioni del genere, e la sensazione è che per vincere la partita la squadra allenata da Blanc avrà bisogno di fare almeno due gol.

A proposito di gol, la presenza di Ibrahimovic e Aguero è una garanzia di “over”. L’attaccante svedese ha fatto quattro gol nelle ultime quattro partite di Champions League e complessivamente tra Champions, Ligue 1 e Coupe de France ha fatto 38 gol su 38 partite (tripletta sabato scorso nell’ultima partita di Ligue 1 contro il Nizza), mentre l’argentino in Champions League ne ha fatti 14 nelle ultime 16 partite giocate da titolare.

Il Psg è favorito in una partita in cui i gol non dovrebbero mancare: giocando una scommessa singola su Psg-Manchester City prima dell’inizio della partita, Bet365 permetterà di giocarne un’altra live – dello stesso importo o minore – interamente rimborsabile (puntata massima 25 euro), nel corso della partita.

Le probabili formazioni:
PSG: Trapp, Marquinhos, Thiago Silva, David Luiz, Maxwell, Matuidi, Thiago Motta, Rabiot, Di María, Ibrahimovic, Cavani.
MANCHESTER CITY: Hart (Caballero), Sagna, Otamendi, Mangala, Clichy, Fernando, Fernandinho, De Bruyne, Silva, Jesus Navas, Aguero.

PROBABILE RISULTATO: 2-1
1 (1.70, Bet365)
1X + OVER 1.5 (1.44, Eurobet)
GOL (1.90, Eurobet)
MULTIGOL: 2-4 (1.55, SNAI)