Verona-Torino e Juventus-Milan

Serie A

Sabato ci sono due anticipi della ventiduesima giornata di Serie A, la terza del girone di ritorno: Verona-Torino alle 18 e Juventus-Milan alle 20.45.

VERONA – TORINO | sabato ore 18:00

Il Torino è la squadra che ha fatto più punti nelle ultime otto giornate di Serie A, ben 16. La squadra allenata da Ventura ha vinto le ultime tre partite consecutive, e quattro vittorie di fila mancano al Torino in Serie A dal marzo 1978. Grazie a questa serie positiva il Torino di è ormai definitivamente allontanato dalla zona retrocessione, ma vuole continuare a fare punti in vista degli impegni di Europa League, che come visto nella prima parte di stagione hanno inevitabilmente abbassato il rendimento di questa squadra.

Il Verona al momento ha sei punti di vantaggio sulla zona retrocessione. L’allenatore Mandorlini ultimamente ha provato a cambiare il modulo di gioco della sua squadra, che continua a concedere con troppa frequenza tiri in porta agli avversari. L’anno scorso il grande potenziale offensivo del Verona che poteva contare anche su Iturbe, Marquinho e Romulo oltre a Toni nascondeva questo difetto a livello di rendimento. In questa stagione la fase offensiva del Verona è meno efficace, e i punti in classifica sono diminuiti. Mandorlini ha così pensato di rinunciare ai tre attaccanti e di dare più sostanza al centrocampo passando al 3-5-2. L’infortunio di Jacopo Sala lo priva però del suo calciatore più in forma in fase d’attacco, con Greco, Tachtsidis, Lazaros e Saviola ci potrà essere un buon possesso palla ma mancheranno le accelerazioni e il cambio di passo in fase di manovra. Questo potrebbe avvantaggiare la difesa schierata del Torino, che subisce pochi gol e che ha annullato nell’ultima trasferta l’attacco dell’Inter che ha più qualità di questo del Verona.

Il Torino nelle ultime partite è migliorato in fase offensiva, grazie soprattutto a Quagliarella che è tornato a fare gol con regolarità e ai soliti calci piazzati. Resta il fatto che a parte Quagliarella (8 gol) e Glik (5 gol) nessun altro calciatore del Torino ha superato quota 2 gol in questo campionato, sicuramente un limite di questa squadra.

Verona e Torino sono tra le squadre che hanno la percentuale più bassa di supremazia territoriale (tempo totale di possesso palla di una squadra nella metà campo avversaria). Tutte e due le squadre non vorranno dare spazi alle ripartenze avversarie, per tutte e due in questa partita è fondamentale non perdere.

Il pronostico di base per questa partita è l’under a quota 1.70 su #&bid=9289″ target=”_blank”>Betfair che offre ai nuovi registrati 5 euro subito, senza obbligo di deposito, e un accredito – fino a un massimo di 50€ – pari al 50% dell’importo della prima scommessa effettuata (di almeno 10€).

In alternativa c’è il pareggio a quota 3.20.

Probabili formazioni
VERONA: Benussi, Marques, Marquez, Moras, Martic, Christodoulopoulos, Tachtsidis, Greco, Brivio, Saviola, Toni.
TORINO: Padelli, Maksimovic, Glik, Moretti, Peres, Benassi, Vives, Farnerud, Darmian, Quagliarella, Maxi Lopez.

PROBABILE RISULTATO: 1-1
UNDER (1.70, #&bid=9289″ target=”_blank”>Betfair)
X (3.20, #&bid=9289″ target=”_blank”>Betfair)


JUVENTUS – MILAN | sabato ore 20:45

Da un punto di vista tattico la partita contro la Juventus è quella ideale per il Milan. Inzaghi pur essendo stato da calciatore un attaccante d’area di rigore, finora ha spesso giocato senza attaccanti con le sue caratteristiche, preferendo calciatori abili nelle ripartenze, e puntando sul contropiede. Ci sono state alcune belle vittorie a inizio campionato frutto di questa tattica (contro Lazio, Parma e Verona). Poi però parecchie squadre avversarie hanno capito che per mettere in difficoltà il Milan bastava giocare con il baricentro più basso, e contro le difese ben schierate il Milan non ha mai trovato soluzioni offensive alternative col rendimento che è stato spesso deludente.

Nella partita di andata la Juventus non ha giocato col baricentro basso, anzi. Ha attaccato dall’inizio alla fine ed è stata così superiore da non fare vedere mai il pallone agli avversari. Rispetto a quella partita Allegri ha ora cambiato modulo, è passato dal 3-5-2 al 4-3-1-2 che gli sta dando parecchie soddisfazioni a livello offensivo, visto che è sensibilmente aumentano il numero di gol fatti. Il Milan nel corso di questo campionato non ha mai difeso bene e se possibile ultimamente è addirittura peggiorato, visto che nel 2015 è la seconda squadra di Serie A ad avere subito più tiri. La Juventus ha fatto almeno due gol in 9 delle ultime 11 partite di campionato e ha una media di due gol a partita fatti al Milan nelle ultime tre partite in cui l’ha affrontato e battuto a Torino.

Gli arrivi di Paletta e Antonelli, subito schierati titolari da Inzaghi, non dovrebbero bastare a migliorare la tenuta difensiva della sua squadra, o almeno non così presto e già in questa partita contro un avversario forte quando attacca come la Juventus. Il Milan sembra destinato a perdere questa partita, ma c’è la speranza che possa riuscire a fare gol. La Juventus quando inizia l’azione fa salire i terzini e abbassa Pirlo sulla linea dei difensori per iniziare il gioco. Se il Milan riuscirà a fare pressing alto con Muntari e Poli rinconquistando palla avrebbe modo con Menez, Honda e Bonaventura di rendersi pericoloso in contropiede.

La vittoria della Juventus è a quota 1.38 su # che rimborserà la puntata se ci saranno più di tre gol durante la partita.

Probabili formazioni
JUVENTUS: Buffon, Ogbonna, Bonucci, Chiellini, Evra, Marchisio, Pirlo, Pogba, Vidal, Tevez, Llorente.
MILAN: Diego Lopez, Paletta, Alex, Rami, Antonelli, Bonaventura, Poli, Essien, Muntari, Menez, Honda.

PROBABILE RISULTATO: 3-1
1 (1.38, #)
GOL (2.00, #)
OVER (1.72, #)