Milan-Udinese è il posticipo della domenica

Serie A

PESCARA – BOLOGNA | domenica ore 15:00

Contro la Roma di Zeman, è vero, si sono divertiti tutti gli attaccanti della Serie A. Ma Diamanti domenica scorsa ha messo in mostra una stato di forma sensazionale e se avrà il piede ancora caldo ci sarà poco da fare anche per un portiere forte come Perin. Che suo malgrado è il più battuto della Serie A, colpa di una difesa che non sembra all’altezza. Vedremo come si comporterà il nuovo arrivato Bianchi Arce, che giocherà la sua prima partita da titolare. Ma il Bologna non è solo Diamanti. Gilardino sta tornando l’opportunista di una volta, e il greco Kone ha grandi capacità negli inserimenti senza palla. Vedremo come reagirà la difesa alle brutte figure di domenica scorsa. Il problema non è tanto Sorensen, una domenica storta capita a tutti e il danese per tutta la stagione ha ben sostituito Portanova (ora passato al Genoa) nei suoi mesi di squalifica. Il problema più grande è il portiere Agliardi, poco abile nelle uscite, che potrebbe soffrire i cross tesi dalla bandierina di D’Agostino e il Pescara potrebbe colpire con il nuovo arrivato Sforzini, alto 193 centimetri e autore in questa stagione in Serie B di 10 gol, 7 dei quali proprio di testa. A proposito di calci d’angolo, però, dovrebbe batterne di più il Bologna. Quando li tira a rientrare Diamanti, spesso la difesa in difficoltà butta il pallone nuovamente fuori rifugiandosi proprio in un altro calcio d’angolo. E lo stesso capita con i calci piazzati. In totale in campionato il Bologna ne ha tirati 112 contro i 97 del Pescara.

Probabili formazioni:
PESCARA: Perin, Balzano, Bianchi Arce, Capuano, Modesto, Blasi, D’Agostino, Bjarnason, Weiss, Sforzini, Vukusic.
BOLOGNA: Agliardi, Antonsson, Sorensen, Cherubin, Motta, Perez, Taider, Morleo, Diamanti, Kone, Gilardino.

PRONOSTICO: 1-2
SIENA – INTER | domenica ore 15:00

Già prima di iniziare la stagione, a causa dei sei punti di penalizzazione, si era capito che per il Siena sarebbe stato un campionato difficile, anche per via delle numerose squalifiche. E il mercato di riparazione ha chiarito che il presidente Mezzaroma evidentemente non crede nel miracolo salvezza, perché sono stati ceduti giocatori importanti e i sostituti in alcuni casi sono delle vere e proprie scommesse. Hanno detto addio Calaiò e Neto, tra i migliori nel girone di andata, sono arrivati Bruno Uvini, Terlizzi e Pozzi, quest’ultimo però ancora indisponibile. E così in attacco dovrà giocare ancora Bogdani. E così Iachini punterà tutto sulla difesa, e sulla generosità e cattiveria agonistica dei suoi giocatori. A questo proposito il Siena molto probabilmente finirà la partita con un più alto numero di ammonizioni rispetto all’Inter, che è la squadra meno sanzionata della Serie A. Stramaccioni dal mercato ha ottenuto tre rinforzi: Kovacic, Kuzmanovic e Schelotto. Solo quest’ultimo dovrebbe partire titolare. Difficile prevedere qualche contributo daranno i tre a lungo termine. Di sicuro l’Inter, che col Torino ha giocato male, ha più qualità rispetto al Siena e tanto dovrebbe bastare per vincere. Una giocata di Cassano, o un tiro dalla distanza di Guarin. Basterà segnare, perché pensare ad un gol subito contro Reginaldo e Bogdani viene davvero difficile.

Formazioni ufficiali:
SIENA: Pegolo; Belmonte, Paci, Felipe; Angelo, Vergassola, Della Rocca, Rubin; Rosina, Sestu; Emeghara.
INTER: Handanovic; Ranocchia, Chivu, Juan Jesus; Schelotto, Kuzmanovic, Zanetti, Nagatomo; Guarin; Cassano, Palacio.

PRONOSTICO: 0-2
MILAN – UDINESE | domenica ore 20:45

La crescita del Milan è evidente, e la classifica lo evidenzia. In più ci sarà anche il ritrovato entusiasmo dei tifosi per l’arrivo di Balotelli, che Allegri potrebbe anche far giocare dal primo minuto con Niang ed El Shaarawy. Un attacco davvero fortissimo, c’è poco da discutere. In attesa di capire con quale spirito affronterà questa nuova avventura l’ex giocatore di Inter e Manchester City, la sicurezza in casa Milan è El Shaarawy, tornato al gol dopo quattro gare di digiuno ma sempre volenteroso e disposto al sacrificio in stagione. Lui e Balotelli hanno un tiro forte e preciso, per Padelli, sostituto dell’infortunato Brkic e mai troppo sicuro di sé, non sarà una serata rilassante. Avere terminato le partite contro Sampdoria e Atalanta con la porta inviolata, due delle ultime tre, non basta al Milan per pensare di avere risolto i propri problemi difensivi. Una squadra con il tridente più Boateng, evidentemente votata all’attacco, è poi l’ideale per l’Udinese sempre pericolosa nelle ripartenze. Muriel (protagonista del Power Bonus di questa partita) e Di Natale sono due giocatori che alla prima occasione buona non si lasciano pregare e la mettono dentro. Nelle ultime tre stagioni l’Udinese non ha mai perso a San Siro contro il Milan, segnando sempre almeno un gol. L’eccessivo entusiasmo per l’arrivo di Balotelli potrebbe distrarre dalla forza dell’avversario, pronto ad approfittarne. Pare più probabile una partita con tanti gol che la vittoria facile del Milan.

Formazioni ufficiali:
MILAN: Amelia, Abate, Bonera, Zapata, Constant, Flamini, Montolivo, Nocerino, Niang, Pazzini, El Shaarawy.
UDINESE: Padelli, Hertaux, Danilo, Domizzi, Silva, Basta, Pinzi, Allan, Lazzari, Muriel; Di Natale.

PRONOSTICO: 2-2