5 motivi per vedere Tahiti-Nigeria (e tifare per Tahiti)

#1 Questa partita non finirà zero a zero. Non c’è alcuna possibilità di non vedere gol, o detto meglio: non c’è alcuna possibilità che Tahiti non subisca gol. La quota per la vittoria della Nigeria, per capirci, oscilla tra 1.05 e 1.08 (quote che manco il miglior Federer, anni fa, al primo turno di Wimbledon). Il No Gol – cioè la scommessa che solo una squadra riesca a fare gol – è a 1.44.

#2 È bello fare il tifo per una squadra in cui nessuno è pagato per giocare a pallone: l’unico calciatore professionista è l’attaccante titolare (Vahirua, gioca in Grecia), e tutti gli altri sono fattorini, camionisti, scalatori di montagne e palme da cocco (il difensore Teheivarii Ludivion).

#3 È bello fare il tifo per una squadra in cui tutti i giocatori chiamano l’allenatore papà, dato che lo conoscono da quando avevano 12-13 anni.

#4 È bello fare il tifo per una nazionale il cui stadio di casa più capiente ne contiene 10.000, e che stasera giocherà in uno stadio da 62.000 posti, e che prima di arrivare in Brasile – per abituare i calciatori al baccano – si è allenata mandando in loop sugli altoparlanti dello stadio registrazioni di cori, fischi e applausi di grandi stadi europei e sudamericani.

#5 Non accadrà che non accadrà, ma l’esultanza di Vahirua quando segna è la pagaiata.