Il quasi gol di Stefan Kiessling

Ieri sera, al 69° minuto della partita di Bundesliga tra Bayer Leverkusen e Hoffenheim, all’attaccante Stefan Kiessling è stato convalidato il gol irregolare più incredibile di sempre: Kiessling ha segnato senza neppure centrare la porta. Il Bayer Leverkusen, che giocava fuori casa, ha poi vinto la partita 2-1 ed è salito provvisoriamente in testa alla classifica con 22 punti.

È il 69° minuto, il Bayer Leverkusen sta già avanti di un gol e c’è da battere un calcio d’angolo: Gonzalo Castro calcia la palla alto al centro, Kiessling (29 anni, 191 cm, già 6 gol in questo campionato) si smarca, salta e indirizza in porta di testa. Appena atterrato si rammarica perché c’è mancato veramente poco. Lo stadio e i compagni invece esultano. Rolfes addirittura ribadisce il gol ricalciando con violenza il pallone in rete, come a volte fanno quelli che ci restano un po’ male perché volevano segnarlo loro.

Kiessling – che non capisce come e da dove sia entrato quel pallone – alla fine abbozza ed esulta pure lui: pare che sia l’unico ad aver visto quella palla fuori. Ci sono cascati tutti, anche i telecronisti. L’arbitro Felix Brych registra il gol: 2-0.

Tornando a centrocampo per riprendere la partita, Kiessling ha uno scambio di battute con l’arbitro. Cinque minuti più tardi, alcuni panchinari dell’Hoffenheim vanno a verificare le condizioni della rete e trovano un buco nelle maglie, piccolo piccolo, giusto lo spazio di un pallone: Kiessling ha fatto centro proprio lì. Brych non torna più sulla sua decisione.

L’Hoffenheim ha annunciato il ricorso per errore tecnico: il dirigente Roser l’ha presa molto male, diciamo, e l’allenatore Markus Gisdol è abbastanza fiducioso che la partita verrà rigiocata. L’ultima volta che successe una cosa del genere in Germania fu 19 anni fa, quando l’arbitro convalidò un gol inesistente del Bayern Monaco contro il Norimberga, e in effetti la partita fu poi rigiocata (la vinse il Bayern 5-0).

Rudi Völler (sì, proprio lui), che ora allena il Leverkusen, ha detto: «siamo molto imbarazzati, ma non siamo responsabili». Poi ha aggiunto, e forse se la poteva risparmiare: «l’Hoffenheim ha speso tanti soldi per lo stadio, magari la prossima volta compreranno qualche rete integra».