Tanti gol a Bologna, pochi a Cagliari?

Serie A
BOLOGNA – ROMA | domenica ore 12:30

C’è una chiara tendenza nella Roma del 2013, ed è quella di partire con grande intensità nei minuti iniziali del primo tempo, almeno fino alla mezzora di gioco, per poi calare e crollare del tutto nella ripresa. Anche Zeman lo ha ammesso. Di mezzo c’è il richiamo di preparazione avvenuto negli Stati Uniti durante la sosta ma soprattutto i pochi allenamenti infrasettimanali per via della Coppa Italia. Contro il Bologna c’è il precedente dell’andata in cui la Roma avanti di due gol dopo sedici minuti, nel secondo tempo ne subì tre nel giro di venti perdendo una partita dominata. Questo è il pericolo maggiore che corre la squadra del tecnico boemo. Tenere maggiore possesso palla, attaccare in modo continuo, ma riuscire a segnare pochi gol rispetto alle tante occasioni da gol create. E poi subirli alla prima sciocchezza, perché il Bologna, pure inferiore alla Roma nel complesso, ha però in avanti giocatori dal gol facile, capaci di punirti alla prima occasione giusta: Gilardino, Diamanti e anche Gabbiadini. In sintesi, la partita dovrebbe essere ricca di gol, con la Roma che avrà di più il possesso palla soprattutto nel primo tempo, e che probabilmente passerà in vantaggio, senza riuscire poi eventualmente a mantenerlo.

Probabili formazioni:
BOLOGNA: Agliardi, Motta, Antonsson, Sorensen, Morleo, Khrin, Perez, Diamanti, Kone, Gabbiadini, Gilardino.
ROMA: Goicoechea, Piris, Marquinhos, Castan, Balzaretti, Bradley, Tachtsidis, Florenzi, Pjanic, Osvaldo, Totti.

PRONOSTICO: 2-2
ATALANTA – MILAN | domenica ore 15:00

Il Milan, tra campionato, Champions e Coppa Italia, è riuscito a mantenere la porta inviolata in trasferta in una sola occasione, l’ultima, contro la Sampdoria a Marassi. Sono 24 gol subiti su 14 partite, quasi due a gara, numeri che una squadra che punta alla Champions League non può permettersi. La partenza di Thiago Silva ha lasciato un vuoto che fa piangere i tifosi, e nessuno in difesa ha approfittato della partenza del brasiliano per mettersi in evidenza. Mexes è il gemello cattivo di quello che alla Roma era diventato uno dei migliori della Serie A, Zapata è stato penalizzato dagli infortuni e non è ancora al top, Acerbi ha fatto mettere più volte le mani nei capelli anche a Galliani, ed è stato rispedito al mittente. Bonera, che quando ha giocato è stato il migliore, e già su questo si deve riflettere visto che solo l’anno scorso vedeva il campo col binocolo, è stato limitato da continui guai fisici. I migliori sono i terzini, Costant è in ripresa, De Sciglio una piacevole sorpresa e Abate non è una novità. Tutti e tre sono però abili ad attaccare, meno a difendere. E questa sembra la caratteristica di tutta la squadra rossonera. Che dovrà fare i conti con l’Atalanta che deve invertire il recente andamento negativo e che punterà tutto sull’agonismo, lottando su ogni pallone. Possibile un maggiore numero di ammoniti da parte dell’Atalanta, il Milan avrà più possesso palla ma dovrà stare attento alle ripartenze degli avversari. La maggiore qualità offensiva e capacità di realizzazione da parte del Milan fa partire comunque favorita la squadra di Allegri.

Probabili formazioni:
ATALANTA: Consigli, Ferri, Canini, Stendardo, Brivio, Biondini, Cigarini, Carmona, Bonaventura, Parra, Denis.
MILAN: Abbiati, De Sciglio, Mexes, Zapata, Constant, Flamini, Montolivo, Boateng, Niang, Pazzini, El Shaarawy.

PRONOSTICO: 1-2

CAGLIARI – PALERMO | domenica ore 15:00

Il Palermo in trasferta va malissimo. Sono quindici le partite consecutive senza vittoria, e iniziare da Cagliari sarà molto difficile. Perché di fronte i rosanero avranno un’altra squadra costretta a lottare per non retrocedere in Serie B. Le condannate a fine anno saranno tre, il Cagliari è quart’ultimo e ha quattro punti di vantaggio proprio sul Palermo penultimo. Di solito in occasioni come queste si dice che i punti in palio valgono doppio. Che vuol dire? Vuol dire che se il Cagliari vince, evidentemente il Palermo perde, e i punti di distacco in classifica diventano sette. Una buona assicurazione sul futuro. Ma in partite come queste a prevalere, si dice anche, è la paura di perdere. Tradotto, gli allenatori preferirebbero anche pareggiare 0-0, prima di tutto badano a non prendere gol. Grande attenzione in fase difensiva, mai lasciare spazio agli avversari cercando di segnare e poi restando invece fregati. Il Cagliari ha uno dei peggiori attacchi della Serie A, insieme al Palermo che in trasferta ha segnato appena quattro gol. Miccoli e Brienza sembrano troppo leggeri per creare apprensioni alla difesa del Cagliari. Nelle ultime due stagioni Miccoli ha segnato in una sola partita giocata lontano dal suo amato “Barbera”, che poi è lo stadio in cui gioca il Palermo le partite casalinghe. L’unica speranza per Gasperini è che il nuovo arrivato Sorrentino, portiere, dia maggiore sicurezza alla difesa, schierata in fase di non possesso palla con cinque uomini. Un affollamento che non dovrebbe premiare le caratteristiche di Sau e soprattutto Ibarbo, così forte quando può fare valere la sua corsa quanto debole negli spazi stretti.

Sarà una partita in cui probabilmente non verranno segnati tanti gol e che il Palermo difficilmente vincerà. E se proprio ci sarà qualcuno capace di sbloccarla, il veggente punta su Nainggolan che nel nuovo ruolo di trequartista atipico avrà maggiori possibilità di cercare il tiro da fuori area. E al Palermo segnò l’unico gol della passata stagione.

Probabili formazioni:
CAGLIARI: Agazzi, Pisano, Rossettini, Astori, Avelar, Dessena, Conti, Ekdal, Nainggolan, Ibarbo, Sau.
PALERMO: Sorrentino, Munoz, Von Bergen, Aronica, Morganella, Kurtic, Barreto, Dossena, Ilicic, Miccoli, Brienza.

PRONOSTICO: 1-0
CATANIA – FIORENTINA | domenica ore 15:00

Da un punto di vista tattico questa partita appare di facile lettura. Sono alte le possibilità di vedere la Fiorentina come squadra con maggiore possesso palla. Non che al Catania dispiaccia più di tanto, visto che Barrientos e Gomez amano giocare di rimessa, fare male cioè in contropiede. Mancheranno però i passaggi di Lodi, squalificato come il giocatore che ha segnato più gol fin qui, Bergessio. Lodi e Bergessio, tra assist decisivi e gol, hanno partecipato attivamente a 19 dei 29 gol segnati in stagione dalla squadra di Maran. Il Catania dovrà fare poi molta attenzione ai calci piazzati della Fiorentina, sebbene Legrottaglie e Spolli nel gioco aereo siano difficilmente superabili. Vincere a Catania è difficile per tutti, ma Montella alla prima da ex a Catania potrebbe raccogliere comunque un risultato positivo.

Probabili formazioni:
CATANIA: Andujar, Alvarez, Legrottaglie, Spolli, Marchese, Izco, Paglialunga, Biagianti, Barrientos, Castro, Gomez.
FIORENTINA: Neto, Roncaglia, Rodriguez, Savic, Cuadrado, Aquilani, Romulo, Borja Valero, Pasqual, Jovetic, Toni.

PRONOSTICO: 1-1