Mercoledì c’è il recupero Sampdoria-Inter

Serie A
SAMPDORIA – INTER | mercoledì ore 18:30

La stagione dell’Inter – a meno di una parte finale migliore di quella pur positiva dell’anno scorso (17 punti nelle ultime nove giornate) – è una delusione totale. È molto probabile che Stramaccioni continuerà ad essere l’allenatore dell’Inter fino all’ultima giornata del campionato, ma dai risultati di queste ultime nove partite di Serie A dipenderà la sua eventuale conferma in panchina. Se l’Inter non si qualificherà in Champions League e non vincerà la Coppa Italia, l’esonero a fine stagione sarà quasi automatico.

I problemi di questa squadra non sono tutti dovuti a delle colpe specifiche dell’allenatore, che però di sicuro non ha trovato il modo di risolverli, soprattutto da quando si è infortunato Milito in attacco. Gli acquisti nel mercato estivo e anche in quello invernale non hanno alzato di molto la qualità della squadra. L’unico campione arrivato è il portiere Handanovic. Palacio è un buon giocatore, Cassano fenomenale solo quando vuole lui, Kovacic una scommessa per il futuro. Silvestre, Gargano, Mudingayi e Schelotto sono giocatori da top 11 delle squadre medio-piccole della Serie A, non da Inter. Alvaro Pereira e Kuzmanovic hanno reso meno del previsto (soprattutto il primo, che non sembra avere i piedi di un giocatore pagato dieci milioni di euro). E poi ci sono giocatori che hanno fatto la storia di questo club come Samuel, Chivu, Cambiasso, Stankovic e Zanetti: ai tifosi dell’Inter quasi viene da piangere pensando a quello che hanno dato – e vinto – in passato, e a quanto (poco) stanno dando ora a causa dell’età e di compagni di squadra decisamente non all’altezza dell’era Mourinho.

Perdere contro la Sampdoria la quinta delle ultime otto partite di campionato potrebbe però accelerare il processo di delegittimazione di Stramaccioni, che ancora non ha capito se la sua Inter deve giocare con la difesa schierata a tre o a quattro, né di preciso dove devono giocare Kovacic e Guarin, due giocatori che pure avrebbero tanto da dare se bene impiegati. E la sensazione è che l’Inter la partita di recupero a Marassi contro la Sampdoria (partita rinviata per maltempo domenica 17 marzo) non la vincerà (doppia chance interna a quota 1.40 su Paddypower).

La differenza tra Sampdoria e Inter potrebbe farla la difesa. La squadra allenata da Delio Rossi nelle ultime cinque partite in casa ha subito appena un gol. Merito della difesa schierata con tre centrali, in cui Palombo è libero di cercare l’anticipo con Gastaldello e Costa a coprirgli le spalle e sempre puntuali nelle chiusure. Anche una squadra molto offensiva come l’Inter incontrerà probabilmente parecchie difficoltà nel bucare la difesa avversaria. Di sicuro la Sampdoria giocherà come sempre ha fatto nelle ultime settimane con Delio Rossi in panchina, e cioè lasciando il pallino del gioco agli avversarsi, difendendo con ordine per poi ripartire appena si troverà gli spazi giusti per colpire con la velocità di Sansone e Icardi.

La difesa dell’Inter, oltre al pessimo rendimento dell’ultimo periodo (nel girone di ritorno ha subito 17 gol in 10 partite, e nelle 14 più recenti non ne ha subiti soltanto in una occasione), deve fare i conti con l’assenza di Chivu per squalifica e con le precarie condizioni fisiche di Samuel e Ranocchia, non sicuri di giocare.

Per questo motivo l’Inter molto probabilmente farà maggiore possesso palla e la Sampdoria potrebbe collezionare più cartellini gialli, visto che la squadra di Stramaccioni è tra le meno sanzionate del torneo. In trasferta l’Inter nel 2013 ha fatto molto male: nonostante l’ultima vittoria di Catania ottenuta in rimonta, ha raccolto appena 4 punti su 5 partite in cui ha subito 13 gol. Troppi per sperare di vincere a Marassi contro la Sampdoria.

Probabili formazioni:
SAMPDORIA: Romero, Mustafi, Palombo, Gastaldello, De Silvestri, Poli, Krsticic, Obiang, Estigarribia, Sansone, Icardi.
INTER: Handanovic, Zanetti, Ranocchia, Samuel (Silvestre), Juan Jesus, Pereira, Gargano, Kovacic, Guarin, Palacio, Cassano.

PRONOSTICO: 1-1