Domenica alle 18 c’è Shakhtar Donetsk-Dinamo Kiev

Calcio

In Ucraina dal 2010 il campionato lo vince lo Shakhtar e molto probabilmente lo farà anche stavolta, sebbene la squadra sia stata un po’ rivoluzionata. A dare fiducia massima per i risultati è la conferma di Lucescu in panchina che in questi anni ha sempre saputo fare ambientare da subito i giocatori brasiliani che di volta in volta sono arrivati in Ucraina. Sono partiti Willian, Mkhitaryan, Fernandinho e Rat, quattro titolari fissi della scorsa stagione. Gli arrivi però sono eccellenti: Fernando, mediano della nazionale brasiliana ex Gremio, Fred – da non confondere con l’attaccante capocannoniere della Confederations Cup – giovane talento dell’Internacional, potenzialmente più forte di Oscar del Chelsea, poi gli attaccanti Facundo Ferreyra e Wellington Nem. E in arrivo c’è un altro fenomeno del futuro del calcio brasiliano, Bernard dell’Atletico Mineiro che ha anche giocato qualche minuto con il Brasile nell’ultima Confederations Cup.

Nelle prime tre giornate di campionato lo Shakhtar ha sempre vinto segnando 6 gol e subendone soltanto 1. Nella prima partita della stagione lo Shakhtar ha vinto la Supercoppa di Ucraina battendo 3-1 in finale il Chornomorets Odessa.

La principale antagonista dello Shakhtar sarà la Dinamo Kiev, reduce da una brutta stagione ma che vuole riscattarsi subito e lo ha dimostrato sul mercato, visto che sono arrivati ottimi giocatori: il difensore centrale del Basilea – cercato con insistenza anche dall’Inter – Dragovic, il terzino sinistro Tremoulinas, il trequartista Belhanda e gli attaccanti Mbokani (già 4 gol all’attivo) e Lens che hanno fatto benissimo con Anderlecht e Psv nelle passate stagioni. Senza dimenticare che ci sono già Idewe Brown e Yarmolenko, un attacco davvero forte.

La Dinamo Kiev è sicuramente migliorata, ma ci vorrà tempo prima che la squadra riesca a essere competitiva a lungo termine come lo Shakhtar, perché ci sono stati troppi cambi nella formazione titolare rispetto all’anno scorso, almeno cinque. Lo Shakhtar ha cambiato pure qualcosa ma l’ossatura della squadra è rimasta la stessa, così come il modulo tattico dell’allenatore Lucescu che proprio per questo motivo potrà fare inserire i nuovi arrivati molto più facilmente rispetto a Blokhin.

I precedenti giocati in casa dello Shakhtar lasciano poche speranze alla Dinamo Kiev, la squadra di Donetsk ne ha vinti 8 degli ultimi 9 segnando sempre almeno due gol nelle ultime quattro occasioni.

Il pronostico più probabile è il “gol” (entrambe le squadre segnano) a quota 1.60 su Paddypower, che accredita ai nuovi utenti che si registrano l’importo della prima scommessa effettuata, vincente o perdente che sia (fino a un massimo di 50 euro). La vittoria dello Shakthar Donetsk è a quota 1.85 su Tipico che dà il bonus del 100% fino a 100 euro sul primo versamento.

Probabili formazioni:
SHAKHTAR DONETSK: Pyatov, Srna, Kryvtsov, Rakitsky, Ismaily, Stepanenko, Alex Texeira, Taison, Fred, Douglas Costa, Luiz Adriano.
DINAMO KIEV: Koval, Danilo Silva, Khacheridi, Dragovic, Tremoulinas, Veloso, Haruna, Belhanda, Yarmolenko, Lens, Mbokani.

PRONOSTICO: 2-1