Il Giappone può qualificarsi ai mondiali del 2014

Le qualificazioni ai mondiali della zona asiatica (AFC) sono al quarto round. Tutte le squadre che hanno passato i turni precedenti sono state divise in 2 gruppi da 5. Le prime due classificate di questi due gironi si qualificheranno direttamente alla fase finale del Mondiali del 2014, mentre le terze giocheranno uno spareggio e la vincente farà lo spareggio con la quinta classificata nel girone della Conmebol, ovvero il girone del Sudamerica.

Classifica girone 1 zona asiatica (AFC): Uzbekistan 11 (6), Corea del Sud 10 (5), Iran 7 (5), Quatar 7 (6), Libano 4 (6).
Classifica girone 2 zona asiatica (AFC): Giappone 13 (6), Giordania 7 (6), Australia 6 (5), Oman 6 (6), Iraq 5 (5). Tra parentesi le partite giocate.

GIAPPONE – AUSTRALIA | martedì ore 12:30

Il Giappone pareggiando contro l’Australia otterrà la qualificazione aritmetica al mondiale del 2014 in Brasile. E il pareggio in una trasferta così difficile è un risultato che all’Australia andrebbe più che bene, perché le permetterebbe di rimanere ancora in corsa per la qualificazione come seconda agganciando la Giordania a quota 7 punti, col vantaggio poi di giocare lo scontro diretto nel prossimo turno in casa, come in casa giocherà anche l’ultima partita contro l’Iraq.

L’allenatore del Giappone è un italiano, Alberto Zaccheroni, che ha vinto uno scudetto in Italia nel 1998/1999 col Milan. Zaccheroni ha girato quasi tutte le migliori squadre della Serie A in carriera: Inter, Lazio, Juventus e prima di tutte Udinese, società sempre lungimirante che lo prese dal Cosenza, squadra allora in Serie B che nella stagione 1994/1995 portò alla salvezza con largo anticipo nonostante i 9 punti iniziali di penalizzazione, restando per molte giornate addirittura in zona promozione.

Zaccheroni da allenatore del Giappone ha già vinto la Coppa d’Asia nel 2011, battendo proprio l’Australia in finale ai tempi supplementari. Il Giappone è una delle nazionali emergenti a livello mondiale. Oltre alla consueta disciplina tattica, ultimamente molti giocatori dotati di buona tecnica individuale sono arrivati a giocare fin da giovanissimi in Europa, il caso più eclatante è quello di Kagawa del Manchester United, non a caso migliore giocatore della nazionale. L’Australia è invece più scarsa rispetto a quella che fu eliminata nel 2006 dall’Italia agli ottavi di finale dei mondiali, Kewell non ha un erede e l’unico giocatore di una certa importanza è l’ex Everton Cahill. Resta comunque una squadra solida in difesa, che in questa partita giocherà con una tattica molto prudente, e cercherà con ogni probabilità di mantenere il risultato sullo 0-0, pareggio che come già scritto darebbe la qualificazione aritmetica ai prossimi mondiali al Giappone.

Il pareggio in Giappone-Australia è a quota 3.30 su Bet-at-home che dà fino a 50 euro di bonus extra ai nuovi utenti che si registrano. Il segno “under” (meno di tre gol complessivi) è a quota 1.55 sempre su Bet-at-home.

Probabili formazioni:
GIAPPONE: Kawashima, Uchida, Yoshida, Konno, Nagatomo, Hasebe, Endo, Honda, Kagawa, Kiyotake, Okazaki.
AUSTRALIA: Schwarzer, Wilkshire, Neill, Ognenovski, McKay, Kruse, Milligan, Bresciano, Oar, Holman, Cahill.

PRONOSTICO: 0-0
OMAN – IRAQ | martedì ore 15:00

Mai dare per spacciato l’Iraq. È dal 2004 che questa nazionale sta sorprendendo e non vuole smettere di farlo. Nonostante la guerra che nel 2003 portò alla caduta di Saddam Hussein, nel 2004 la nazionale di calcio giovanile riuscì a qualificarsi alle Olimpiadi fino a sfiorare in modo clamoroso una medaglia, arrivando al quarto posto e cedendo il bronzo all’Italia di Gilardino. Nel 2007 l’Iraq ha poi vinto con la nazionale maggiore la Coppa d’Asia. La qualificazione ai mondiali del 2014 in Brasile è difficile – sarebbe il secondo in assoluto dopo quello del 1986 – ma non impossibile. L’Iraq è ultimo ma ha solo due punti in meno della seconda – che è la Giordania – e rispetto alla quale deve giocare una partita in più.

L’Oman allenato da Paul Le Guen dovrà fare a meno di due titolari, il portiere Ali al Habsi e l’attaccante più forte, Imaad al Hosni. Gli ultimi due precedenti tra le due nazionali sono finiti in parità, in questa stagione i club dell’Iraq hanno messo sempre in difficoltà quelli dell’Oman.

La doppia chance esterna (vittoria dell’Iraq o pareggio) è a quota 1.54 su Paddypower che accredita ai nuovi utenti che si registrano l’importo della prima scommessa effettuata, perdente o vincente che sia (fino a un massimo di 40 euro).

PRONOSTICO: 0-1
QATAR – IRAN | martedì ore 18:15

Il Qatar ha una nazionale di calcio e molti di voi lo avranno scoperto probabilmente giocando al videogioco Fifa ’97, anno più anno meno. Il Qatar non solo ha una nazionale, ospiterà i mondiali del 2022. Probabilmente saranno i primi che riuscirà a giocare nella fase finale, perché il Qatar ha una squadra scarsa, tanto che nel 2004 cercò di naturalizzare giocatori di altre nazionalità sfruttando un buco regolamentare della Fifa che però corse subito ai ripari.

Questa partita contro l’Iran sarà molto tesa anche per questioni politiche che vedono protagoniste le due nazioni. L’Iran è più forte ma ha molti giocatori infortunati (Hadi Aghili, Mahdi Rahmati, Ali Karimi e Ashkan Dejagah) e rispetto all’allenatore del Qatar, il tecnico Queiroz ha avuto meno tempo a disposizione per preparare la partita, visto che ha avuto tutti i suoi giocatori in ritiro soltanto 48 ore prima dell’inizio della partita.

Gli ultimi quattro precedenti tra Qatar e Iran sono finiti in pareggio. Ci sarà un’altra “X” anche stavolta? Il pareggio è a quota 3.30 su Unibet che offre ai nuovi registrati il rimborso completo della prima scommessa effettuata, se questa dovesse rivelarsi perdente (rimborso massimo: 100 euro).

PRONOSTICO: 1-1
LIBANO – COREA DEL SUD | martedì ore 18:15

La Corea del Sud arriva alla fase finale dei mondiali di calcio consecutivamente dal 1986, e con ogni probabilità parteciperà anche alla prossima edizione che si giocherà in Brasile. In classifica la Corea del Sud è seconda, ma ha una partita in meno della prima. Contro il Libano che è la squadra più scarsa tra quelle asiatiche rimaste in corsa, la vittoria è altamente probabile è infatti la quota di Paddypower per il “2” è relativamente bassa, 1.32.

PRONOSTICO: 0-2