Nba, Thunder corsari a Los Angeles?

NEW YORK KNICKS – CHICAGO BULLS

Tre gare perse nelle ultime cinque. Anthony innervosito e distratto dal punzecchiante trash talking di Garnett. Il rientro di Stoudamire, un pesce fuor d’acqua nel gioco di coach Woodson. L’infortunio di Wallace. Cosa sta accadendo ai Knicks? D’improvviso, al Madison Square Garden sembra di essere tornati indietro di qualche anno, alle disastrose ere Thomas-D’Antoni, quando il carrozzone bianco-arancio-blu assomigliava più a un reality che a una squadra di pallacanestro. Magari i risultati ci smentiranno, ma le recenti prestazioni non promettono nulla di buono. Stanotte, contro i Bulls, ritorna Melo dopo la squalifica che gli ha impedito di scendere in campo ieri nel confronto (perso) con i Pacers. Chicago – che sta vivendo un momento felice e viaggia alla grande in trasferta (9-5) – ha già battuto New York in entrambi i due precedenti stagionali. Una bestia nera che sopraggiunge forse nel momento più delicato. Al punto tale da rispolverare il vecchio adagio “non c’è due senza tre…”.

PRONOSTICO: CHICAGO vincente

MEMPHIS GRIZZLIES – SAN ANTONIO SPURS

Se c’è una squadra che, quasi puntualmente, è in grado di mettere in difficoltà i senatori degli Spurs, quella è proprio Memphis. Non a caso, nei playoff di due anni fa, furono i Grizzlies a sgretolare a sorpresa le speranze di vittoria della Pop-band. Il primo confronto stagionale, lo scorso 2 dicembre, se l’è però aggiudicato San Antonio: all’AT&T Center fini 99 a 95 per gli speroni nero-argento. Ma non fu una passeggiata. E non lo sarà neanche questa notte, per San Antonio. Gli “orsetti” del Tennessee sono reduci da quattro successi consecutivi in trasferta e tra le mura amiche difficilmente si lasciano intimidire (13-4). Tra l’altro, il lungimirante Popovich sta approfittando del rallentamento delle dirette concorrenti nella Western Conference per far rifiatare i suoi big three, i cui minutaggi nelle scorse gare si sono ridotti notevolmente. Con Duncan e Ginobili a scaldare la panca invece che il parquet, Gay, Randolph e Marc Gasol avranno vita facile.

PRONOSTICO: MEMPHIS vincente
LOS ANGELES LAKERS – OKLAHOMA CITY THUNDER

Quella che sarebbe dovuta essere la sfida per lo scettro dell’Ovest, s’è trasformata in una sorta di ultima spiaggia per i Lakers, vera delusione di questa stagione. Los Angeles non riesce a vincere una gara, si fa per dire, dallo scorso anno: tra infortuni, errori e rientri deludenti, regna il caos assoluto in casa D’Antoni. Tra le macerie, il solo a salvarsi e a reggere la baracca è, come al solito, l’immenso Kobe Bryant. Senza di lui, a quest’ora i gialloviola farebbero compagnia ai Wizards sull’ultimo gradino della classifica. Dopo aver capitolato due notti fa a San Antonio, stanotte arriva un alto test proibitivo: Oklahoma. I Thunder di Durant e Westbrook (27-8) non sono in forma smagliante (vedi la sconfitta a Washington), ma per questi Lakers appaiono come un ostacolo insormontabile. Se poi aggiungiamo le probabili assenze di Gasol e Howard – contro gli Spurs si sono rivisti gli impresentabili Clark e Sacre – allora si prospetta un’altra serata da incubo per i fan losangelini.

PRONOSTICO: OKLAHOMA CITY vincente

Altri pronostici (in neretto maiuscolo i probabili vincenti):
Toronto Raptors – CHARLOTTE BOBCATS
BOSTON CELTICS – Houston Rockets
BROOKLYN NETS – Phoenix Suns
Atlanta Hawks – UTAH JAZZ
NEW ORLEANS HORNETS – Minnesota Timberwolves
MILWAUKEE BUCKS – Detroit Pistons
DENVER NUGGETS – Cleveland Cavaliers
GOLDEN STATE WARRIORS – Portland Trail Blazers