Champions League: Valencia-Gent e Zenit San Pietroburgo-Lione (gruppo H)

Champions League

Analisi, probabili formazioni e pronostici di Valencia-Gent e Zenit San Pietroburgo, terza giornata del gruppo H della Champions League.

VALENCIA – GENT | martedì ore 20:45

Sabato scorso il Valencia ha segnato tre gol al Malaga, una cosa che non era ancora riuscito a fare nessuno in questo campionato (il Malaga è una squadra con un’ottima difesa e un buon portiere: non segna praticamente mai, ma ne subisce solitamente molto pochi). Sarebbe sbagliato tuttavia leggere in quella partita dei segnali di ripresa da parte del Valencia, che ha cominciato piuttosto male la stagione, evidenziando una serie di limiti strutturali nella rosa, probabilmente molto sovrastimata dalla dirigenza e dagli osservatori in fase di calciomercato estivo (l'”affare” Negredo, al momento fuori rosa del tutto, si sta lentamente dimostrando un mezzo fallimento da 30 milioni di euro). I problemi restano: il Valencia ha segnato soltanto 7 gol in otto partite, e due dei tre segnati al Malaga sabato scorso sono stati segnati uno su calcio di rigore e l’altro su autogol del Malaga.

L’avversario del Valencia nella terza giornata di Champions League è il Gent, che dopo il buon pareggio interno contro il Lione alla prima giornata, ha perso 2-1 a San Pietroburgo contro lo Zenit alla seconda giornata, giocando comunque una buona partita. La buona notizia è che in difesa dovrebbe rientrare tra i disponibili Erik Johansson, assente per infortunio da settembre: questo ritorno potrebbe quantomeno aiutare la squadra a rinforzare un reparto che da quasi due mesi prende almeno un gol a partita, nonostante le buone prestazioni generali della squadra (la sconfitta contro lo Zenit è stata la prima sconfitta stagionale per il Gent).

Nel Valencia sono ancora assenti per infortunio sia Mat Ryan che Diego Alves, primo e secondo portiere, che al loro rientro però potrebbero persino perderlo del tutto, il posto da titolari, dato che Jaume Domenech, partito come terzo portiere della rosa, è in ottima forma (sabato scorso ha anche parato un rigore al Malaga, ma in genere sta giocando davvero bene). Più rilevante potrebbe essere in difesa l’assenza di Abdennour, infortunato, al momento sostituito da Aderlan Santos. L’allontanamento di Negredo dalla formazione titolare favorisce di fatto l’inserimento più stabile del 19enne Santi Mina tra le opzioni a disposizione di Nuno Espirito Santo, che si dice non abbia gradito molto certe lamentele indirette di Negredo riguardo la sua posizione in campo.

Per il Gent è una partita complicata comunque. L’allenatore Hein Vanhaezebrouck ha recentemente detto in un’intervista a Marca che il Valencia è l’avversario più forte del girone e che nella fase a gironi lui avrebbe preferito affrontare squadre inglesi piuttosto che spagnole, proprio per la difficoltà delle trasferte in Spagna.

Le formazioni ufficiali:
VALENCIA: Domenech, Cancelo, Mustafi, Santos, Gayá, J. Fuego, Feghouli, Parejo, Gomes, Mina, Alcácer
GENT: Sels, Mitrović, Asare, Nielsen, Matton, Renato Neto, Kums, Saief, Foket, Milicevic, Depoitre.

PROBABILE RISULTATO: 2-0
1X + UNDER 3,5 (1.56, Eurobet)
UNDER (2.20, Paddy Power)




ZENIT SAN PIETROBURGO – LIONE | martedì ore 20:45

I trionfi in campionato e nella Supercoppa nazionale avevano fatto pensare che lo Zenit fosse pronto ad aprire un nuovo ciclo vincente, ed invece i risultati ottenuti nelle ultime settimane dal club di San Pietroburgo sono stati deludenti. Divergenze riguardanti la conduzione del mercato hanno prodotto un clima teso tra i vertici dirigenziali e l’allenatore, André Villas-Boas, che ha già manifestato la propria intenzione di andar via al termine di questa stagione. Dopo i primi dodici turni della Russian Premier League, lo Zenit è soltanto in terza posizione, a dieci punti di distanza dal CSKA e a cinque dalla Lokomotiv. Da centrocampo in su, i problemi sono pochi: Axel Witsel – che era stato lungamente cercato dal Milan, al quale sarebbe stato decisamente utile – assicura qualità a centrocampo, mentre Hulk, Danny ed Oleg Shatov assistono nel modo giusto Artem Dzyuba, ormai diventato importantissimo anche per la propria nazionale.

La fase difensiva, però, non sta convincendo: le reti subite in campionato sono già quindici. Il 2-2 ottenuto nello scorso weekend contro il Kuban Krasnodar fotografa bene quanto abbiamo appena spiegato. In Champions League, la situazione è più incoraggiante: grazie a due vittorie ottenute in altrettante giornate, la formazione di Villas-Boas comanda il gruppo H. Anche in campo europeo, però, il “gol” è un’opzione ricorrente: la partita di Valencia si è chiusa sul 3-2, quella con il Gent sul 2-1. Il Lione, ultimo in classifica con un solo punto, deve impostare una partita offensiva per provare a recuperare posizioni. Lo spettacolo non dovrebbe mancare.

Le formazioni ufficiali:
ZENIT SAN PIETROBURGO: M Kerzhakov, Anyukov, Criscito, Lombaerts, Garay, Danny Shatov, Javi García, Witsel, Hulk, Dzyuba.
LIONE: Lopes, Jallet, Yanga-Mbiwa, Umtiti, Morel, Ferri, Gonalons, Tolisso, Rafael, Lacazette, Valbuena.

PROBABILE RISULTATO: 1-1
GOL (1.80, William Hill)

Le combobet con doppia chance di Eurobet