Italia-Brasile vale il primo posto del girone A

ITALIA – BRASILE | sabato ore 21:00

Italia e Brasile hanno 6 punti nel girone A e sono tutte e due sicure della qualificazione. Fosse stato il mondiale, sapendo che chi perde quasi sicuramente affronterà la Spagna (al Brasile va bene anche il pareggio perché ha una migliore differenza reti), questa partita avrebbe avuto ben altro valore e probabilmente tutti e due gli allenatori avrebbero giocato con la formazione titolare. Così non è e così Prandelli e Scolari manderanno in campo chi finora ha giocato meno, senza però stravolgere le squadre o rinunciare ai due giocatori al momento più rappresentativi, Balotelli e Neymar.

L’Italia si è qualificata grazie alla vittoria sul Giappone col risultato di 4-3. Una partita che si era messa malissimo per gli azzurri, sotto di due gol a cinque minuti dalla fine del primo tempo. La voglia di reagire nonostante la stanchezza e la precaria condizione fisica, insieme a parecchia fortuna, hanno permesso alla squadra di Prandelli di riuscire nella rimonta, ma che sofferenza. Pirlo ha giocato male, era stanco e pressato in continuazione dai giapponesi che invece sembravano maratoneti instancabili. L’Italia quando Pirlo ha un rendimento leggermente più scarso del solito, gioca male. Ora, il problema è che Pirlo proprio contro il Giappone si è infortunato e non giocherà contro il Brasile. Un’assenza che peserà sull’andamento della partita, al suo posto ci sarà Montolivo che nel Milan ha giocato bene da regista ma che in questa Confederations Cup non ha finora entusiasmato. Prandelli farà dei cambi: Bonucci per Barzagli, Candreva per De Rossi (squalificato) e Giovinco per Giaccherini. Il modulo sarà il 4-3-1-2 e sarà la formazione più offensiva schierata dall’inizio di questa competizione. Prandelli ha deciso di fare giocatore chi reputa meno stanco e in grado di correre e di attaccare, perché la parola d’ordine contro il Brasile è il “coraggio”.

Il Brasile nelle prime due partite della Confederations Cup non ha subito gol, ma si è trattato di un caso. L’imprecisione degli attaccanti avversari è stata più decisiva dell’efficacia dell’organizzazione difensiva del Brasile, che anche contro il Messico ha giocato male per molto tempo della partita. Nei primi quindici minuti è stato brillante, poi è crollato fisicamente, non è riuscito a fare più possesso palla del Messico e ha vissuto esclusivamente delle giocate di Neymar (marcatore a quota 2.40 su Paddypower) che al momento sta nascondendo i tanti limiti nell’organizzazione di gioco del Brasile. Contro l’Italia ci sarà probabilmente Hernanes a centrocampo, un giocatore che potrebbe aumentare la qualità in fase di impostazione di gioco. Il problema è che i tre che agiscono sulla trequarti hanno una spiccata vocazione offensiva e non tornano mai in difesa. I due mediani devono correre tantissimo, ma la squadra se pressata dagli attaccanti e dai centrocampisti avversari fatica ad uscire dalla propria metà campo. Questo è il coraggio che chiede Prandelli ai suoi: correre e pressare nella metà campo avversaria, recuperare tanti palloni in quella zona darebbe a Balotelli (marcatore a quota 3.50 su Paddypower), Giovinco e Aquilani tante possibilità di tiro dal limite dell’area di rigore.

L’ultima vittoria dell’Italia sul Brasile è stata quella storica del 1982, anno del terzo e penultimo mondiale vinto dalla nostra nazionale. Difficile in queste condizioni pensare anche soltanto ad un pareggio come quello dell’ultimo precedente in amichevole (2-2). La vittoria del Brasile è a quota 1.65 su Bet-at-home che accredita il 20% extra dell’importo del primo versamento (fino a un massimo di 50 euro).

L’alternativa – che appare ancora più probabile – è il “gol” (entrambe le squadre segnano) a quota 1.83 su Paddypower che accredita l’importo della prima scommessa effettuata, perdente o vincente che sia (fino a un massimo di 40 euro).


Probabili formazioni:
ITALIA: Buffon, Abate, Chiellini, Bonucci, De Sciglio, Candreva, Montolivo, Marchisio, Aquilani, Giovinco, Balotelli.
BRASILE: Julio Cesar, Dani Alves, Dante, Thiago Silva, Marcelo, Hernanes, Luiz Gustavo, Neymar, Oscar, Lucas, Fred.

PRONOSTICO: 1-2